Ma­rio Rui, cor­sa e le­zio­ni tat­ti­che quan­to la­vo­ro per sfi­da­re il Mi­lan

Il Mattino (Benevento) - - Da Prima Pagina -

giu­sto toc­ca­sa­na per con­sen­ti­re a Ma­rio Rui di la­vo­ra­re al me­glio con l’obiet­ti­vo di far­si tro­va­re pron­to in vi­sta del­la ga­ra di sa­ba­to se­ra con­tro il Mi­lan. Già, per­ché la sua pri­ma da ti­to­la­re - quel­la del­lo scor­so 5 no­vem­bre al Ben­te­go­di - è du­ra­ta 65’. Poi l’in­gres­so di Mag­gio (con re­la­ti­vo spo­sta­men­to di Hy­saj da de­stra a si­ni­stra) è sta­ta la di­mo­stra­zio­ne pra­ti­ca del suo sta­to di for­ma an­co­ra tut­to in di­ve­ni­re. In que­sti gior­ni, pe­rò, ha la­vo­ra­to tan­to e be­ne. So­prat­tut­to sul­la cor­sa e sull’aspet­to atle­ti­co, quel­lo che se­con­do Mau­ri­zio Sar­ri gli man­ca­va per col­ma­re il gap che lo di­vi­de­va dal re­sto del grup­po.

È per que­sto che du­ran­te la sta­gio­ne era sta­to uti­liz­za­to so­lo per quei 3 mi­nu­ti con­tro il Ca­glia­ri. Non an­co­ra al top di una con­di­zio­ne che per for­za di co­se ades­so non po­trà ave­re ul­te­rio­ri ca­li.

Quel­lo con­tro il Mi­lan può già es­se­re un ban­co di pro­va im­por­tan­te. Uti­le per di­mo­stra­re di es­se­re an­co­ra quel­lo dei tem­pi dell’Em­po­li, ov­ve­ro quan­do Sar­ri lo fe­ce esor­di­re il 31 ago­sto del 2014 in­se­ren­do­lo al po­sto di Hy­saj. Una staf­fet­ta che non si è pra­ti­ca­men­te mai più ri­pe­tu­ta per­ché i due so­no di­ven­ta­ti i pun­ti fer­mi del­la li­nea a quat­tro di quell’Em­po­li. El­seid da una par­te e Ma­rio dall’altra. Più di 100 pre­sen­ze per il por­to­ghe­se con quel­la ma­glia che ha la­scia­to so­lo un’esta­te fa per ap­pro­da­re al­la Roma.

Lì do­ve era ar­ri­va­to con le stig­ma­te del pro­ta­go­ni­sta de­si­gna­to e ha fi­ni­to la sta­gio­ne da com­pri­ma­rio (so­lo 10 pre­sen­ze tra cam­pio­na­to e coppe) com­pli­ce un gra­ve in­for­tu­nio al gi­noc­chio­chel’ha­te­nu­to fermo per qua­si tut­to il cam­pio­na­to. An­che lui il cro­cia­to, quel­lo stes­so pro­ble­ma che ora co­strin­ge ai box Ghou­lam, il ti­to­la­re di di­rit­to per il ruo­lo di ter­zi­no si­ni­stro del Na­po­li.

Ma­rio Rui ha im­pa­ra­to co­sa vuol di­re la sof­fe­ren­za e sa­per aspet­ta­re il pro­prio mo­men­to. So­no sta­ti me­si dif­fi­ci­li (pri­ma al­la Roma e poi la tan­ta pan­chi­na a Na­po­li), ma ora è tem­po di ri­pren­de­re la rot­ta che sem­bra­va smar­ri­ta. Co­me un ve­ro na­vi­ga­to­re. Co­me Va­sco da Ga­ma, di­ven­ta­to fa­mo­so per aver dop­pia­to il Ca­po di Buo­na Spe­ran­za: qua­le no­me più in­di­ca­to per au­gu­rar­si una ri­pre­sa for­tu­na­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.