Gi­gi­no, il ra­gaz­zo “per­fet­ti­no” nean­che il pa­pà fa­sci­sta lo vo­tò

Eb­be so­lo 59 vo­ti nel­la «sua» Po­mi­glia­no ora di­vi­sa sul­la can­di­da­tu­ra

Il Mattino (Avellino) - - Primo Piano -

con la ma­te­ma­ti­ca. Per que­sto do­vet­te la­scia­re In­ge­gne­ria». Di Ma­io stu­den­te bril­lan­te. E an­che «Gi­gi­no web­ma­ster«, co­me lo chia­ma, sprez­zan­te, il so­li­to Vincenzo De Lu­ca. Ma ora? Quan­to è cam­bia­to? «Lo am­mi­ra­vo e lo am­mi­ro - con­ti­nua il pro­fes­so­re Cas­se­se - È una per­so­na one­sta e lea­le. Ma mi aspet­ta­vo da lui una mag­gio­re spin­ta all’au­to­no­mia di pen­sie­ro. Ma for­se non è col­pa sua, è il Mo­vi­men­to 5 Stel­le che è fat­to in que­sto mo­do. Lì co­man­da un co­mi­co che vuo­le di­ven­ta­re qual­cu­no e che tra­smet­te le sue decisioni agli al­tri. E que­sto non è de­mo­cra­zia. Io que­ste co­se le ho det­te a Lui­gi. Lui so­stie­ne che non è co­sì».

In ogni ca­so la prima pie­tra del nuo­vo li­ceo, che ora sor­ge in lo­ca­li­tà Pra­to­la Pon­te, fu po­sa­ta nel 2004. Sin­da­co del Pd (og­gi con Mdp-Ar­ti­co­lo 1), in quell’an­no era Mi­che­le Ca­iaz­zo, ri­fe­ri­men­to per la si­ni­stra sul ter­ri­to­rio. «Con­ser­vo an­co­ra - di­ce sor­ri­den­do - la fo­to­gra­fia do­ve si ve­de Di Ma­io che mi ap­plau­de: for­se so­no l’uni­co espo­nen­te del Pd che si è bec­ca­to un ap­plau­so dal gril­li­no Di Ma­io...». For­se. Ma di ac­qua ne è pas­sa­ta sot­to i pon­ti. «Di Ma­io mo­stra di co­no­sce­re be­ne l’uso dei me­dia e dei so­cial - os­ser­va Ca­iaz­zo -. Ma per an­da­re a fa­re il pri­mo mi­ni­stro ci vuo­le un re­tro­ter­ra di­ver­so. Il suo spes­so­re cul­tu­ra­le e po­li­ti­co? Non lo giu­di­co. So­no mol­to di­stan­te dai 5 Stel­le e dal­la lo­ro de­ri­va ideo­lo­gi­ca e fa­na­ti­ca, tut­ta­via di­co: i giu­di­zi sull’at­ti­vi­tà di go­ver­no di un po­li­ti­co si dan­no quan­do ha da­to pro­va di sé, non prima. E poi og­gi al go­ver­no c’è uno co­me Al­fa­no: non cre­do che ci met­te­reb­be­ro mol­to a es­se­re me­glio di lui Di Ma­io e Di Bat­ti­sta».

An­che a Po­mi­glia­no d’Ar­co, è ov­vio, i pa­re­ri su Lui­gi-Gi­gi­no-Lui­gio­ne non con­ver­go­no. «Pre­pa­ra­to, bra­vo, one­sto, se­rio». L’uo­mo giu­sto al po­sto giu­sto e al mo­men­to giu­sto. In­som­ma: me­no ma­le che Lui­gi c’è. Op­pu­re: in­com­pe­ten­te, spre­giu­di­ca­to, am­bi­zio­so, ci­ni­co, op­por­tu­ni­sta. Un «fur­bet­to del quar­tie­ri­no», chio­sa qual­cu­no dei più ma­li­gni.

