Ventura, il gior­no dell’eso­ne­ro cac­cia al ct: An­ce­lot­ti in po­le

Il no­do del­la buo­nu­sci­ta da 875mi­la eu­ro. Ipo­te­si Di Bia­gio tra­ghet­ta­to­re

Il Mattino (Avellino) - - Primo Piano -

Il suc­ces­so­re di Ventura sa­rà un big. E, pu­re se sul bi­lan­cio del­la Figc in­ci­de­rà la man­ca­ta qua­li­fi­ca­zio­ne al mon­dia­le, con un in­gag­gio da al­le­na­to­re di club. Cioè co­me quel­lo con­ces­so a Con­te, con l’in­ter­ven­to al 50% del­lo spon­sor tec­ni­co, nel bien­nio 2014-16: 4 mi­lio­ni di eu­ro. Il no­me del can­di­da­to non de­ve spa­ven­ta­re: Car­lo, ma con Ta­vec­chio non c’en­tra nien­te. È An­ce­lot­ti il can­di­da­to ec­cel­len­te. An­che di chi ha sug­ge­ri­to al pre­si­den­te fe­de­ra­le di di­met­ter­si: Ma­la­gò lo ri­tie­ne l’uo­mo giu­sto per la ri­fon­da­zio­ne. In­di­ca­zio­ne spo­sa­ta dal dg Uva che la­vo­rò con il tec­ni­co di Reg­gio­lo nel Par­ma. Qual­che con­tat­to in­for­ma­le c’è sta­to nel­le ul­ti­me ore. Via te­le­fo­no. Roma chia­ma Van­cou­ver. Per co­no­sce­re le in­ten­zio­ni di Car­let­to. Che, tra l’al­tro, non è sot­to con­trat­to.

Trat­ta­ti­va com­pli­ca­ta

«So­no a To­ri­no, ma non va­do al­lo sta­dio a ve­de­re Ita­lia-Ma­ce­do­nia. Non vo­glio es­se­re in­di­ca­to co­me chi sta per pren­de­re il po­sto di Ventura. È pre­sto per an­da­re in Na­zio­na­le». An­ce­lot­ti, il me­se scor­so, ha scan­sa­to l’ipo­te­si di un ri­tor­no in azzurro (fu il vi­ce di Sac­chi). Ora, pe­rò, la si­tua­zio­ne è cam­bia­ta. Dal­la ca­pi­ta­le gli han­no det­to che po­treb­be es­se­re il sal­va­to­re del­la Pa­tria. Car­let­to, pe­rò, ha già fat­to sa­pe­re che vuo­le ve­der­ci chia­ro e sa­pe­re chi gui­de­rà la Fe­der­cal­cio. Ha per­ples­si­tà sull’at­tua­le go­ver­nan­ce ed è du­ra dar­gli tor­to. In più si sen­te an­co­ra al­le­na­to­re di club. Sal­ta­ta l’ipo­te­si di fa­re il ct a tem­po con la Croa­zia, lo ha chia­ma­to di nuo­vo Abra­mo­vi­ch per il Chel­sea e ul­ti­ma­men­te è sta­to cer­ca­to dall’Ar­se­nal. Che è di­ven­ta­ta la pri­ma scel­ta. Lon­dra è la piaz­za pre­fe­ri­ta. Sua e del­la mo­glie Ma­riann. La Figc, per con­vin­cer­lo, do­vrà in­som­ma quan­to­me­no re­stau­ra­re il Pa­laz­zo.

Exit stra­te­gy

Di Bia­gio, in­tan­to, si prepara per il ruo­lo di tra­ghet­ta­to­re. Se An­ce­lot­ti ri­nun­ce­rà, Si­bi­lia, vi­ca­rio di Ta­vec­chio, in­si­ste­rà con Con­te. Che, pron­to al rien­tro in Ita­lia e quin­di al di­vor­zio con il Chel­sea, pre­fe­ri­reb­be tor­na­re in se­rie A. Re­sta in cor­sa pu­re Man­ci­ni che, in più di un’oc­ca­sio­ne, ha da­to la di­spo­ni­bi­li­tà. Do­vreb­be, pe­rò, la­scia­re lo Ze­nit e ri­nun­cia­re all’in­gag­gio da fa­vo­la. Al­le­gri, in­ve­ce, è spet­ta­to­re in­te­res­sa­to. Di­pen­de co­me an­drà la sua quar­ta sta­gio­ne con la Ju­ve. Il pro­fi­lo pia­ce.

I per­so­nag­gi Car­lo An­ce­lot­ti in al­to Gian Pie­ro Ventura

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.