Ja­vier Ma­rias rac­con­ta il suo nuo­vo ro­man­zo «Ber­ta Isla», spy story tra fe­del­tà co­niu­ga­le e un ma­ri­to che non c’è

Il Mattino (Benevento) - - Da Prima Pagina - Pao­la Del Vec­chio

l ti­to­lo è

e si po­treb­be di­re che è in par­te una spy story, an­che se non c’è da aspet­tar­si mol­te av­ven­tu­re od mis­sio­ni. In un cer­to sen­so, è un ro­man­zo sull’at­te­sa». Tre an­ni do­po

Ja­vier Ma­rias ha ap­pe­na ul­ti­ma­to una nuo­va no­vel­la, la nu­me­ro quin­di­ci, che sa­rà pub­bli­ca­ta si­mul­ta­nea­men­te in Spagna, Sta­ti Uni­ti e Ame­ri­ca La­ti­na il pros­si­mo 5 set­tem­bre. Il ca­no­vac­cio del­le 542 pa­gi­ne del­la nar­ra­zio­ne è la cro­na­ca di un intervallo, una so­spen­sio­ne, e del­la dif­fi­col­tà di sa­pe­re dell’al­tro, dis­se­mi­na­ta di «av­vi­sta­men­ti» vi­ta­li. L’usci­ta coin­ci­de con i 25 an­ni di

il li­bro di Ma­rias più ven­du­to e ri­pro­po­sto dal­la sua ca­sa edi­tri­ce Al­fa­gua­ra in edi­zio­ne spe­cia­le. Sen­za ad­den­trar­si nel­la tra­ma, per non gua­sta­re la su­spen­se, è lo stes­so au­to­re, tra­dut­to­re e ac­ca­de­mi­co del­la lin­gua a sve­lar­ne al­cu­ne chia­vi. «Ber­ta Isla – spie­ga Ma­rias in un’an­ti­ci­pa­zio­ne è una don­na che ha un ma­ri­to con ca­rat­te­ri­sti­che par­ti­co­la­ri. È spa­gno­lo co­me lei, ma­dri­le­no co­me lei, an­che se di ma­dre inglese, bi­lin­gue di na­sci­ta:To­ma­sNe­vin­son. È par­ti­co­lar­men­te do­ta­to per le lin­gue, per l’imi­ta­zio­ne di ac­cen­ti e per le di­zio­ni. Du­ran­te buo­na par­te del ro­man­zo, que­sto per­so­nag­gio si as­sen­ta spes­so, tan­to che a un cer­to pun­to si può pen­sa­re che sia scom­par­so, for­se che sia mor­to. Non si sa se sia vi­vo op­pu­re no. Si può di­re che la no­vel­la è lo sta­to di un’at­te­sa, al­la Penelope. Tut­ti co­no­scia­mo la sto­ria di Ulis­se, uno dei mi­ti fon­dan­ti del­la nar­ra­ti­va oc­ci­den­ta­le», ri­cor­da Ma­rias. Ci so­no echi del de­sti­no del­la mo­glie del re di Ita­ca, sim­bo­lo del­la fe­del­tà co­niu­ga­le, che aspet­tò vent’an­ni il ritorno del ma­ri­to dal­la guer­ra di Tro­ia? L’au­to­re de

non si sbi­lan­cia, ma as­si­cu­ra di aver af­fron­ta­to la nar­ra­zio­ne con «l’enor­me se­du­zio­ne per le storie tra­di­zio­na­li di uo­mi­ni, ma­ri­nai, sol­da­ti che scom­pa­io­no». Su­ben­do a sua vol­ta «il fa­sci­no che eser­ci­ta­no l’uo­mo che tor­na e la mo­glie che è ri­ma­sta ad aspet­tar­lo. Ulis­se e Penelope».

C’è da sup­por­re che, an­co­ra una vol­ta, l’au­to­re di

man­di in sce­na co­di­ci af­fet­ti­vi e pul­sio­ni uma­ne, osti­na­zio­ni amo­ro­se, mi­se­rie co­niu­ga­li e in­quie­tu­di­ni pri­va­te, nel­la sua me­ta­fi­si­ca pes­si­mi­sta, che ne ha fat­to uno dei più gran­di scrit­to­ri con­tem­po­ra­nei.

