«Con le pa­ro­le di Si­ti do vo­ce al co­rag­gio»

Sa­lem­me nel film «Il con­ta­gio», sul­la Roma cor­rot­ta del­la po­li­ti­ca e del po­te­re

Il Mattino (Caserta) - - Spettacoli - T.f.

Im­pe­gna­to nei so­pral­luo­ghi del nuo­vo film che sta per co­min­cia­re a Na­po­li, «Una fe­sta esa­ge­ra­ta», ispi­ra­to al suo ul­ti­mo suc­ces­so tea­tra­le, Vin­cen­zo Sa­lem­me al­la Mo­stra non ci sa­rà. Ma la sua pre­sen­za nel film di Mat­teo Bo­tru­gno e Da­nie­le Co­luc­ci­ni, «Il con­ta­gio», in car­tel­lo­ne al­le Gior­na­te de­gli Au­to­ri, non pas­se­rà inos­ser­va­ta. Per­ché tra i cri­mi­na­li, gli af­fa­ri­sti, i traf­fi­can­ti che po­po­la­no que­sta sto­ria di po­te­re e di bor­ga­ta trat­ta dall’omo­ni­mo ro­man­zo di Wal­ter Si­ti il suo per­so­nag­gio di scrit­to­re omo­ses­sua­le fi­ni­sce per sta­gliar­si, con la mi­tez­za do­lo­ro­sa del ruo­lo, una span­na so­pra gli al­tri.

Un’in­cur­sio­ne nel dram­ma per un prin­ci­pe del­la com­me­dia. È la pri­ma vol­ta, Sa­lem­me?

«Per la ve­ri­tà in “Ba­cia­mi pic­ci­na” di Cim­pa­nel­li fi­ni­vo mor­to am­maz­za­to per ma­no dei na­zi­sti e in “La mes­sa è fi­ni­ta” di Nan­ni Mo­ret­ti fa­ce­vo il ter­ro­ri­sta, ma nien­te a che ve­de­re con il per­so­nag­gio di Wal­ter che af­fron­to qui».

Wal­ter, il pro­fes­so­re pic­co­lo-bor­ghe­se in­na­mo­ra­to di Mar­cel­lo, il cul­tu­ri­sta di bor­ga­ta cui pre­sta vol­to e mu­sco­li Vi­ni­cio Mar­chio­ni.

«In real­tà la mia è la vo­ce dell’au­to­re del ro­man­zo, di Wal­ter Si­ti, le pa­ro­le che re­ci­to fuo­ri cam­po so­no le sue. Di quel mon­do fat­to di espe­dien­ti e di vio­len­za rap­pre­sen­ta­to nel film so­no un os­ser­va­to­re ester­no. Mi fac­cio con­ta­gia­re dal­la real­tà cor­rot­ta del­la po­li­ti­ca e de­gli af­fa­ri, ma con­ta­gio a mia vol­ta Mar­cel­lo, il bul­lo sen­za spi­na dor­sa­le che al­la fi­ne sco­pre, dram­ma­ti­ca­men­te, la sua per­so­na­le eti­ca. Ec­co, que­sta for­ma di dop­pio con­ta­gio è la con­dan­na, ma an­che la spe­ran­za del film. Al­me­no io vo­glio leg­ger­la co­sì».

«Il con­ta­gio» è an­che una ra­dio­gra­fia spie­ta­ta del­la so­cie­tà ita­lia­na.

«La sto­ria ci in­se­gna che la cor­ru­zio­ne fa par­te del­la na­tu­ra uma­na. E che nes­su­na epo­ca ne è in­den­ne. Il con­fron­to con il re­sto del mon­do fa pau­ra, non ci si sen­te all’al­tez­za e si cer­ca­no del­le scor­cia­to­ie: for­se tut­to na­sce da que­sto sen­so di ina­de­gua­tez­za. Nel film lo pro­va­no tut­ti tran­ne il mio per­so­nag­gio, Wal­ter, che si fa for­te del­la sua in­no­cen­za. E del suo amo­re».

In que­sta Mo­stra il ci­ne­ma na­po­le­ta­no, di cui lei è un au­to­re­vo­le rap­pre­sen­tan­te, fa la par­te del Leo­ne con una de­ci­na di ti­to­li. Che idea se ne è fat­ta?

«Pen­so a quan­do, ne­gli an­ni Set­tan­ta, il no­stro tea­tro par­la­va al mon­do con “Ma­sa­niel­lo”, con “La gat­ta Ce­ne­ren­to­la”... Ora mi pa­re che nel ci­ne­ma stia­mo ri­con­qui­stan­do quel­le po­si­zio­ni, che il dia­let­to, la lin­gua na­po­le­ta­na ab­bia smes­so di es­se­re una pri­gio­ne per far­si di nuo­vo pon­te ver­so al­tre cul­tu­re. E que­sto è bel­lo. Un gran­de mo­ti­vo di or­go­glio».

La sua pri­ma Mo­stra?

«Nel ‘93, con “Il tuf­fo” di Mas­si­mo Mar­te­la nel­la Set­ti­ma­na del­la Cri­ti­ca. Vin­cem­mo an­che un pre­mio».

Ser­vo­no an­co­ra, i fe­sti­val?

«Se so­no oc­ca­sio­ni di scam­bio e di crea­ti­vi­tà, mi piac­cio­no mol­tis­si­mo. E ser­vo­no, al­tro­chè. So­no del­le fu­ci­ne di idee e di con­tat­ti di prim’or­di­ne, dei luo­ghi di ri­ge­ne­ra­zio­ne crea­ti­va. Ma se di­ven­ta­no ve­tri­na dell’esi­sten­te, al­lo­ra m’i in­te­res­sa­no me­no. Se la fu­ci­na si tra­sfor­ma in un par­cheg­gio per l’usa­to si­cu­ro, pas­so ol­tre».

Sul set Vin­cen­zo Sa­lem­me e Vi­ni­cio Mar­chio­ni in una sce­na de «Il con­ta­gio»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.