Na­vi del­le Ong, la stret­ta fun­zio­na mo­di­fi­ca­te le rot­te, crol­la­no gli sbar­chi

Me­no 80% di ar­ri­vi ri­spet­to ad ago­sto 2016. So­lo 2 si­gle al lar­go del­la Li­bia

Il Mattino (Caserta) - - Primo Piano -

di ie­ri ha sta­zio­na­to al li­mi­te tra la Li­bia e la Tu­ni­sia. Ma non è l’uni­ca ad aver­lo fat­to di re­cen­te. Gli ana­li­sti ri­ten­go­no che bloc­ca­re i flus­si di mi­gran­ti sul­la rot­ta del Me­di­ter­ra­neo cen­tra­le po­treb­be in­fat­ti stimolare i traf­fi­can­ti ad or­ga­niz­za­re i viag­gi dei di­spe­ra­ti dal­la Tu­ni­sia. Un’ope­ra­zio­ne cer­ta­men­te non sem­pli­ce per­ché le au­to­ri­tà tu­ni­si­ne ne­gli ul­ti­mi an­ni so­no riu­sci­te a por­re un ar­gi­ne agli sbar­chi, ma co­mun­que per chi è di­spo­sto a tut­to è pur sem­pre un’im­pre­sa pos­si­bi­le. Lo di­mo­stra l’ope­ra­zio­ne del­la guar­dia di fi­nan­za del­lo scor­so giu­gno quan­do ven­ne sgo­mi­na­ta dai mi­li­ta­ri ita­lia­ni una ban­da che or­ga­niz­za­va dei «viag­gi di lus­so» gra­zie all’uso di gom­mo­ni ve­lo­ci tra le co­ste tu­ni­si­ne e Mar­sa­la. Una sor­ta di ser­vi­zio shut­tle. L’or­ga­niz­za­zio­ne tra­spor­ta­va a bor­do an­che al­cu­ni ri­cer­ca­ti dal­le au­to­ri­tà di po­li­zia tu­ni­si­ne e ave­va con­nes­sio­ni con for­ma­zio­ni ji­ha­di­ste.

I cam­pi pro­fu­ghi.

L’emer­gen­za uma­ni­ta­ria dei mi­gran­ti non può co­mun­que dir­si con­clu­sa, per ora ha fun­zio­na­to la pri­ma par­te del pia­no che in­ten­de­va ri­dur­re gli sbar­chi sul­le no­stre co­ste. Il dram­ma di que­ste per­so­ne si è so­lo spo­sta­to dal ma­re del Me­di­ter­ra­neo al ma­re di sab­bia del de­ser­to afri­ca­no. Al ver­ti­ce di Pa­ri­gi di lu­ne­dì tra Ita­lia, Fran­cia, Ger­ma­nia e Spa­gna è sta­ta in­di­ca­ta la stra­da di apri­re una coo­pe­ra­zio­ne con i Pae­si afri­ca­ni che pre­ve­de an­che una pre­sen­za mi­li­ta­re sul cam­po e l’iden­ti­fi­ca­zio­ne dei mi­gran­ti di­ret­ta­men­te ai con­fi­ni di tran­si­to. Il pun­to sa­rà nel­la ge­stio­ne dei cam­pi pro­fu­ghi in Li­bia e nei Pae­si sub­sa­ha­ria­ni che an­co­ra og­gi so­no nel­le ma­ni dei traf­fi­can­ti di es­se­ri uma­ni. Una li­nea che Min­ni­ti – nel­le ve­sti di «super-mi­ni­stro» di In­ter­no ed Este­ri ha por­ta­to avan­ti già da tem­po e che gli ha con­sen­ti­to di or­ga­niz­za­re una ca­bi­na di re­gia per­ma­nen­te con i mi­ni­stri di Li­bia, Ciad, Ma­li e Ni­ger. È que­sto l’ul­ti­mo tas­sel­lo del puzz­le. Un in­ter­ven­to di­ret­to che sa­rà pos­si­bi­le sol­tan­to se ci sa­rà un aiu­to de­ci­so da an­che de­gli al­tri part­ner eu­ro­pei. Bi­so­gne­rà so­lo aspet­ta­re se il ver­ti­ce di Pa­ri­gi avrà rap­pre­sen­ta­to l’en­ne­si­ma oc­ca­sio­ne per una foto-ri­cor­do e tan­ti an­nun­ci op­pu­re sa­rà da­to un se­gui­to ad un pia­no, quel­lo ita­lia­no, che ora de­ve cer­ca­re di co­niu­ga­re la so­li­da­rie­tà al­la si­cu­rez­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.