Sin­da­ca­ti-Eav, lo scon­tro col­pi­sce so­lo i pas­seg­ge­ri

Il Mattino (Benevento) - - Da Prima Pagina - Pao­la Pe­rez

Non mol­to di­ver­so il ca­so del con­cor­so per ca­pi­sta­zio­ne, che pu­re ha se­mi­na­to proteste sul­la stra­da fer­ra­ta. Sta­vol­ta ci spo­stia­mo su una ca­te­go­ria di­ver­sa da quel­la dei mac­chi­ni­sti, più vi­ci­na ai sin­da­ca­ti con­fe­de­ra­li che a quel­li au­to­no­mi, e su una por­zio­ne del grup­po Eav che ha una sto­ria dif­fe­ren­te. Il cuo­re del­la que­stio­ne è la ria­per­tu­ra dei ter­mi­ni di una se­le­zio­ne in­ter­na per l’avan­za­men­to av­via­ta nel 2010 a be­ne­fi­cio del so­lo per­so­na­le Cir­cum, per­ché al­lo­ra non c’era an­co­ra la fu­sio­ne con la Sep­sa e Me­troCam­pa­nia Nor­dE­st. I sin­da­ca­ti ri­ten­go­no che ci sia di­spa­ri­tà di trat­ta­men­to, l’azien­da è di tutt’al­tro av­vi­so. E giù un pa­io di gior­ni di scio­pe­ro, con il ter­zo in ar­ri­vo.

Pro­ve di for­za non in­di­spen­sa­bi­li per com­por­re la con­tro­ver­sia, che in un ca­so si sa­reb­be ri­sol­ta co­mun­que, e nell’al­tro può es­se­re va­li­da­men­te af­fron­ta­ta in se­de di trat­ta­ti­va ri­chie­den­do un pa­re­re su­per par­tes. Pro­ve di for­za che so­no di­ven­ta­te con­sue­tu­di­ne. Un gio­co dei ruo­li più vir­tua­le che rea­le, le car­te mes­se sui so­cial piut­to­sto che sui vec­chi e pol­ve­ro­si ta­vo­li di con­fron­to. Con­tia­mo­ci e fac­cia­mo ve­de­re quan­do con­tia­mo, è il mes­sag­gio. Quan­to con­ta­no i di­rit­ti dei viag­gia­to­ri? Un det­ta­glio. E, vor­rem­mo ag­giun­ge­re, un det­ta­glio pa­re an­che il sa­cri­fi­cio eco­no­mi­co sop­por­ta­to dai la­vo­ra­to­ri per di­mo­stra­re la lo­ro «ap­par­te­nen­za» a que­sta o quel­la ca­te­go­ria e/o si­gla.

Nem­me­no l’azien­da, va det­to, di­sde­gna lo stru­men­to so­cial. Ne ha fat­to una ban­die­ra, per esem­pio, nel­la bat­ta­glia con­tro i «fur­bet­ti», quel­li che fir­ma­no il fo­glio di pre­sen­za e poi spa­ri­sco­no, chia­man­do a rac­col­ta su Fb i la­vo­ra­to­ri di­spo­sti a de­nun­cia­re il mal­co­stu­me dei col­le­ghi. Ini­zia­ti­va che ri­scuo­te - com’era pre­ve­di­bi­le - con­sen­si e cri­ti­che, sem­pre sul fi­lo del­la mi­nac­cia di scio­pe­ro da par­te dei sin­da­ca­ti che po­co gra­di­sco­no la «go­gna me­dia­ti­ca». In­tan­to c’è sem­pre qual­che po­ve­ro cri­sto che aspet­ta il tre­no e non sa se lo vedrà. E va­glie­lo a spie­ga­re, in ma­nie­ra ac­cet­ta­bi­le, che pa­ga il prez­zo di una guer­ra tra ava­tar.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.