Mu­na­ret­to, la leg­ge­rez­za del cie­lo

Il Mattino (Caserta) - - Esocietà Cultura - Ales­san­dra Pa­cel­li

to qui co­me in pun­ta di pie­di/ co­me tra ar­re­di non miei». La pre­ca­rie­tà del poe­ta, in bi­li­co tra il sen­ti­re e il rac­con­ta­re l’in­ti­mi­tà del­le emo­zio­ni, di­vie­ne qua­si un sen­tie­ro-gui­da per Mat­teo Mu­na­ret­to in que­sta sua rac­col­ta dal fe­li­ce ti­to­lo Il cie­lo è dei leg­ge­ri (In­ter­li­nea, pagg. 151, eu­ro 14). E ben pre­sen­te è an­che la le­zio­ne dei mae­stri di ri­fe­ri­men­to, in pri­mis Re­bo­ra e Lu­zi cui ha de­di­ca­to suoi stu­di, ma an­che Bia­gio Ma­rin o Al­da Me­ri­ni con il lo­ro sen­so di pu­rez­za e di estra­nei­tà agli af­fan­ni co­mu­ni del quo­ti­dia­no («Tra le can­di­de co­se del mon­do/ io vor­rei vi­ve­re ap­pe­na po­sa­to/ co­me un nien­te»). E se da una par­te ce­le­bra il «mi­ra­co­lo di es­se­re vi­vi», dall’al­tra sem­pre più in­si­nuan­te è il di­sa­gio, l’insofferenza per «co­me ur­la­no le co­se del mon­do/ l’ab­bia­mo sen­ti­to ora­mai,/ co­me han­no fa­me di di­vo­rar­si»; for­se per­ché in spe­ran­zo­sa at­te­sa di quel sal­vi­fi­co «col­po d’ala fi­no al som­mo amo­re». Ep­pu­re la leg­ge­rez­za del ti­to­lo non sem­bra ap­par­te­ne­re a Mu­na­ret­to, piut­to­sto il suo è un ri­flet­te­re nel si­len­zio del­la pro­pria in­te­rio­ri­tà, con sguar­do già di­sil­lu­so, qua­si pros­si­mo al­la re­sa: «noi abi­tan­ti di quag­giù pron­ti a pren­de­re il lar­go».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.