«Per i gol ci so­no i tre te­no­ri ma mi pe­sa­no le so­sti­tu­zio­ni»

Ma­rek e le ga­re a me­tà: è du­ra usci­re, l’ho det­to all’al­le­na­to­re

Il Mattino (Benevento) - - Da Prima Pagina -

«I bri­vi­di c’era­no, ma di­spu­tam­mo una gran­de par­ti­ta. Che riu­scim­mo an­che a pa­reg­gia­re, 1-1, tra tan­ti con­sen­si, no­no­stan­te fos­si­mo mol­to ine­sper­ti. E gio­can­do con buo­na per­so­na­li­tà». so­lo l’idea di sta­re da­van­ti a lui in una clas­si­fi­ca re­ga­la una bel­la sen­sa­zio­ne». «Si­cu­ra­men­te la pri­ma in se­rie A, al­la Samp­do­ria, al San Pao­lo. Poi c’è quel­la nel­la fi­na­le di Cop­pa Ita­lia con la Ju­ven­tus».

«For­se quel­la al Mi­lan nel 2008, quan­do fe­ci tut­to il cam­po pal­la al pie­de e poi cal­ciai dal li­mi­te». co­man­da­re in cam­po è una bel­la sen­sa­zio­ne».

«È ve­ro, mi ar­rab­bio po­co. Tran­ne quan­do ven­go so­sti­tui­to... (ri­de di gu­sto, ndr)». «Mi ha pe­sa­to tan­to quell’esclu­sio­ne, ma mi ha pe­sa­to mol­to di più non ar­ri­va­re in fi­na­le di Eu­ro­pa Lea­gue. Ma non dis­si nul­la. Non era il ca­so...». «Ci gio­chia­mo tut­to nel­lo scon­tro di­ret­to di Gla­sgow, ma sa­pe­va­mo che sa­reb­be an­da­ta co­sì per­ché nel gi­ro­ne l’In­ghil­ter­ra era net­ta­men­te la fa­vo­ri­ta e noi non po­te­va­mo far al­tro che pun­ta­re al­lo spa­reg­gio. Spe­ria­mo di ar­ri­var­ci e poi di riu­sci­re a con­qui­sta­re il pass per la Russia: per una ge­ne­ra­zio­ne di cal­cia­to­ri slo­vac­chi, il Mon­dia­le può se­gna­re la fi­ne di un ci­clo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.