PER­CHÉ CAM­BIA­RE SEN­ZA DI­STRUG­GE­RE

Il Mattino (Napoli) - - Da Prima Pagina - Isia Sa­les

Men­treall’estero il mo­vi­men­to an­ti­ma­fia ita­lia­no è og­get­to di stu­dio e spes­so di am­mi­ra­zio­ne (co­me ho po­tu­to ve­ri­fi­ca­re con gli ospi­ti stra­nie­ri pre­sen­ti ai Dia­lo­ghi sul­le ma­fie che si so­no svol­ti a Na­po­li in que­sti gior­ni), da noi in­ve­ce non at­tra­ver­sa un buon mo­men­to e di­ver­se so­no le no­ti­zie di con­tra­sti in­ter­ni. Ie­ri ci ha mes­so del suo il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra Lui­gi Di Maio: non c’è co­sa peg­gio­re per i mor­ti di ma­fia di tra­sfor­mar­si in po­le­mi­ca per­ma­nen­te per i vi­vi dell’an­ti­ma­fia. La so­brie­tà e la mi­su­ra nel­le pre­se di po­si­zio­ne del­le fi­gu­re isti­tu­zio­na­li è una for­ma di ri­spet­to per chi ha per­so la vi­ta, per i suoi fa­mi­lia­ri e per la col­let­ti­vi­tà che ha su­bi­to la per­di­ta, non una sem­pli­ce buo­na edu­ca­zio­ne. Mol­te vol­te, in­ve­ce, le com­me­mo­ra­zio­ni de­gli eroi dell’an­ti­ma­fia si tra­sfor­ma­no in un ba­na­le rin­fo­co­la­men­to dei ran­co­ri po­li­ti­ci.

Ep­pu­re, an­che di fron­te a que­ste ca­du­te di sti­le, non bi­so­gna di­men­ti­ca­re al­cu­ni pun­ti fer­mi nei va­lo­ri dell’an­ti­ma­fia e al tem­po stes­so al­cu­ni evi­den­ti li­mi­ti. Par­tia­mo dai pri­mi.

Se c’è sta­ta l’esi­gen­za di co­strui­re una lot­ta an­ti­ma­fia (fat­ta di leg­gi, di isti­tu­zio­ni re­pres­si­ve, di mo­vi­men­ti so­cia­li e cul­tu­ra­li) è per­ché in Ita­lia for­te e du­ra­tu­ro è sta­to ed è il ruo­lo del­le ma­fie. La lot­ta an­ti­ma­fia non è un pal­li­no di or­de di fa­na­ti­ci che si so­no in­ven­ta­ti un pe­ri­co­lo che non c’è o che l’han­no ad ar­te esa­ge­ra­to. E in ogni ca­so me­glio un ec­ces­so di at­ten­zio­ne al­le ma­fie che il ne­ga­zio­ni­smo su di es­se che ha ca­rat­te­riz­za­to i pri­mi trent’ an­ni dell’Ita­lia re­pub­bli­ca­na. Ca­rat­te­ri­sti­ca del mo­vi­men­to an­ti­ma­fia ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni è l’af­fian­ca­men­to al­le isti­tu­zio­ni e agli uo­mi­ni pre­po­sti al con­tra­sto di un ori­gi­na­le mo­vi­men­to d’opi­nio­ne, che ha mo­bi­li­ta­to at­tor­no ad es­si un con­sen­so so­cia­le e cul­tu­ra­le pri­ma ine­si­sten­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.