IN CER­CA DI LI­BER­TÀ E DI AV­VEN­TU­RA

ognu­no di lo­ro spin­to da mo­ti­va­zio­ni di­ver­se (sfi­da, pace in­te­rio­re, amo re, vo­glia di co­no­sce­re), ma ac­co­mu­na­ti dal­la pas­sio­ne per la ve­la

Il Giornale della Vela - - Fronte Del Porto -

Da­van­ti al ma­re, la fe­li­ci­tà è un’idea sem­pli­ce, scri­ve­va Jean Clau­de-Iz­zo. “Non c’è nien­te di più ve­ro”, pen­sa­va­mo al ri­tor­no dall’Ocean Film Fe­sti­val di Milano, do­po aver vi­sto i sor­ri­si dei pro­ta­go­ni­sti del do­cu­film “Sea Gyp­sies - The Far Si­de Of The World”. La sto­ria di una bar­ca a ve­la de­gli an­ni ’70 e una ciur­ma al­quan­to sgan­ghe­ra­ta al­la sco­per­ta dell’Ocea­no del Sud, dal­la nuova Ze­lan­da al­la Pa­ta­go­nia pas­san­do per l’An­tar­ti­de (le fo­to e le di­da­sca­lie che ac­com­pa­gna­no que­sto ser­vi­zio so­no tut­te su di lo­ro). Giun­ti in re­da­zio­ne, per cu­rio­si­tà, ab­bia­mo con­fron­ta­to sta­ti­sti­che (ot­ti­me quel­le sti­la­te dal gu­ru del­le lun­ghe na­vi­ga­zio­ni Jim­my Cor­nell) e fat­to calcoli, ar­ri­van­do a sti­ma­re che in gi­ro per i mari del mon­do ci sia­no al­me­no 8.000 bar­che, di cui mil­le ita­lia­ne. Sen­za con­ta­re i “pai­sà” a zon­zo per i mari sen­za es­se­re ar­ma­to­ri, bar­ca­stop­pi­sti con lo zai­no spal­la as­sol­da­ti sul­le ban­chi­ne del mon­do.

HIPPIE DEI MARI Lo sti­le di vi­ta a bor­do di In­fi­ni­ty è mol­to “hippie”: spa­zi ri­stret­ti, vi­ta co­mu­ni­ta­ria, nu­di­smo, ve­ga­ne­si­mo, sup­por­to al­le cau­se am­bien­ta­li­ste (mol­te le azio­ni dei Sea Gyp­sies a sup­por­to di real­tà che di­fen­do­no i mari co­me Sea She­pherds). Co­me di­ven­ta­re Sea Gyp­sies? Con una do­na­zio­ne ini­zia­le per en­tra­re nel­la co­mu­ni­tà: so­lo co­sì è possibile pre­no­ta­re il pro­prio pe­rio­do a bor­do, che co­sta 20 eu­ro al gior­no a per­so­na.

ITA­LIA­NI IN FU­GA PER LA LI­BER­TÀ

A span­ne, so­no più me­no tre­mi­la gli ita­lia­ni in cer­ca di li­ber­tà e av­ven­tu­ra (più del dop­pio ri­spet­to a qual­che an­no fa). Ognu­no a mo­do suo: c’è chi al­la vi­ta die­tro a una scri­va­nia ha det­to no. Co­me il con­te Um­ber­to Mar­zot­to (vi ab­bia­mo rac­con­ta­to la sua sto­ria sul­lo scor­so nu­me­ro del Gior­na­le del­la Ve­la, e lo tro­va­te an­che tra i can­di­da­ti al Ve­li­sta dell’an­no nel ser­vi­zio­ne da pag. 56), che ha tro­va­to la sua sal­vez­za in­te­rio­re nel­la ve­la ed è al suo se­con­do gi­ro del mon­do. O co­me il no­va­re­se Fa­bio Por­te­san e la sua famiglia, che han­no ven­du­to ca­sa e mac­chi­na e si pre­pa­ra­no a gi­ra­re il mon­do su un Be­ne­teau Ocea­nis 430. Per ef­fet­tua­re una scel­ta del ge­ne­re”, ci ha rac­con­ta­to Por­te­san, “bi­so­gna in­nan­zi­tut­to de­ci­de­re qua­le sia la co­sa più im­por­tan­te nel­la vi­ta, la co­sa che bi­so­gna met­te­re al cen­tro. Se la ri­spo­sta è la famiglia al­lo­ra una scel­ta co­me la no­stra è qua­si ine­vi­ta­bi­le”. Li­ber­tà, quin­di. Li­ber­tà di col­ti­va­re i rap­por­ti uma­ni. E li­be­ri so­no Eri­ka Sto­rel­li e Ste­fa­no Man­drio­li, che ave­va­no un so­gno e lo stan­no rea­liz­zan­do: il gi­ro del mon­do in to­ta­le tran­quil­li­tà, sulla lo­ro Al­pa S&S di 12 me­tri. “Bea­ti

