«Crea­tu­ra si­mi­le al cri­stal­lo»

Il Mattino - - ECONOMIA -

mo­men­ti l'av­ve­rar­si del mes­sag­gio di Ken­ny King­ston: as­si­cu­ran­do di es­se­re riu­sci­to a evo­car­ne lo spi­ri­to nel cor­so di una se­du­ta spi­ri­ti­ca nel­la ce­le­bre vil­la di Be­ver­ly Hills, il me­dium hol­ly­woo­dia­no as­si­cu­rò po­co tem­po fa che la di­va sog­gior­na­va fe­li­ce in Pa­ra­di­so as­sie­me all'uni­co, ve­ro amo­re Joe DiMag­gio, ma con tut­ta l'in­ten­zio­ne di rein­car­nar­si a bre­ve per un nuo­vo sog­gior­no sul­la ter­ra. Il fon­da­to­re di «Play­boy», Hu­gh Hef­ner, ca­peg­gia un ma­ni­po­lo di mi­liar­da­ri che si di­chia­ra­no da an­ni di­spo­sti a sbor­sa­re qual­sia­si ci­fra per ot­te­ne­re il per­mes­so di far­si inu­ma­re ac­can­to al­la sua vi­si­ta­tis­si­ma tom­ba nel ci­mi­te­ro co­steg­gian­te il Wil­shi­re Bou­le­vard di Los An­ge­les.

Al di là dei de­li­ri e dei re­vi­val pit­to­re­schi, pe­rò, quel­lo che dav­ve­ro re­sta è il pro­fi­lo den­so e tut­ta­via per­vi­ca­ce­men­te sfug­gen­te del­la Mon­roe, per­so­na­li­tà bi­po­la­re in gra­do di lot­ta­re a mo­do suo con­tro la ci­ni­ca avi­di­tà del­lo show bu­si­ness, ma in­fi­ne stri­to­la­ta dal­le sue fer­ree leg­gi in par­te con­di­vi­se. Nell'epo­ca del­la ra­pi­da de­pe­ri­bi­li­tà dei to­tem di mas­sa rie­sce, in ef­fet­ti, dif­fi­ci­le ac­cet­ta­re e ad­di­rit­tu­ra per­pe­tua­re l'idea sim­bo­li­sta dell'im­mor­ta­li­tà del­la star, del suo trion­fo den­tro e ol­tre la fi­ne fi­si­ca. Que­st'ac­ca­ni­men­to po­co te­ra­peu­ti­co che in­du­ce i so­fi­sti­ca­ti me­dia post­mo­der­ni qua­si a ri­per­cor­re­re la stra­da dell'in­ter­ven­to di An­dy Wa­rhol - una mol­ti­pli­ca­zio­ne inin­ter­rot­ta e ip­no­ti­ca dell'im­ma­gi­ne con­su- mi­sti­ca di Ma­ri­lyn - con­fer­ma un'acu­ta ri­fles­sio­ne di Ed­gar Mo­rin: «Men­tre la star clas­si­ca si nu­tri­va del suo dop­pio, con la mor­te di Ma­ri­lyn po­treb­be es­se­re giun­to il mo­men­to in cui il dop­pio, in­ve­ce di es­se­re por­ta­to­re di im­mor­ta­li­tà, co­min­cia a di­ven­ta­re ri­chia­mo di mor­te, co­me il ri­trat­to di Do­rian Gray». Rac­con­ta Lau­ren Ba­call di Ma­ri­lyn: «Era una crea­tu­ra si­mi­le a un cri­stal­lo, ba­sta­va nul­la a in­quie­tar­la. La sua sen­si­bi­li­tà era esa­spe­ra­ta, se­gre­ta, sem­pre ma­sche­ra­ta dal­la ca­sca­ta di ca­pel­li bion­di, dal­la mor­bi­dez­za del cor­po. Sem­bra­va non ren­der­si con­to di es­se­re un og­get­to di de­si­de­rio per gli uo­mi­ni, era una sof­fe­ren­za per lei af­fi­da­re al pub­bli­co la sua im­ma­gi­ne ester­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.