La sto­ria tra­scor­re dal 1969 al 1995, dun­que an­co­ra nel pe­rio­do a ca­val­lo fra la dit­ta­tu­ra spa­gno­la, la tran­si­zio­ne e la de­mo­cra­zia. Isla, iso­la in ita­lia­no, è un co­gno­me po­co dif­fu­so in Spagna, ma pur sem­pre «so­no­ro e sim­bo­li­co», che par­la del­la con­di­zio­ne di Ber­ta. Una don­na che si spo­sa con­ten­ta di es­se­re «la si­gno­ra di» e che si ri­tro­va in­ve­ce co­stret­ta a vi­ve­re un’esi­sten­za in­di­pen­den­te dal ma­ri­to, seb­be­ne non eco­no­mi­ca­men­te. «Quel­la che do­ve­va es­se­re una vita in co­mu­ne di­ven­ta una con­vi­ven­za in­ter­mit­ten­te, fi­no al­la scom­par­sa. Sen­za la cer­tez­za che il ma­ri­to sia mor­to o me­no, lei si sen­te co­me un’iso­la», ri­le­va Ma­rias.

To­mas Ne­vin­son, una sor­ta di su­per­do­ta­to per gli idio­mi con gran­de ca­pa­ci­tà imi­ta­ti­va, se ne va a stu­dia­re a Ox­ford «un gior­no qua­lun­que, uno stu­pi­do gior­no che avreb­be po­tu­to ri­spar­miar­si, e la sua real­tà cambia. Ne na­sce una dop­pia vita, che con­di­zio­ne­rà il re­sto del­la sua esi­sten­za e di quel­la di sua mo­glie», ap­pro­fon­di­sce l’au­to­re. Ed en­tre­rà in con­tat­to con al­tri per­so­nag­gi no­ti ai lettori del­la tri­lo­gia Ber­tand Tu­pra, de­ci­fra­to­re di mes­sag­gi e co­di­ci se­gre­ti, il «re­clu­ta­to­re» del pro­ta­go­ni­sta Jai­me o Ja­co­bo De­za, l’ex in­se­gnan­te all’Uni­ver­si­tà di Ox­ford, che do­po la se­pa­ra­zio­ne dal­la mo­glie tor­na in Inghilterra do­ve è con­tat­ta­to dall’agen­zia M15 per at­ti­vi­tà di spio­nag­gio.

Scrit­ta in ter­za per­so­na, al­ter­na­ta al­la pri­ma, una for­ma che Ma­rias ave­va im­pie­ga­to l’ul­ti­ma vol­ta nel 1983 in la no­vel­la «trat­ta di un te­ma che ho af­fron­ta­to in al­cu­ni pre­ce­den­ti co­me

spie­ga an­co­ra Ma­rias. «Che il me­ro fat­to di es­se­re al mon­do, il fat­to di na­sce­re ci fa es­se­re no­ta­ti e ci espo­ne. È co­me quan­do in ac­qua scor­gia­mo un cor­po, un’escre­scen­za. Una vol­ta che è sta­to av­vi­sta­to, bi­so­gna fa­re qual­co­sa. Do­po l’av­vi­sta­men­to, ci espo­nia­mo a pre­te­se, a che si esi­ga­no co­se. Ed è quan­to ac­ca­de a To­mas Ne­vin­son, che in un de­ter­mi­na­to mo­men­to, so­lo per esi­ste­re e pur es­sen­do an­co­ra mol­to gio­va­ne, do­vrà fa­re i con­ti col fat­to di es­se­re sta­to scor­to da­gli al­tri».

Ri­cor­ren­te can­di­da­to al No­bel per la letteratura, Ja­vier Ma­rias ha ap­pe­na ri­ce­vu­to il Pre­mio Li­ber 2017 all’au­to­re ispa­ni­co più ri­le­van­te, con­ces­so dal­la Fe­de­ra­zio­ne de­gli Edi­to­ri spa­gno­li (Fgee), per il suo con­tri­bu­to al­la mo­der­niz­za­zio­ne del ro­man­zo in spa­gno­lo e la «na­tu­ra co­smo­po­li­ta» del­la sua ope­ra. Quin­di­ci li­bri pub­bli­ca­ti in 44 lin­gue e in 57 Pae­si per ol­tre ot­to mi­lio­ni di co­pie ven­du­te, «gra­zie al­lo sti­le che av­vi­ci­na i lettori a un mo­do di­ver­so di ve­de­re il mon­do».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.