De Lau­ren­tiis tra i 100 più in­fluen­ti del cal­cio

Per la ri­vi­sta spe­cia­liz­za­ta in­gle­se «Four Four Two»

Il Mattino (Caserta) - - Sport - Gian­lu­ca Aga­ta

Il pre­si­den­te è 66esi­mo «Gra­zie a lui Na­po­li può so­gna­re lo scu­det­to»

«Il cam­mi­no del Na­po­li dal 2004 è sta­to fe­no­me­na­le. De Lau­ren­tiis ama at­tac­ca­re l’esta­blish­ment e ve­de la Ju­ven­tus co­me una ve­ra ne­mi­ca». È que­sto il giu­di­zio con il qua­le la ri­vi­sta spe­cia­liz­za­ta in­gle­se «Four Four Two», col­lo­ca Au­re­lio de Lau­ren­tiis al 66esi­mo po­sto del­la li­sta de­gli uo­mi­ni più in­fluen­ti del cal­cio al mon­do. Una chart am­bi­ta nel qua­le al pro­dut­to­re 67en­ne si dà il me­ri­to, nel­la mo­ti­va­zio­ne con la qua­le gli si ri­co­no­sce la po­si­zio­ne nel­la Top 100, di «trat­ta­re il cal­cio co­sì co­me trat­ta le sce­neg­gia­tu­re. A par­te del­le in­giu­rie nei con­fron­ti di Gon­za­lo Hi­guain do­po la sua par­ten­za, una del­le sue idee più gran­di è quel­la di co­strui­re uno sta­dio con 40mi­la po­sti in me­no ri­spet­to all’at­tua­le San Pao­lo. A set­tem­bre ha an­che det­to di non vo­ler guar­da­re più una par­ti­ta fin quan­do non aves­se co­strui­to il suo. Uno de­gli scher­zi più fa­mo­si è l’aver pre­sen­ta­to Go­khan In­ler con una ma­sche­ra di leo­ne nel 2011, ma De Lau­ren­tiis è una per­so­na mol­to se­ria sul mer­ca­to: ama tro­va­re gio­iel­li na­sco­sti che il club può poi ven­de­re per ot­te­ne­re gros­si gua­da­gni. Gli ul­ti­mi in or­di­ne di tem­po so­no quel­li di Mi­lik, Zie­lin­ski e Rog: i ti­fo­si del Na­po­li pos­so­no so­gna­re le­git­ti­ma­men­te la vit­to­ria di un ti­to­lo do­po l’era di Die­go Ar­man­do Ma­ra­do­na».

La top ten re­ci­ta Ri­chard Scu­da­mo­re boss del­la Pre­mier Lea­gue che ha con­clu­so un con­trat­to te­le­vi­si­vo da 5 mi­liar­di di ster­li­ne, Gian­ni In­fan­ti­no (pre­si­den­te Fifa), Geor­ge Men­des, po­ten­tis­si­mo pro­cu­ra­to­re, da­van­ti ad Alek­san­der Ce­fe­rin (pre­si­den­te Ue­fa), Lio­nel Mes­si, Ro­man Abrha­mo­vic, Jo­sé Mou­ri­n­ho, Flo­ren­ti­no Pe­rez, Ed Wood­ward (vi­ce­pre­si­den­te Man­che­ster Uni­ted) e CRi­stia­no Ro­nal­do. Ma ci so­no an­che Rum­me­nig­ge (con il nu­me­ro 11), Ra­io­la al se­di­ci, Guar­dio­la al 17. Tra gli uo­mi­ni più in­fluen­ti la cu­rio­si­tà di YouTu­be e Twit­ter nel­la top 30 e del­la pri­ma don­na Marina Gra­no­v­ska­ia, brac­cio de­stro di Abra­mo­vi­ch al 22esi­mo. Ru­pert Mur­do­ch è so­lo 31esi­mo. Per tro­va­re Zla­tan Ibra­hi­mo­vic si scen­de al 47esi­mo men­tre al 41esi­mo c’è An­to­nio Con­te e al 43esi­mo il ca­po de­gli ar­bi­tri mon­dia­le Pier­lui­gi Col­li­na. La Ro­ma si con­so­la con il nuo­vo ds Mon­chi al 55esi­mo po­sto, po­co die­tro il pre­si­den­te del­la Ju­ve Agnel­li, 53esi­mo.

Ma chi c’è die­tro De Lau­ren­tiis? L’ex stel­la bri­tan­ni­ca Ga­ry Li­ne­ker è 67esi­mo. Die­go Ma­ra­do­na so­lo 79esi­mo, una po­si­zio­ne in me­no del Cho­lo Si­meo­ne. Da­vid Bec­kham 85esi­mo e il re de­gli al­le­na­to­ri eu­ro­pei, co­lui che ha vin­to dap­per­tut­to, Car­lo An­ce­lot­ti, so­lo 84esi­mo. Ono­re a Jo­han Cruiff, scom­par­so nel mar­zo del 2016, 97esi­mo in que­sta gra­dua­to­ria che si chiu­de con il 100esi­mo po­sto oc­cu­pa­to dal bos­so di Atos, Glenn Thomp­son, che si oc­cu­pa di ser­vi­zi te­le­ma­ti­ci, part­ner del Cio.

Pre­si­den­te dal 2004 Au­re­lio De Lau­ren­tiis nel­la clas­si­fi­ca di «Four Four Two» è an­che da­van­ti a Ma­ra­do­na (79esi­mo)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.