Gio­va­ni e la­vo­ro...

Il Mattino - - COMMENTI - An­to­nio Golini

Pe­rò il Pae­se è pic­co­li­no as­sai e non è in gra­do di ac­co­glie­re un gran nu­me­ro di nuo­vi ar­ri­vi; e al­lo­ra in se­con­da bat­tu­ta do­vreb­be sce­glie­re la Ger­ma­nia che è for­te, ric­ca e po­ten­te op­pu­re l’Ir­lan­da do­ve pe­rò i da­ti del 2008 non ave­va­no an­co­ra se­gna­la­to la tem­pe­sta in ar­ri­vo. Se guar­das­se al­la più ele­va­ta istru­zio­ne da as­si­cu­ra­re al suo pre­zio­so ca­ri­co, al­lo­ra il pae­se da sce­glie­re è Ci­pro do­ve si ri­tro­va la mi­glio­re e più ade­gua­ta pre­pa­ra­zio­ne po­st-uni­ver­si­ta­ria, ma pie­na­men­te sod­di­sfa­cen­ti sa­reb­be­ro l’Ir­lan­da o la Fran­cia. Se, in­fi­ne vo­les­se as­si­cu­ra­re la mag­gio­re pos­si­bi­li­tà di la­vo­ro, al­lo­ra il po­sto do­ve at­ter­ra­re è l’Olan­da do­ve i gio­va­ni di 25-29 an­ni han­no il mag­gio­re tas­so di oc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le, ad­di­rit­tu­ra l’87 per cen­to (men­tre in Ita­lia so­no uf­fi­cial­men­te oc­cu­pa­ti nel­la mi­su­ra del 61 per cen­to, ul­ti­mo po­sto nel­la Unio­ne eu­ro­pea); ma han­no an­che le mag­gio­ri pro­ba­bi­li­tà di ri­tro­va­re un la­vo­ro, lad­do­ve ca­pi­tas­se lo­ro di per­der­lo.

A que­sto pun­to la ci­co­gna vo­le­reb­be smar­ri­ta al­la ri­cer­ca di un po­sto do­ve fos­se pos­si­bi­le as­si­cu­ra­re al suo pre­zio­so ca­ri­co la fe­li­ci­tà, una mi­sce­la mi­ra­co­lo­sa com­po­sta cer­ta­men­te di sa­lu­te, di red­di­to, di la­vo­ro, di istru­zio­ne, ma an­che di bel­lez­za pae­sag­gi­sti­ca, di cul­tu­ra, di ar­te, di cli­ma, di cu­ci­na e al­lo­ra, con ogni pro­ba­bi­li­tà, do­vreb­be es­se­re scel­ta una bel­lis­si­ma cit­tà ita­lia­na, do­ve pe­rò i gio­va­ni non han­no at­tual­men­te la vi­ta più fa­ci­le, o ma­ga­ri an­che una splen­di­da iso­la gre­ca dell’Egeo, il che pe­rò in que­sto pe­rio­do co­sti­tui­reb­be un er­ro­re cla­mo­ro­so.

Qua­le sia la mi­sce­la del­la fe­li­ci­tà nel­la vi­ta è que­stio­ne an­co­ra mi­ste­rio­sa da tut­ti i pun­ti di vi­sta e quin­di lo è pu­re dal pun­to di vi­sta sta­ti­sti­co, an­che se su que­sto te­ma – la «fi­lo­so­fia del­la sta­ti­sti­ca» e la fe­li­ci­tà da mi­su­ra­re con la sta­ti­sti­ca – si è eser­ci­ta­to già cir­ca 200 an­ni fa uno stu­dio­so ita­lia­no Mel­chior­re Gio­ia e at­tual­men­te, sem­pre dal pun­to di vi­sta sta­ti­sti­co, si va eser­ci­tan­do l’Oc­se, la più au­to­re­vo­le or­ga­niz­za­zio­ne di ri­cer­ca di tut­to il mon­do svi­lup­pa­to.

