La te­sta­ta e i ve­le­ni so­cial, vio­len­za quo­ti­dia­na

Il Mattino (Salerno) - - Salerno Primo Piano - Ales­san­dro Tur­chi

Ifat­ti di Ostia, an­zi, il fat­to di Ostia, in tut­ta la sua cru­dez­za rac­con­ta­ta da una te­le­ca­me­ra im­pie­to­sa e rav­vi­ci­na­ta, ha mes­so in lu­ce, in mo­do sem­pli­ce e con­ci­so, il te­ma del­la vio­len­za che ac­com­pa­gna da sem­pre l’uo­mo ed i rap­por­ti fra gli uo­mi­ni. Quan­do me­no te lo aspet­ti, lun­go un per­cor­so che tu im­ma­gi­ni di ci­vi­liz­za­zio­ne, do­po an­ni ed an­ni di edu­ca­zio­ne al ri­spet­to dei pro­pri si­mi­li, mi­lio­ni di pa­ro­le e di re­to­ri­ca, ec­co che d’un trat­to, in un so­lo ge­sto, rie­mer­ge l’ani­ma­li­tà pre­sen­te in ognu­no di noi.

Quel­la be­stia­li­tà che ci ri­cor­da co­me la scor­za di ri­spet­ta­bi­li­tà, di ci­vi­le rap­por­tar­si con gli al­tri, sia trop­po sot­ti­le per re­si­ste­re all’in­cal­za­re del­le si­tua­zio­ni e del tem­po. Quel­la vio­len­za è lì, e si espri­me, ap­pe­na può, in mo­do pro­rom­pen­te, con mil­le ge­sti, mil­le at­teg­gia­men­ti, mil­le e una ag­gres­sio­ni, an­che so­lo ver­ba­li, ma non per que­sto me­no bru­ta­li. Trop­pe vol­te il cam­mi­na­re per stra­da, pu­re a Sa­ler­no, ci met­te a con­tat­to con at­teg­gia­men­ti in­qua­li­fi­ca­bi­li, spes­so ascri­vi­bi­li a mo­di di vi­ve­re una quo­ti­dia­ni­tà far­ci­ta di pre­va­ri­ca­zio­ni e pro­vo­ca­zio­ni. An­da­re in au­to, nel traf­fi­co di via dei Prin­ci­pa­ti co­me a San Leo­nar­do, è spes­so un’av­ven­tu­ra, sia per la ri­cer­ca dif­fi­ci­lis­si­ma di un par­cheg­gio, sia an­che per l’at­teg­gia­men­to ag­gres­si­vo e in­qua­li­fi­ca­bi­le di tan­ti, sem­pre pron­ti a lan­cia­re oc­chia­te di odio se non par­ti su­bi­to al se­ma­fo­ro, se ral­len­ti, se sbuf­fi da­van­ti all’en­ne­si­mo mo­to­ri­no che ti ta­glia la stra­da. So­no tut­ti lì, gio­va­ni e me­no gio­va­ni, au­to­mo­bi­li­sti e cen­tau­ri, pron­ti ad im­pre­ca­re al tuo in­di­riz­zo e con sguar­di fe­ro­ci, pron­ti a sal­tar­ti ad­dos­so al so­lo ac­cen­na­re an­che una mi­ni­ma rea­zio­ne.

Una vio­len­za che si espri­me in tan­ti mo­di, che dire de­gli edi­to­ria­li­sti da so­cial, quel­li pron­ti, al ri­pa­ro del­le lo­ro ta­stie­re, a riem­pi­re di in­sul­ti e di ter­ri­bi­li im­pre­ca­zio­ni, ogni mal­ca­pi­ta­to che si az­zar­di a con­tra­sta­re il lo­ro pen­sie­ro? Pen­sia­mo a ciò che è ac­ca­du­to al no­stro Sin­da­co po­chi gior­ni fa, con gli in­sul­ti ter­ri­bi­li che si è pre­so per aver ri­cor­da­to, in oc­ca­sio­ne del­lo sbar­co del­le ven­ti­sei don­ne im­mi­gra­te mor­te, che Sa­ler­no è una cit­tà ac­co­glien­te. Una quo­ti­dia­ni­tà in cui sem­pre più spes­so, ve­di le ester­na­zio­ni di cer­ta po­li­ti­ca po­pu­li­sta o le “ar­go­men­ta­zio­ni” di una lar­ga schie­ra di pseu­do ti­fo­si di cal­cio, l’ar­gi­ne del­la cor­ret­tez­za, an­che for­ma­le, che do­vreb­be ca­rat­te­riz­za­re i rap­por­ti fra le per­so­ne, sem­bra es­ser­si rot­to, a van­tag­gio di un mon­do in cui ora­mai non ci so­no li­mi­ti. Le bot­te, le te­sta­te sul na­so de­gli Spa­da, so­no ca­pi­ta­te an­che in po­sti in­so­spet­ta­bi­li co­me il pron­to soc­cor­so del Rug­gi d’Ara­go­na, con pa­ren­ti che si so­no fat­ti giu­sti­zia per pre­sun­ti tor­ti su­bi­ti, o nel­le scuo­le, con ge­ni­to­ri che han­no an­che al­za­to le ma­ni sul­la mae­stra del fi­glio.

Tut­ta que­sta vio­len­za sem­bra ora­mai par­te del no­stro con­te­sto e il da­to dram­ma­ti­co è che non riu­scia­mo a con­tra­star­la. Le cau­se so­no tan­te, dal­la cri­si eco­no­mi­ca ai pun­ti di ri­fe­ri­men­to, an­che va­lo­ria­li, che non ci so­no più, dal­la man­can­za di idea­li ad un si­ste­ma for­ma­ti­vo che non rie­sce ad as­sol­ve­re i pro­pri com­pi­ti mi­ni­mi. Il tut­to ac­com­pa­gna­to da mo­del­li te­le­vi­si­vi inac­cet­ta­bi­li, in cui le ur­la, gli im­pro­pe­ri, i cat­ti­vi esem­pi di rap­por­ti in­qui­na­ti fra le per­so­ne, la fan­no da pa­dro­ni, con la sot­to­li­nea­tu­ra di un in­di­vi­dua­li­smo che ha pre­so il po­sto di qual­sia­si istan­za col­let­ti­va. L’Ita­lia, è for­se il ca­so di ri­cor­dar­lo an­co­ra una vol­ta, è al 30° po­sto del­la clas­si­fi­ca eu­ro­pea nel­le spe­se per l’edu­ca­zio­ne, do­po di noi so­lo la Gre­cia. Vor­rà pur dire qual­co­sa?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.