«Io, Mo­ra­via, La Ca­pria e quel pe­sce ca­sta­gna ad Amal­fi»

Il Mattino (Benevento) - - Da Prima Pagina - Ma­ri­na Ri­pa di Mea­na

Un gior­no, da­van­ti a un fi­let­to di spi­go­la in cro­sta con agru­mi e me­lo­gra­no, se­du­ti al ta­vo­lo del Grand Ho­tel, Al­ber­to ci con­fes­sò che il pe­sce era uno dei suoi ci­bi pre­fe­ri­ti.

«Mi pia­ce mol­to an­da­re al mer­ca­to del pe­sce, spe­cie a Ve­ne­zia, a Rial­to». Poi ag­giun­se: «Sie­te mai sta­ti al­la Bo­que­ria, a Bar­cel­lo­na, sul­le Ram­blas? È un spet­ta­co­lo, un’or­gia di co­lo­ri, di pro­fu­mi…».

«Ve­ro» os­ser­vò Gof­fre­do, «noi pe­rò a Pa­ler­mo ab­bia­mo la Vuc­ci­ria, ab­bia­mo Bal­la­rò…».

«An­che sul­la co­stie­ra amal­fi­ta­na ci so­no dei bel­lis­si­mi mer­ca­ti del pe­sce, con cer­ti ric­ci fre­schis­si­mi, che an­co­ra pal­pi­ta­no sui ban­chi» ri­bat­té Al­ber­to.

«So che qual­che an­no fa sei sta­to in va­can­za ad Amal­fi con Du­dù La Ca­pria» dis­se Gof­fre­do. «Lui rac­con­ta che quan­do an­da­va­te al ma­re, tu te ne sta­vi se­du­to co­me un gat­to su uno sco­glio, men­tre Da­cia pe­sca­va i ric­ci, poi te li por­ta­va e tu te li pap­pa­vi fre­schi fre­schi».

«È sta­ta una bel­lis­si­ma estate, vi­ve­va­mo nel­lo stes­so ap­par­ta­men­to con Du­dù e Ila­ria, che era in­cin­ta di Ale­xan­dra».

«Per la ve­ri­tà» os­ser­vò Gof­fre­do, «Du­dù ha det­to che l’uni­co neo era che al mat­ti­no alle ot­to in pun­to tu e Da­cia co­min­cia­va­te il con­cer­to con le vostre mac­chi­ne per scri­ve­re. Lui si gi­ra­va dall’al­tra par­te, ten­tan­do di con­ti­nua­re a dor­mi­re, ma gli ve­ni­va­no cer­ti sensi di col­pa…».

«Che vuoi, so­no un abi­tu­di­na­rio!» ri­bat­té ri­den­do Al­ber­to.

Gof­fre­do, con l’espres­sio­ne di chi sta ten­tan­do di ri­pe­sca­re qual­co­sa dal­la me­mo­ria, ag­giun­se: «Sai, Ma­ri­na, La Ca­pria mi ha an­che rac­con­ta­to che, quan­do era­no ad Amal­fi, a vol­te Al­ber­to si of­fri­va di an­da­re a fa­re la spe­sa. Per non di­re che Al­ber­to è tir­chio, Du­dù lo de­fi­ni­sce un po’ “trat­te­nu­to”. Pa­re che un gior­no aves­se fi­nal­men­te com­pra­to un bel pe­scio­ne, ma quan­do lo mi­se­ro in ta­vo­la sco­pri­ro­no che ave­va un sa­po­re stra­no, co­me di ca­sta­gne. In ri­spo­sta alle ri­mo­stran­ze di Du­dù, sai co­sa dis­se Al­ber­to sen­za fa­re una pie­ga? “Per for­za, si chia­ma pe­sce ca­sta­gna”».

Al­ber­to ri­se di nuo­vo. «Gof­fre­do, tu for­se te ne in­ten­di di caccia, ma di pe­sca ze­ro. Il pe­sce ca­sta­gna esi­ste dav­ve­ro, è una spe­cie di ora­ta, sem­pli­ce­men­te ha la par­ti­co­la­ri­tà di es­se­re mol­to più a buon mer­ca­to del­le spi­go­le o di al­tre raf­fi­na­tez­ze del ge­ne­re!».

«Eh no, Al­ber­to! Non puoi di­re que­ste co­se a uno che è di ca­sa a Ve­ne­zia, che ha an­nu­sa­to per tut­ta la vita l’odo­re di pe­sce fritto e di pon­ti­le! Se vuoi, ti in­vi­to al Quadri di Ve­ne­zia, a man­gia­re una ta­glia­ta d’asti­ce al co­ral­lo, con Po­mi­no bian­co di Fre­sco­bal­di, quel­lo chia­ro chia­ro, qua­si co­lo­re dell’ac­qua. Su una co­sa pe­rò hai ra­gio­ne: mi in­ten­do più di caccia che di pe­sca».

«Te l’ave­vo det­to, Ma­ri­na, lui pra­ti­ca so­lo sport da si­gno­rot­to! Sai che pos­sie­de due fu­ci­li Pur­dey?». «Per­ché, so­no spe­cia­li?». «Al­tro­ché! Ro­ba da mi­liar­da­ri! Se vuoi com­pe­ra­re un Pur­dey, de­vi or­di­nar­lo ap­po­sta in Inghilterra».

«Cer­to» ri­ba­dì Gof­fre­do gon­go­lan­do, «de­vi an­da­re pri­ma a Londra per farti pren­de­re le mi­su­re e poi di nuo­vo per pro­var­lo. Al­la fi­ne te lo spe­di­sco­no in una va­li­get­ta di le­gno di quer­cia, ri­ve­sti­ta in cuo­io bul­ga­ro, fo­de­ra­ta di pan­no scar­lat­to, con an­go­la­ri di bron­zo e le tue ini­zia­li in ar­gen­to. In­sie­me, ti in­via­no an­che tut­to il ne­ces­sa­rio per la pu­li­zia».

«Pen­sa che lui ne ha due, di que­sti fu­ci­li!», escla­mò Al­ber­to.

«Vab­bè, ma io li ho com­pra­ti a Mi­la­no…» dis­se Gof­fre­do con fin­ta mo­de­stia. «E poi sto qua­si pen­san­do di ven­der­li, per pren­der­mi una Mor­gan, una ca­brio due po­sti sco­per­ta… gui­da a de­stra, na­tu­ral­men­te!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.