E quin­di la ci­co­gna sa­reb­be smar­ri­ta già da un pun­to di vi­sta sin­cro­ni­co, dal mo­men­to che la sua scel­ta sa­reb­be di­ver­sa a se­con­da dell’in­di­ca­to­re che ri­te­nes­se di pri­vi­le­gia­re nell’og­gi, ma più che mai lo sa­reb­be dal pun­to di vi­sta dia­cro­ni­co, se cioè ri­te­nes­se di do­ver sce­glie­re il luo­go do­ver far vi­ve­re la crea­tu­ra tra­spor­ta­ta non so­lo in ba­se al­la si­tua­zio­ne del mo­men­to, ma an­che in ba­se al­le pro­spet­ti­ve di vi­ta.

La scel­ta in­fat­ti non sa­reb­be cer­to fa­ci­le, dal mo­men­to che noi in Eu­ro­pa e in par­ti­co­la­re in Ita­lia ci tro­via­mo in una si­tua­zio­ne un po’ schi­zo­fre­ni­ca. Da un la­to, dal pun­to di vi­sta in­di­vi­dua­le, co­me ge­ni­to­ri in­ve­stia­mo sui fi­gli il mas­si­mo di ener­gie emo­ti­ve - dal mo­men­to che un fi­glio è ora­mai non più un even­to su­bì­to, ma qua­si sem­pre il frut­to di una scel­ta con­sa­pe­vo­le e d’amo­re - e quin­di di aspet­ta­ti­ve e di ener­gie fi­si­che, ma poi an­che di ri­sor­se eco­no­mi­che e di ri­sor­se di tem­po. E pro­prio per as­si­cu­ra­re lo­ro il mas­si­mo di be­nes­se­re, in­te­so in sen­so la­to, ma non sol­tan­to per que­sto ab­bia­mo, giu­sta­men­te, ri­dot­to il nu­me­ro di fi­gli, for­se fi­nan­che in nu­me­ro ec­ces­si­vo. Non so­lo, ma an­che co­me col­let­ti­vi­tà l’in­ve­sti­men­to è enor­me, sia in ri­sor­se sa­ni­ta­rie, per as­si­cu­ra­re lo­ro la mas­si­ma so­prav­vi­ven­za, sia in ri­sor­se edu­ca­ti­ve, per as­si­cu­ra­re lo­ro la mas­si­ma istru­zio­ne e cul­tu­ra. Il ri­sul­ta­to è che mai nel­la sto­ria dell’uma­ni­tà si so­no avu­te le­ve di gio­va­ni co­sì «ric­che» in pri­mo luo­go di ca­pi­ta­le so­cia­le, ma an­che di ca­pi­ta­le pro­pria­men­te det­to in ter­mi­ni di be­ni du­re­vo­li e non du­re­vo­li. Dall’al­tro la­to pe­rò, co­me so­cie­tà ci tro­via­mo a di­la­pi­da­re in non pic­co­la par­te que­sto ca­pi­ta­le, con­si­de­ran­do l’ele­va­ta di­soc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le, la fre­quen­te pre­ca­rie­tà del la­vo­ro per co­lo­ro che so­no oc­cu­pa­ti, la man­can­za di una so­li­da pro­spet­ti­va di lun­ga du­ra­ta, il che spes­so non con­sen­te ai gio­va­ni di pro­get­ta­re il fu­tu­ro in ter­mi­ni di vi­ta co­niu­ga­le, di pro­crea­zio­ne e quin­di pas­sag­gio del te­sti­mo­ne del­la vi­ta, di pro­fes­sio­ne.