Po­mi­glia­no, qua­ran­ta­mi­la abi­tan­ti, cit­tà ope­ra­ia, lun­ga tra­di­zio­ne di lot­te so­cia­li, po­lo in­du­stria­le og­gi mar­chion­niz­za­to, ex roc­ca­for­te del­la si­ni­stra ora go­ver­na­ta dal cen­tro­de­stra. Qui è cre­sciu­to e si è for­ma­to Di Ma­io. Qui ci so­no la sua fa­mi­glia - pa­pà, mam­ma e due fra­tel­li - gli ami­ci, i com­pa­gni di scuo­la, i suoi in­se­gnan­ti, un’ex fi­dan­za­ti­na. Qui ha se­de la Ar­di­ma srl, so­cie­tà di co­stru­zio­ni di cui il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra è so­cio al 50% con la so­rel­la Ro­sal­ba, che è ar­chi­tet­to. E, sem­pre a Po­mi­glia­no, Gi­gi­no ra­ci­mo­lò ap­pe­na 59 pre­fe­ren­ze quan­do si can­di­dò al­le Co­mu­na­li del 2010. «Non lo vo­tò nean­che il pa­pà», di­co­no. Già, il pa­dre. Un «vec­chio» fa­sci­sta, An­to­nio Di Ma­io. Ori­gi­na­rio di Lau­sdo­mi­ni, fra­zio­ne agri­co­la di Ma­ri­glia­no, a po­chi chi­lo­me­tri da Po­mi­glia­no. Un pic­co­lo im­pren­di­to­re edi­le, mi­li­tan­te del Msi di Al­mi­ran­te e poi di­ri­gen­te lo­ca­le di Al­lean­za Na­zio­na­le. Non sop­por­ta­va che il fi­glio si fos­se ac­co­da­to a quel Bep­pe Gril­lo. Sto­ria no­ta, que­sta: ven­ne rac­con­ta­ta su­bi­to do­po l’ele­zio­ne di Lui­gi in Par­la­men­to. Una sto­ria che co­no­sce be­ne an­che An­drea Ame­ri­ca, ex sin­da­ca­li­sta Cgil, ex as­ses­so­re a Na­po­li ed ex sin­da­co a Ma­ri­glia­nel­la, au­to­re di rac­con­ti e di un paio di li­bri am­bien­ta­ti nel­la zo­na (tra cui «La ri­vol­ta del­le pa­ta­te», do­ve si nar­ra di lot­te con­ta­di­ne e tra­sfor­ma­zio­ni so­cia­li). Di Lui­gi Di Ma­io di­ce: «Fur­bo, chiu­so, ri­ser­va­to, am­bi­zio­so. For­se, e di­co for­se, nell’Ita­lia di Non è mai trop­po tar­di del mae­stro Al­ber­to Man­zi si sa­reb­be po­tu­to can­di­da­re a fa­re il con­si­glie­re co­mu­na­le...». E il pa­dre? «Una per­so­na per­be­ne», so­stie­ne Ame­ri­ca. E rac­con­ta: «Nel lon­ta­no 1964 si tra­sfe­rì a Ma­ri­glia­nel­la, vi­ci­no a Lau­sdo­mi­ni. Ri­ma­se qui per più di ven­ti an­ni, prima di an­da­re a Po­mi­glia­no. Ave­va com­pra­to ca­sa fa­cen­do un af­fa­re. Per­ché in pae­se si bi­sbi­glia­va che nel­la ca­sa, iso­la­ta e ri­ma­sta a lun­go in­ven­du­ta, ci fos­se­ro i fan­ta­smi, do­po che era sta­ta tea­tro di un brut­to fat­to di san­gue». Ma An­to­nio Di Ma­io, che non cre­de­va a que­ste leg­gen­de pae­sa­ne, quel­la ca­sa se la com­prò. E a una pa­re­te ci piaz­zò un al­tro fan­ta­sma: il fac­cio­ne in­cor­ni­cia­to di Be­ni­to Mus­so­li­ni.

Ma Di Ma­io pa­dre e Di Ma­io fi­glio, al­me­no da un cer­to mo­men­to in poi, in po­li­ti­ca non so­no più an­da­ti d’ac­cor­do.

Le ori­gi­ni Di Ma­io con al­cu­ni cit­ta­di­ni di Po­mi­glia­no: il le­ga­me con la cit­tà di ori­gi­ne si è rin­sal­da­to da quan­to è sta­to elet­to de­pu­ta­to

Il gio­va­ne lea­der Di Ma­io (il pri­mo a si­ni­stra) com­bat­ti­vo a una ma­ni­fe­sta­zio­ne ai tem­pi del li­ceo, fre­quen­ta­va l’Im­bria­ni di Po­mi­glia­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.