Flop tem­po pie­no e ab­ban­do­ni boc­cia­te Na­po­li e la Cam­pa­nia

Il rap­por­to In­val­si: per l’ita­lia­no i pun­teg­gi più bas­si

Il Mattino (Napoli) - - Da Prima Pagina -

per la Va­lu­ta­zio­ne del Si­ste­ma dell’Istru­zio­ne) e com­pi­la­to da qua­si tut­te le scuo­le nel­la pri­ma­ve­ra del 2015 e ha scoperto che me­dia­men­te 4 scuo­le su 10 pos­so­no fa­re af­fi­da­men­to su me­no di un la­bo­ra­to­rio ogni 100 stu­den­ti (me­dia na­zio­na­le), ma in al­cu­ne pro­vin­ce di Si­ci­lia, Cam­pa­nia, La­zio e To­sca­na la per­cen­tua­le del­le scuo­le sguar­ni­te rag­giun­ge il 50-60 per cen­to.

A Na­po­li il pun­teg­gio più bas­so (149-172) nel­la pro­va di Ita­lia­no si rag­giun­ge in un’am­pia fet­ta del­la cit­tà: nel­la zo­na Nord (Mia­no, Chia­ia­no Pi­sci­no­la, Scampia), e nel cen­tro sto­ri­co, San Lo­ren­zo Pen­di­no Mon­te­cal­va­rio. A Milano lo stes­so scar­sis­si­mo pun­teg­gio si ri­tro­va so­lo in un’area ri­stret­tis­si­ma tra Bo­vi­sa e Bicocca e a Roma in nes­sun quar­tie­re. Di con­tro in nes­sun area di Na­po­li si rag­giun­go­no i pun­teg­gi più al­ti con­tro le cin­que di Roma e le die­ci di Milano.

Per l’or­ga­niz­za­zio­ne uma­ni­ta­ria è «una ri­sor­sa edu­ca­ti­va pre­zio­sa, uno stru­men­to im­por­tan­te di con­tra­sto al­la po­ver­tà edu­ca­ti­va nel­le aree più de­pri­va­te e vul­ne­ra­bi­li». La pos­si­bi­li­tà di la­scia­re i bam­bi­ni a scuo­la per un mag­gior nu­me­ro di ore è cer­ta­men­te è un aiu­to per le fa­mi­glie in dif­fi­col­tà e per i ge­ni­to­ri che ma­ga­ri non so­no in con­di­zio­ne di aiu­ta­re i fi­gli nel­lo svol­ge­re i co­mi­ti as­se­gna­ti a ca­sa. In so­stan­za uno stru­men­to di egua­glian­za. E in­ve­ce in me­dia, in Ita­lia, so­lo un ter­zo del­le clas­si del­la scuo­la pri­ma­ria of­fre agli alun­ni il tem­po pro­lun­ga­to, ma in al­cu­ne re­gio­ni, co­me Si­ci­lia, Mo­li­se (8%), Cam­pa­nia (14%), Pu­glia (17%), que­sto re­sta un pri­vi­le­gio per po­chi. Non of­fro­no scuo­le aper­te nel po­me­rig­gio il 92 per cen­to del­le clas­si in Si­ci­lia e Mo­li­se, l’86 per cen­to in Cam­pa­nia e l’83 per cen­to in Pu­glia. In pro­vin­ce a for­te ri­schio di esclu­sio­ne so­cia­le co­me Na­po­li, Reg­gio Ca­la­bria e Pa­ler­mo, do­ve la scuo­la può fa­re dav­ve­ro la dif­fe­ren­za, il ser­vi­zio e ga­ran­ti­to ad ap­pe­na una clas­se su die­ci.

Se­con­do i da­ti dif­fu­si dal Miur e ri­pre­si da Sa­ve the Chil­dren non ac­ce­do­no al­la re­fe­zio­ne l’80 per cen­to dei bam­bi­ni in Si­ci­lia, il 73 in Pu­glia, il 70 in Mo­li­se e il 65 in Cam­pa­nia. Mol­to più dif­fu­so il ser­vi­zio al Nord.

In Ita­lia i mi­no­ri in po­ver­tà as­so­lu­ta so­no un mi­lio­ne e 292 mi­la, uno su ot­to (12,5 per cen­to). Il 14 per cen­to in più del 2015. Le fa­mi­glie po­ve­re so­no 669mi­la, ci­fra cin­que vol­te mag­gio­re ri­spet­to a die­ci an­ni fa.

Cam­pa­nia ca­pi­ta­le ita­lia­na dell’obe­si­tà: lo di­mo­stra­no i da­ti rac­col­ti dal si­ste­ma di sor­ve­glian­za «Ok­kio al­la Sa­lu­te», pro­mos­so dal Mi­ni­ste­ro del­la Sa­lu­te e coor­di­na­to dall’Isti­tu­to Su­pe­rio­re di Sa­ni­tà. L’in­da­gi­ne 2016 ha coin­vol­to 2.604 clas­si di tut­to il ter­ri­to­rio na­zio­na­le, per un to­ta­le 48.946 bam­bi­ni di 8-9 an­ni. I ri­sul­ta­ti mo­stra­no che nel 2016 qua­si un bam­bi­no su 10 è obe­so. I pic­chi mag­gio­ri si re­gi­stra­no in Cam­pa­nia (44,1per cen­to), Ca­la­bria (41,4 per cen­to) e Mo­li­se (40,1 per cen­to). E que­sto for­se an­che per­ché un mi­no­re su 5 con­du­ce una vi­ta se­den­ta­ria, con me­die par­ti­co­lar­men­te ele­va­te in Si­ci­lia (37,8), Cam­pa­nia (35,8) e Ca­la­bria (33).

Più po­ve­re e più iso­la­te. Co­me sot­to­li­nea Sa­ve The Chil­dren: «Le ri­spo­ste for­ni­te dal­la qua­si to­ta­li­tà dei di­ri­gen­ti al que­stio­na­rio In­val­si ci di­co­no, ad esem­pio, che le scuo­le del Sud e del­le Iso­le, se­gna­te da li­vel­li più mar­ca­ti di dispersione, fan­no mag­gio­re fa­ti­ca a sta­re in re­te: in Cam­pa­nia 1 scuo­la su 100 ade­ri­sce a 5 o più re­ti, in Ve­ne­to 1 su 2». E que­sto an­che per­ché so­no mol­to di­ver­se le pos­si­bi­li­tà (o le ca­pa­ci­ta) del­le scuo­le ai due ca­pi dell’Ita­lia di at­tin­ge­re con­cre­ta­men­te ai fi­nan­zia­men­ti per po­ter la­vo­ra­re in­sie­me. Ri­spet­to al­le re­ti che si co­sti­tui­sco­no al Sud, quel­le del I ci­clo at­ti­ve nel Nord-Est so­no me­dia­men­te più sup­por­ta­te dal­lo Sta­to (64,9 per cen­to con­tro 51,3 per cen­to), dal­la Re­gio­ne (25,8 per cen­to con­tro 12,3 per cen­to), da al­tri en­ti e isti­tu­zio­ni pub­bli­che (35,1 per cen­to con­tro 11,3 per cen­to), da pri­va­ti (17,1 per cen­to con­tro 3,8 per cen­to) e da ri­sor­se pro­prie del­le scuo­le (62,5 per cen­to con­tro 28,4 per cen­to).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.