Or­mai la di­soc­cu­pa­zio­ne ge­ne­ra­le ha toc­ca­to nel no­stro Pae­se il va­lo­re dell’8,5 per cen­to ed è quin­di di­soc­cu­pa­to 1 la­vo­ra­to­re su 11, un po’ me­no che nell’in­sie­me del­la Ue e de­gli Sta­ti Uni­ti, il che al­me­no in ter­mi­ni com­pa­ra­ti­vi è mo­ti­vo di con­for­to, men­tre a es­se­re gra­vis­si­ma è la di­soc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le - di co­lo­ro che si tro­va­no in età dai 15 ai 25 an­ni e che, ov­via­men­te, non so­no stu­den­ti - ar­ri­va­ta or­mai al 28,2 per cen­to. So­no pro­prio i più gio­va­ni a pa­ga­re il prez­zo più pe­san­te del­la cri­si oc­cu­pa­zio­na­le che col­pi­sce in par­ti­co­la­re l’Oc­ci­den­te, pro­prio le per­so­ne che con i lo­ro con­trat­ti fles­si­bi­li e pre­ca­ri han­no pri­ma lar­ga­men­te ga­ran­ti­to la te­nu­ta del mer­ca­to del la­vo­ro e del­la pro­du­zio­ne e che ora sen­za pro­te­zio­ni par­ti­co­lar­men­te for­ti so­no i più espo­sti al­la di­soc­cu­pa­zio­ne. E que­sto no­no­stan­te che i gio­va­ni sia­no for­te­men­te ca­la­ti ne­gli ul­ti­mi an­ni a cau­sa del­la ben no­ta for­te de­na­ta­li­tà che ca­rat­te­riz­za da mol­to tem­po il no­stro Pae­se: fra il 1999 e il 2009 in­fat­ti i gio­va­ni di 15-24 an­ni so­no di­mi­nui­ti, no­no­stan­te la con­si­sten­te im­mi­gra­zio­ne stra­nie­ra, di ben 2 mi­lio­ni cir­ca per ar­ri­va­re agli at­tua­li 6 mi­lio­ni, men­tre nei pros­si­mi 10 an­ni do­vreb­be aver­si un’ul­te­rio­re ri­du­zio­ne di 500 mi­la per­so­ne.

No­no­stan­te si ab­bia quin­di un ca­pi­ta­le uma­no in for­te ri­du­zio­ne, non riu­scia­mo a tro­var lo­ro pie­na oc­cu­pa­zio- ne, evi­den­te­men­te sia per­ché dal pun­to di vi­sta quan­ti­ta­ti­vo il nu­me­ro di po­sti di la­vo­ro di­spo­ni­bi­li non è suf­fi­cien­te a co­pri­re la re­la­ti­va­men­te ri­dot­ta of­fer­ta di la­vo­ra­to­ri, sia per­ché dal pun­to di vi­sta qua­li­ta­ti­vo il ti­po di po­sti di la­vo­ro di­spo­ni­bi­li non è in gra­do di at­ti­ra­re nel la­vo­ro un mag­gior nu­me­ro di gio­va­ni che ri­sul­ta­no co­sì es­se­re sco­rag­gia­ti, pre­fe­ren­do ma­ga­ri pro­se­gui­re un per­cor­so sco­la­sti­co per iner­zia piut­to­sto che per con­vin­zio­ne op­pu­re an­co­ra re­stan­do in­tol­le­ra­bil­men­te inat­ti­vi sen­za la­vo­ra­re e sen­za stu­dia­re.

L’Ita­lia, e in ge­ne­ra­le l’Eu­ro­pa, non può per­met­ter­si un ta­le straor­di­na­rio spre­co di ri­sor­se, che pro­cu­ra gua­sti in­di­vi­dua­li e col­let­ti­vi. An­che per­ché a tut­to que­sto si ag­giun­ge l’enor­me pres­sio­ne de­mo­gra­fi­ca, eco­no­mi­ca e so­cia­le che vie­ne dal­la ster­mi­na­ta mas­sa di gio­va­ni dei pae­si in via di svi­lup­po. Da un la­to bi­so­gna che gli adul­ti strut­tu­ri­no una so­cie­tà più a mi­su­ra di gio­va­ni e dall’al­tro bi­so­gna che i gio­va­ni stes­si fac­cia­no sen­ti­re di più la lo­ro pre­sen­za e la lo­ro vo­ce, sen­za che si ada­gi­no trop­po sul­la sus­si­sten­za che co­mun­que vie­ne lo­ro as­si­cu­ra­ta e sul «pa­tri­mo­nio» che co­mun­que i ge­ni­to­ri han­no ac­cu­mu­la­to per lo­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.