UNA BAR­CA TUT­TA NUOVA

Jean­neau spiaz­za tut­ti con il nuo­vo Sun Odys­sey 440 che ab­bia­mo pro­va­to in an­te­pri­ma. Phi­lip­pe Briand che l’ha pro­get­ta­ta ci spie­ga co­me ha sem­pli­fi­ca­to la vi­ta a bor­do

Il Giornale della Vela - - Sommarioago17 -

Jean­neau spiaz­za tut­ti con il nuo­vo Sun Oys­sey 440

Una sor­pre­sa per­fet­ta. Quan­do ab­bia­mo ri­ce­vu­to la te­le­fo­na­ta di An­drea Cra­gnot­ti, re­spon­sa­bi­le per l’Ita­lia del can­tie­re fran­ce­se Jean­neau, sia­mo ri­ma­sti tut­ti a boc­ca aper­ta: “Ab­bia­mo mes­so in ac­qua una nuova bar­ca, vi in­vi­tia­mo a pro­var­la in esclu­si­va a Les Sa­bles d’Olon­ne, è un 45 pie­di dav­ve­ro ri­vo­lu­zio­na­rio, di cui nes­su­no ha sen­ti­to ancora par­la­re”. E in ef­fet­ti era dav­ve­ro co­sì. Di un nuo­vo Sun Odys­sey 440 nes­su­no sa­pe­va nul­la, ma la bar­ca ci aspet­ta­va già in ac­qua per una pro­va in esclu­si­va, pri­ma di qual­sia­si co­mu­ni­ca­zio­ne uf­fi­cia­le al­la stam­pa. Un ve­ro col­pac­cio dei fran­ce­si!

IN TRA­SFER­TA NEL­LA CA­PI­TA­LE DELLA VE­LA FRAN­CE­SE

Detto, fat­to. Sono vo­la­ta nel­la ca­pi­ta­le della ve­la fran­ce­se, se­de della mi­ti­ca par­ten­za del Ven­dée Glo­be, do­ve le sorprese non era­no fi­ni­te. Ad aspet­tar­mi in ban­chi­na ho tro­va­to un ve­ro gu­ru della ve­la mondiale, Phi­lip­pe Briand, che que­sta bar­ca l’ha pen­sa­ta in ogni suo mi­ni­mo det­ta­glio. “Sa­rà che for­se sto di­ven­tan­do vec- chio an­che io” – esor­di­sce il gran­de pro­get­ti­sta fran­ce­se – “e nel di­se­gna­re que­sto nuo­vo mo­del­lo ho mes­so da­van­ti a ogni co­sa la co­mo­di­tà e sem­pli­ci­tà della vi­ta a bor­do. Le au­to­mo­bi­li sono sempre più co­mo­de, la tec­no­lo­gia sempre più er­go­no­mi­ca, e di con­se­guen­za si aspet­ta­no que­sto an­che le per­so­ne che van­no per mare. In po­che pa­ro­le, tut­to og­gi ten­de a es­se­re sem­pli­fi­ca­to. Par­ten­do da que­sto ra­gio­na­men­to le li­nee di sca­fo e la co­per­ta della bar­ca sono sta­te una di­ret­ta con­se­guen­za. Pro­get­tual­men­te la pop­pa del­le bar­che è sta­ta ne­gli ul­ti­mi an­ni esa­spe­ra­ta al mas­si­mo e non c’è più lar­ghez­za die­tro da con­qui­sta­re. E co­sì ho cer­ca­to lo spa­zio a prua ispi­ran­do­mi agli ul­ti­mi mi­ni con la prua ro­ton­da “a scow” per spo­sta­re avan­ti il ba­glio mas­si­mo della bar­ca e con­qui­sta­re spa­zio sot­to­co­per­ta. Que­sto sen­za in­tac­car­ne le prestazioni, che, co­me hanno di­mo­stra­to i Mi­ni 6,50 con la prua ton­da, sono di tut­to ri­spet­to, so­prat­tut­to al­le por­tan­ti. Gra­zie a que­sta in­no­va­zio­ne è sta­to pos­si­bi­le rea­liz­za­re una ca­bi­na di prua di di­men­sio­ni in­so­li­te per un 45 pie­di e ri­ca­va­re un am­pio ca­la­ve­le dif­fi­ci­le se non im­pos­si­bi­le da tro­va­re in bar-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.