De Lau­ren­tiis: «Ce­de­re In­si­gne? De­vo­no pas­sa­re sul mio ca­da­ve­re»

Il Mattino (Benevento) - - Da Prima Pagina - Pi­no Taor­mi­na

Le bra­ci scop­piet­ta­no e ar­do­no sot­to la ce­ne­re. Ep­pu­re so­no sem­pre lì lì pron­te ogni vol­ta per af­fio­ra­re. Non è fa­ci­le pla­ca­re De Lau­ren­tiis quan­do par­la di Pe­pe Rei­na: me­si di in­quie­tu­di­ni ma an­che di di­chia­ra­zio­ni af­fi­la­te, al­lu­sio­ni, duel­li. «A ca­sa mia i con­trat­ti si ri­spet­ta­no» di­ce ap­pa­ren­te­men­te con to­no soa­ve il pre­si­den­te del Na­po­li dal Fe­sti­val di Ve­ne­zia, ospi­te del­la Fon­da­zio­ne La Bien­na­le. In real­tà le so­no pa­ro­le so­no co­me dei tuo­ni, an­che se al­la fi­ne spun­ta l’ar­co­ba­le­no, con l’ipo­te­si del rinnovo per lo spa­gno­lo. «Mai avu­to pro­ble­mi con Rei­na. Rei­na ha un con­trat­to che sca­de l’an­no pros­si­mo. È ve­nu­to il Pa­ris Saint-Ger­main e ha det­to, ti do cin­que mi­lio­ni più due. Ho det­to, gra­zie e ar­ri­ve­der­la. Ades­so mi so­no ar­ri­va­ti va­ri mes­sag­gi del gran­de ca­lif­fo che vuo­le par­la­re, vuo­le di­scu­te­re, ma di che? È pos­si­bi­le che que­sti non si ren­da­no con­to che noi non stia­mo mi­ca lì per fa­re gli spar­ring part­ner». Il ri­fe­ri­men­to è Naas­ser Al-Khe­lai­fi, il pre­si­den­te del Psg e brac­cio de­stro di Al Tha­ni con cui ha già trat­ta­to i tra­sfe­ri­men­ti di Ca­va­ni e La­vez­zi. «Non ero pre­oc­cu­pa­to­di­per­de­re Rei­na. Do­ve do­ve­va an­da­re? Non po­te­va muo­ver­si. Io non mi pri­vo di Rei­na e pren­do un al­tro por­tie­re, per quan­to bra­vo sia. Rei­na or­mai sa pas­sa­re la pal­la a In­si­gne o a chic­ches­sia in ma­nie­ra in­tel­li­gen­tis­si­ma. Pe­rò l’an­no pros­si­mo com­pi­rà 36 an­ni: bi­so­gna ini­zia­re a pen­sa­re a qual­cu­no che pos­sa rim­piaz­zar­lo». Nel cor­so di una in­ter­vi­sta a Pre­mium ag­giun­ge: «Poi mai di­re mai, può dar­si che con Rei­na si tro­vi l’ac­cor­do per una pro­se­cu­zio­ne. Ma do­ver es­se­re con­di­zio­na­to quan­do un con­trat­to è an­co­ra in iti­ne­re mi sem­bra non fos­se una co­sa non bel­la. Lui for­se vo­le­va si­ste­mar­si per un pe­rio­do più lun­go: lo ca­pi­sco, c’è la fa­mi­glia, i fi­gli che de­vo­no stu­dia­re, An­che lui ca­pi­rà e for­se an­dre­mo an­co­ra avan­ti op­pu­re fi­ni­rà l’era Rei­na».

Ed è un bel mu­ro an­che quel­lo che al­za su Lo­ren­zo In­si­gne per­ché sa be­ne che quan­do un ti­zio co­me Ra­io­la gi­ron­zo­la in­tor­no so­no guai in vi­sta. «Ra­io­la lo ha of­fer­to al Bar­cel­lo­na? Ra­io­la può fa­re quel­lo che vuo­le, sol­tan­to che poi de­ve pas­sa­re sul mio ca­da­ve­re e poi­ché io so­no ve­ge­to e vi­vo... Ra­io­la è un car­to­ne ani­ma­to sim­pa­ti­cis­si­mo: va­do mol­to d’ac­cor­do con lui. Mi ri­cor­do quan­do vo­le­va por­ta­re via Ham­sik ma non c’è riu­sci­to, so­no 10 an­ni che sta da noi. Ades­so vuo­le por­ta­re via In­si­gne, ve­dre­mo se ci riu­sci­rà... Non cre­do». De Lau­ren­tiis an­nun­cia nell’in­ter­vi­sta a Sky an­che la vo­glia di ave­re un fac­cia a fac­cia con Alek­san­der Ce­fe­rin, il pre­si­den­te del­la Ue­fa. «Vo­glio par­la­re con lui, i pro­cu­ra­to­ri non pos­so­no fa­re il buo­no e il cat­ti­vo tem­po del mer­ca­to co­me stan­no fa­cen­do da tem­po. Mi sem­bra pa­te­ti­co e ca­fo­ne pa­ga­re cer­te ci­fre, co­me è av­ve­nu­to que­st’esta­te per un cal­cia­to­re. Esal­ta il Na­po­li e la sua po­li­ti­ca. «Il club di Ma­ra­do­na era mor­to. Io ho crea­to una nuo­va squa­dra che guar­da ca­so è l’uni­ca ita­lia­na che da 8 an­ni sta sem­pre in Eu­ro­pa e sta per pren­de­re par­te per la quar­ta vol­ta al­la fa­se a gi­ro­ni del­la Cham­pions Lea­gue». Si tuf­fa, con ge­ne­ro­si­tà, a par­la­re di mer­ca­to. Lo fa sem­pre, ma non so­no mai ve­ri e pro­pri in­di­zi su quel­lo che il Na­po­li fa­rà. In esta­te ha par­la­to aper­ta­men­te pri­ma di Le­no e poi di Rul­li, ma al­la fi­ne non è ar­ri­va­to né l’uno né l’al­tro. «Non so­no co­sa succederà in que­ste ul­ti­me ore, Be­rar­di mi pia­ce ma so­no tan­ti i gio­ca­to­ri che piac­cio­no a me, Chia­vel­li e Giun­to­li, Zapata e Be­rar­di non so se so­no ope­ra­zio­ni che si fa­ran­no. Gli in­te­res­si so­no mol­te­pli­ci. Zapata lo cer­ca­no Sas­suo­lo, Samp, un club russo, uno te­de­sco, uno in­gle­se. So­no cer­to che l’ul­ti­mo gior­no o non suc­ce­de nul­la e Zapata ri­ma­ne in ca­sa Na­po­li e la co­sa non mi di­spia­ce op­pu­re c’è l’asta ir­ruen­te».

E il fi­na­le è de­di­ca­to a Sar­ri, che lu­sin­ga con tan­te dolci ca­rez­ze: «È un gran­de al­le­na­to­re che sta met­ten­do fuo­ri tut­ta la sua ca­pa­ci­tà e tut­ta la sua per­so­na­li­tà che ha ac­cu­mu­la­to ne­gli an­ni. An­che du­ran­te la par­ti­ta è uno che pren­de sem­pre ap­pun­ti, uno che stu­dia la par­ti­ta. Io l’ho vi­sto di una lu­ci­di­tà in­cre­di­bi­le e non fa­re mai un er­ro­re, non fa­re mai uno sba­glio».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.