«Per i gol ci so­no i tre te­no­ri ma mi pe­sa­no le so­sti­tu­zio­ni»

Ma­rek e le ga­re a me­tà: è du­ra usci­re, l’ho det­to all’al­le­na­to­re

Il Mattino (Salerno) - - Sport -

«I bri­vi­di c’era­no, ma di­spu­tam­mo una gran­de par­ti­ta. Che riu­scim­mo an­che a pa­reg­gia­re, 1-1, tra tan­ti con­sen­si, no­no­stan­te fos­si­mo mol­to ine­sper­ti. E gio­can­do con buo­na per­so­na­li­tà».

Sei an­ni do­po in co­sa sie­te cam­bia­ti?

«Sia­mo mi­glio­ra­ti tan­to, ab­bia­mo fat­to mol­ti pas­si in avan­ti. Sa­pe­vo che sa­reb­be suc­ces­so, ed è per que­sto che so­no ri­ma­sto. Per­ché quel pro­get­to è cre­sciu­to an­no do­po an­no e io non ave­vo dub­bi che sa­rem­mo ar­ri­va­ti co­sì in alto. Tan­to in alto da po­ter an­da­re a gio­ca­re in ca­sa del Man­che­ster Ci­ty sen­za ave­re nes­su­na pau­ra».

Co­sa è Na­po­li per lei?

«È la mia vi­ta, or­mai. Non rie­sco a tro­va­re il mo­men­to esat­to in cui è scoc­ca­ta la scin­til­la d’amo­re per que­sta cit­tà, ar­ri­va­re al de­ci­mo an­no sem­pre nel­la stes­sa squa­dra non è fa­ci­le. Ma non ho mai ri­te­nu­to ne­ces­sa­rio cam­bia­re, non ne ho mai av­ver­ti­to la ne­ces­si­tà. Per­ché qui sto be­ne».

Al re­cord di Ma­ra­do­na ci pen­sa?

«Non tan­to. Die­go qui è un dio. E so­lo l’idea di sta­re da­van­ti a lui in una clas­si­fi­ca re­ga­la una bel­la sen­sa­zio­ne».

Del­le 113 re­ti rea­liz­za­te con la ma­glia az­zur­ra, qua­le ri­cor­da con più af­fet­to?

«Si­cu­ra­men­te la pri­ma in se­rie A, al­la Samp­do­ria, al San Pao­lo. Poi c’è quel­la nel­la fi­na­le di Cop­pa Ita­lia con la Ju­ven­tus».

E se­con­do lei, la più bel­la?

«For­se quel­la al Mi­lan nel 2008, quan­do fe­ci tut­to il cam­po pal­la al pie­de e poi cal­ciai dal li­mi­te».

De­gli al­le­na­to­ri che ha avu­to a Na­po­li, chi le ha in­se­gna­to di più?

«Ognu­no mi ha da­to qual­co­sa nel­la vi­sio­ne che ho ades­so del cal­cio. Ma quel­lo che mi ha da­to Sar­ri non mi ha da­to nes­su­no».

In co­sa gli è gra­to in ma­nie­ra par­ti­co­la­re?

«Ha una men­ta­li­tà vin­cen­te e ce l’ha tra­smes­sa. Ora ab­bia­mo un gio­co uni­co, sia­mo sem­pre pa­dro­ni del­le par­ti­te, non c’è una ga­ra in cui non sia­mo noi a det­ta­re il rit­mo. Pri­ma lo su­bi­va­mo, lo fa­ce­va­no gli al­tri: co­man­da­re in cam­po è una bel­la sen­sa­zio­ne».

Dà l’im­pres­sio­ne di non ar­rab­biar­si mai. È co­sì?

«È ve­ro, mi ar­rab­bio po­co. Tran­ne quan­do ven­go so­sti­tui­to... (ri­de di gu­sto, ndr)».

Non si è ar­rab­bia­to nep­pu­re a Kiev quan­do Be­ni­tez la mi­se in pan­chi­na?

«Mi ha pe­sa­to tan­to quell’esclu­sio­ne, ma mi ha pe­sa­to mol­to di più non ar­ri­va­re in fi­na­le di Eu­ro­pa Lea­gue. Ma non dis­si nul­la. Non era il ca­so...».

Di­ce Sar­ri che pre­fe­ri­reb­be re­le­ga­re le na­zio­na­li a giu­gno, quan­do i cam­pio­na­ti so­no fi­ni­ti. Che ne pen­sa?

«E quan­do ri­po­sia­mo?! (giù un’al­tra bel­la ri­sa­ta, ndr). Il ca­len­da­rio già co­sì è com­pli­ca­to, tosto, im­pe­gna­ti­vo. Poi per mol­ti di noi è un pia­ce­re in­dos­sa­re la ma­glia del­la pro­pria na­zio­na­le e po­ter rap­pre­sen­ta­re la pro­pria na­zio­ne. So­prat­tut­to per chi gio­ca all’este­ro».

A pro­po­si­to, è at­te­so da due ga­re di

«Ci gio­chia­mo tut­to nel­lo scon­tro di­ret­to di Gla­sgow, ma sa­pe­va­mo che sa­reb­be an­da­ta co­sì per­ché nel gi­ro­ne l’In­ghil­ter­ra era net­ta­men­te la fa­vo­ri­ta e noi non po­te­va­mo far al­tro che pun­ta­re al­lo spa­reg­gio. Spe­ria­mo di ar­ri­var­ci e poi di riu­sci­re a con­qui­sta­re il pass per la Russia: per una ge­ne­ra­zio­ne di cal­cia­to­ri slo­vac­chi, il Mon­dia­le può se­gna­re la fi­ne di un ci­clo».

Quan­do ha in­con­tra­to per la pri­ma vol­ta De Lau­ren­tiis si aspet­ta­va che in co­sì po­co tem­po il Na­po­li sa­reb­be ri­tor­na­to tre le big d’Eu­ro­pa?

«Sì. Era chia­ro da co­me si sta­va muo­ven­do. Ha com­pra­to il Na­po­li che ave­va so­lo de­bi­ti e lo ha por­ta­to in se­rie A qua­si su­bi­to. Se ve­dia­mo la ve­lo­ci­tà di cre­sci­ta che ha avu­to que­sta so­cie­tà è un’im­pre­sa straor­di­na­ria».

Co­sa l’ha col­pi­ta in quel pri­mo in­con­tro?

«L’am­bi­zio­ne. Al­lo­ra co­me an­co­ra ades­so lui vuol fa­re sem­pre tan­te co­se. Par­la sem­pre di mi­glio­ra­re e di vin­ce­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.