Mi­li­zia­ni di ri­tor­no, 82 so­no ita­lia­ni L’Onu: il 30% è già en­tra­to in Eu­ro­pa

Ex mi­li­ta­ri ben ad­de­stra­ti, tut­ti in gra­do di pia­ni­fi­ca­re at­ten­ta­ti

Il Mattino (Caserta) - - Primo Piano - Va­len­ti­no Di Gia­co­mo

È ai mas­si­mi li­vel­li l’al­lar­me per i fo­rei­gn fighters di ri­tor­no: si te­me una scia di at­ten­ta­ti an­cor più po­ten­te di quel­la av­ve­nu­ta fi­no a ora in mol­te cit­tà eu­ro­pee. So­no in­fat­ti in cor­so cen­ti­na­ia di rien­tri dai ter­ri­to­ri di guer­ra dei com­bat­ten­ti par­ti­ti ne­gli an­ni scor­si dal no­stro con­ti­nen­te ver­so la Si­ria e l’Iraq.

Ora, do­po i col­pi in­flit­ti sul cam­po di bat­ta­glia dai bom­bar­da­men­ti del­la co­mu­ni­tà in­ter­na­zio­na­le, i mi­li­zia­ni cer­ca­no di far rien­tro in pa­tria. Sa­reb­be­ro cir­ca 5mi­la gli eu­ro­pei par­ti­ti ver­so il Me­dio Orien­te e che si so­no af­fi­lia­ti al Ca­lif­fa­to, fra que­sti ci so­no me­no di 100 ita­lia­ni e 18 di lo­ro avreb­be­ro già per­so la vi­ta in bat­ta­glia. So­no tut­ti mi­li­ta­ri ben ad­de­stra­ti, ca­pa­ci di usa­re ar­mi e or­di­gni esplo­si­vi, so­no i sog­get­ti più pe­ri­co­lo­si per­ché in gra­do di pia­ni­fi­ca­re at­ten­ta­ti e azio­ni di guer­ri­glia.

I fo­rei­gn fighters stan­no gra­dual­men­te fa­cen­do ri­tor­no in Eu­ro­pa per­ché in Si­ria e in Iraq il Ca­lif­fa­to per­de sem­pre più ter­re­no e le mi­li­zie han­no il mo­ra­le a ter­ra, spes­so pa­ti­sco­no per­si­no la fa­me per­ché han­no dif­fi­col­tà nel re­pe­ri­re ri­for­ni­men­ti sia di ci­bo che di ar­mi. È co­sì che – co­me la de­fi­ni­sco­no gli ana­li­sti – la guer­ra si tra­sfor­ma da «sim­me­tri­ca» ad «asim­me­tri­ca»: dal cam­po di bat­ta­glia il ter­ri­to­rio di scon­tro si spo­sta nel­le cit­tà eu­ro­pee obiet­ti­vo di at­ten­ta­ti ecla­tan­ti in no­me del ves­sil­lo ne­ro del Dae­sh pro­prio co­me ac­ca­du­to più vol­te in Fran­cia, Ger­ma­nia e Bel­gio che in­fat­ti de­ten­go­no il pri­ma­to per fo­rei­gn fighters par­ti­ti ver­so i ter­ri­to­ri di guer­ra.

L’ul­ti­mo al­lar­me è sta­to lan­cia­to dal ca­po dell’Agen­zia con­tro il ter­ro­ri­smo del­le Na­zio­ni Uni­te. Se­con­do Paul La­bor­de al­cu­ni dei fo­rei­gn fighters pos­so­no es­se­re an­sio­si di cer­ca­re ven­det­ta do­po le scon­fit­te in guer­ra. Cir­ca il 30% dei ter­ro­ri­sti avreb­be già fat­to rien­tro in Eu­ro­pa, ma ora tut­te le re­cen­ti ana­li­si con­cor­da­no che il flus­so di ri­tor­no sa­rà an­cor più mas­sic­cio. Mol­ti dei com­bat­ten­ti par­ti­ti per la Si­ria in que­sti gior­ni stan­no già con­tat­tan­do le ri­spet­ti­ve am­ba­scia­te chie­den­do di po­ter tor­na­re. Spes­so si mo­stra­no pen­ti­ti e do­man­da­no ai fun­zio­na­ri di­plo­ma­ti­ci dei lo­ro Pae­si di po­ter rien­tra­re dal­la Si­ria at­tra­ver­san­do il con­fi­ne tur­co. Al­tri sol­da­ti – e so­no quel­li che più spa­ven­ta­no - han­no in­ve­ce già su­pe­ra­to clan­de­sti­na­men­te la lun­ga stri­scia di ter­ra che se­pa­ra il Pae­se Me­dio­rien­ta­le dal­la Tur­chia ed è per que­sto mo­ti­vo che dal­lo scor­so apri­le gli Usa han­no schie­ra­to di­ver­si mi­li­ta­ri a pro­te­zio­ne del con­fi­ne. Una mos­sa ne­ces­sa­ria an­che per sco­rag­gia­re l’eser­ci­to tur­co a spa­ra­re sui mi­li­zia­ni cur­di che in­sie­me ai mi­li­ta­ri ame­ri­ca­ni com­bat­to­no con­tro le mi­li­zie del Dae­sh.

