«Non mol­la­te, per fa­vo­re» il lun­go ad­dio di Pan­nel­la

Il Mattino (Napoli) - - Primo Piano -

Te­le­fo­na­te e vi­si­te con­ti­nue nel­la man­sar­da di Mar­co che sta ma­le ma com­bat­te

Un «lun­go ad­dio» da ro­man­zo di Chand­ler. Av­vol­to nel­le nu­vo­le del­le si­ga­ret­te, nell’au­ra cre­pu­sco­la­re del­la cu­ci­na-sa­lot­to di ca­sa Pan­nel­la che si co­lo­ra di uma­ni­tà e di ma­lin­co­nia. Nel­la pe­nom­bra del­la man­sar­da a via del­la Pa­net­te­ria, do­ve si svol­ge la ce­ri­mo­nia de­gli ad­dii o la pro­ces­sio­ne dei ri­mor­si, gli oc­chi di Mar­co so­no scin­til­lan­ti di fron­te agli ami­ci e agli ospi­ti in que­sto pel­le­gri­nag­gio non ri­tua­le. Pan­nel­la sta mol­to ma­le, co­me si sa, «ma io so­no co­ria­ceo co­me un mu­lo abruz­ze­se», ri­pe­te in que­ste ore. La sua for­za, in que­sti mo­men­ti estre­mi, sta nel­la con­sa­pe­vo­lez­za di es­se­re sta­to sem­pre dal­la par­te del­la ra­gio­ne. An­co­ra guar­da mol­to al fu­tu­ro e quan­do sa­lu­ta qual­che ami­co ra­di­ca­le non è ra­ro che gli di­ca: «Non mol­la­te, mi rac­co­man­do, eh!». Op­pu­re: «Noi, con fe­li­ci­tà, rag­giun­ge­re­mo i no­stri obiet­ti­vi. Quel­li di una giu­sti­zia giu­sta, di un mon­do sen­za por­che­rie, di una de­mo­cra­zia pie­na­men­te rea­liz­za­ta. Ce la fa­re­mo, avan­ti co­sì!». Par­la da vi­sio­na­rio e non da ex. Co­me se aves­se da­van­ti un’in­te­ra vi­ta. A con­for­tar­lo nel suo ul­ti­mo trat­to di stra­da, ol­tre all’af­fet­to di tut­ti e al ri­co­no­sci­men­to del­la cen­tra­li­tà ac­qui­si­ta nel­la sto­ria na­zio­na­le, la sua stes­sa sin­go­la­re teo­ria del­la «co­mu­ni­tà dei vi­ven­ti e dei mor­ti», la con­vin­zio­ne cioè di una con­ti­nui­tà at­ti­va, di­la­ta­ta ol­tre le leg­gi del­la na­tu­ra, tra i pro­ta­go­ni­sti di una sta­gio­ne e quel­li che con­ti­nue­ran­no a por­ta­re avan­ti le bat­ta­glie di chi li ha pre­ce­du­ti.

Lau­ra Har­th e Mat­teo An­ge­li so­no i due an­ge­li cu­sto­di di Mar­co. Lo as­si­sto­no a ogni ora del gior­no e del­la not­te. E poi ci so­no gli ami­ci più ca­ri, co­me Cle­men­te Mimun. Ogni tan­to gli por­ta un uo­vo fre­sco, un po’ di ri­cot­ta, lo yo­gurt di cui Pan­nel­la è ghiot­to. Ma Mar­co man­gia co­me un uc­cel­li­no, co­me fa­ce­va nei brevi in­ter­val­li tra un di­giu­no e l’al­tro.

A vol­te Mar­co ha dif­fi­col­tà ad al­zar­si dal let­to, ma di­ce: «Ora mi ve­sto e va­do al par­ti­to». Poi si ac­cor­ge che non ce la fa. Il te­le­fo­no non smet­te di squil­la­re. Da Mat­ta­rel­la a Na­po­li­ta­no, tut­ti fan­no sen­ti­re la pro­pria vi­ci­nan­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.