lo­ro”, di­re­te. “Ah, se aves­si avu­to l’età”, di­re­te. Be­ne, sap­pia­te che c’è an­che chi de­ci­de di met­ter­si al­la pro­va quan­do la vi­ta in so­cie­tà ti vor­reb­be in pan­to­fo­le a guar­da­re la tv: chie­de­te a Vit­to­rio Set­ti e Sil­va­no Si­ghi­nol­fi, set­tan­ten­ni mo­de­ne­si, se la ve­la non sia la “mi­glio­re del­le pen­sio­ni pos­si­bi­li”. So­no par­ti­ti sul lo­ro Amel Su­per Ma­ra­mu con quin­di­ci li­tri di ace­to bal­sa­mi­co e ven­ti chi­li di par­mi­gia­no per un gi­ro del mon­do in bar­ca a ve­la lun­go due an­ni e 42.000 mi­glia. Po­trem­mo rac­con­tar­ne tan­tis­si­me di que­ste sto­rie, an­zi, qua­si tre­mi­la. Spul­cia­te per il web, tro­ve­re­te blog e si­ti che nar­ra­no le pe­ri­pe­zie di co­lo­ro che han­no de­ci­so di sce­glie­re la li­ber­tà. In mol­ti ca­si, po­tre­te unir­vi a lo­ro: per con­di­vi­de­re l’av­ven­tu­ra o per im­pa­ra­re (da­te un chia­mo a Vit­to­rio Ma­lin­gri, a Ome­ro Mo­ret­ti, a Car­lo Ven­co so­lo per ci­tar­ne al­cu­ni).

PAZZI INCOSCIENTI? NO, LI­BE­RI

Di­ce­va­mo, ognu­no vi­ve il ma­re a mo­do suo: e stan­no cre­scen­do, an­che in Ita­lia, quel­li che vi­vo­no il ma­re co­me una gran­de sfi­da. Sem­pre con ri­spet­to, per­ché la pre­sun­zio­ne è la peg­gior ne­mi­ca di qual­sia­si ma­ri­na­io. Ma­lin­gri, che con il fi­glio Ni­co ha at­tra­ver­sa­to l’Atlan­ti­co su un ca­ta­ma­ra­no non abi­ta­bi­le di sei me­tri, lo ab­bia­mo ci­ta­to po­co fa. Dell’im­pre­sa di Da­rio No­se­da, il “ma­ri­na­io di ac­qua dol­ce” che è ap­pe­na di­ven­ta­to il pri­mo uo­mo a com­pie­re la tran­sa­tlan­ti­ca in Star, vi par­lia­mo sia a pag. 11 che a pag. 91. Qual­cu­no ha da­to lo­ro de­gli incoscienti. Ma il co­me ognu­no tro­vi la sua pace in­te­rio­re non va giu­di­ca­to. Do­vrem­mo for­se da­re dei “pazzi incoscienti” a ma­ri­nai co­me Am­bro­gio Fo­gar, Alex Ca­roz­zo, Gio­van­ni Sol­di­ni, Gae­ta­no e An­drea Mu­ra, tutti i gio­va­ni na­vi­ga­to­ri so­li­ta­ri che con bud­get stri­min­zi­ti sfi­da­no gli ocea­ni? A con­fer­ma del fat­to che il so­gno di ri­sco­prir­si esplo­ra­to­ri sia “di mo­da” an­che tra i “ter­re­stri”, so­no gli in­cre­di­bi­li nu­me­ri di views che fan­no re­gi­stra­re gli ar­ti­co­li che par­la­no del­le lo­ro av­ven­tu­re.

L’AV­VEN­TU­RA È... NA­VI­GA­RE

Al­la fi­ne, con­sta­ta­to il boom de­gli ita­lia­ni che de­ci­do­no di mol­la­re gli or­meg­gi (sia per me­te lon­ta­ne, al di là del­le Co­lon­ne d’Er­co­le che in Me­di­ter­ra­neo, co­me in Gre­cia, al­le Ba­lea­ri o sul­le co­ste Nor­da­fri­ca­ne), ci sia­mo re­si con­to che ave­va ra­gio­ne Gneo Pom­peo quan­do esor­ta­va i suoi ma­ri­nai, ri­lut­tan­ti a im­bar­car­si al­la vol­ta di Ro­ma a cau­sa del cat­ti­vo tem­po, con la fra­se Na­vi­ga­re ne­ces­se est, vi­ve­re non est ne­ces­se (“Na­vi­ga­re è in­di­spen­sa­bi­le, vi­ve­re no”). Due­mi­la an­ni fa, ave­va col­to l’es­sen­za stes­sa del­la na­vi­ga­zio­ne. Na­vi­ga­re è di per sé un’av­ven­tu­ra, sia che ci si tro­vi tra i Qua­ran­ta Rug­gen­ti che da­van­ti all’Iso­la d’Elba, ma­ga­ri cir­con­da­ti dai del­fi­ni. Non vi re­sta che pro­va­te di per­so­na: i Sea Gyp­sies (in­fi­ni­tyex­pe­di­tion.org) vi stan­no aspet­tan­do!

VEC­CHIA SI­GNO­RA In­fi­ni­ty (qui ri­trat­to in Pa­ta­go­nia) è un ket­ch in al­lu­mi­nio di 36,5 me­tri co­strui­to ne­gli an­ni ’70. Di nor­ma i Sea Gyp­sies na­vi­ga­no con un equi­pag­gio di 16 per­so­ne: la bar­ca è gi­ro per i mari del mon­do da 14 an­ni, do­po es­se­re sal­pa­ta...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.