In Ita­lia, più che per i fo­rei­gn fighters di ri­tor­no, l’al­ler­ta è al­tis­si­ma per i «lu­pi so­li­ta­ri», quei sog­get­ti, per lo più gio­va­ni, che si ra­di­ca­liz­za­no al ji­had at­tra­ver­so il web. A lo­ro, tra­mi­te i ca­na­li in­for­ma­ti­ci dell’Isis vie­ne chie­sto di com­pie­re at­ten­ta­ti ecla­tan­ti con qual­sia­si mez­zo. Ba­sta po­co, del re­sto, per pro­cu­rar­si un’au­to o un ca­mion per sca­gliar­lo sul­la fol­la co­me ac­ca­du­to più vol­te ne­gli ul­ti­mi at­ten­ta­ti ri­ven­di­ca­ti dal Dae­sh. Ti­mo­ri che han­no già spin­to il Vi­mi­na­le ad espel­le­re, a par­ti­re dal 2015, 178 po­ten­zia­li ji­ha­di­sti ac­cu­sa­ti di ave­re con­tat­ti di­ret­ti con il Ca­lif­fa­to o, più sem­pli­ce­men­te, per­ché at­tra­ver­so i so­cial net­work in­neg­gia­va­no all’Isis. Gli ul­ti­mi due ca­si han­no ri­guar­da­to­due­fra­tel­li­pu­glie­si.ACa­ta­nia in­ve­ce la scor­sa set­ti­ma­na è sta­to espul­so un tu­ni­si­no che ave­va avu­to fre­quen­ti rap­por­ti con Anis Am­ri, l’at­ten­ta­to­re di Ber­li­no uc­ci­so a Mi­la­no dal­la po­li­zia ita­lia­na lo scor­so di­cem­bre. Se­con­do il Vi­mi­na­le è sta­to ac­cer­ta­to che il cit­ta­di­no espul­so avreb­be for­ni­to ad Am­ri, all’usci­ta dal Cen­tro di iden­ti­fi­ca­zio­ne ed espul­sio­ne di Cal­ta­nis­set­ta, un suo nu­me­ro di cel­lu­la­re che è sta­to uti­liz­za­to dal ter­ro­ri­sta nel 2015. Da tem­po or­mai nel no­stro Pae­se è scat­ta­ta la tol­le­ran­za-ze­ro nei con­fron­ti di que­sti sog­get­ti, in Ita­lia si te­me so­prat­tut­to per le for­ze dell’or­di­ne. Ne è un esem­pio l’ac­col­tel­la­men­to dei due mi­li­ta­ri av­ve­nu­to a Mi­la­no gio­ve­dì scor­so, gli in­qui­ren­ti stan­no cer­can­do di ca­pi­re se il mo­ven­te di que­sta ag­gres­sio­ne pos­sa es­se­re il ji­ha­di­smo. In tut­ti i re­cen­ti at­ten­ta­ti in Eu­ro­pa le for­ze dell’or­di­ne so­no sta­te ag­gre­di­te o uc­ci­se e per l’Isis rap­pre­sen­ta­no or­mai un ber­sa­glio ac­cla­ra­to.

C’è poi il ca­so di un ita­lia­no par­ti­to ver­so la Si­ria ma, a dif­fe­ren­za de­gli al­tri cen­to sog­get­ti espa­tria­ti, è an­da­to per com­bat­te­re con­tro l’Isis. È un ra­gaz­zo si­ra­cu­sa­no di 26 an­ni, Pao­lo An­do­li­na, per le sue ori­gi­ni ri­bat­tez­za­to «Pa­chi­no». È un ex cuo­co par­ti­to no­ve me­si per la cit­tà si­ria­na di Raq­qa e che ora in­ve­ce si tro­ve­reb­be in Iraq, a Ka­ra­cok. An­do­li­na mi­li­ta nell’Ypg, l’Uni­tà di Pro­te­zio­ne po­po­la­re, una mi­li­zia for­ma­ta per la mag­gior par­te da cur­di.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.