E lui sus­sur­rò: «I tuoi oc­chi, co­me quel­li di mia ma­dre»

Fra­si d’amo­re, scher­zi e bat­tu­te ec­co quel che gli spo­si han­no bi­sbi­glia­to sull’al­ta­re

Il Mattino - - PRIMO PIANO - De­bo­rah Ame­ri

LON­DRA. «I tuoi oc­chi sem­bra­no pro­prio quel­li di mia ma­dre. Sei co­sì bel­la...». Ka­te è ap­pe­na ar­ri­va­ta all'al­ta­re, Wil­liam la ve­de per la pri­ma vol­ta con l'abi­to da spo­sa e non re­si­ste. Nel gior­no più im­por­tan­te del­la sua vi­ta de­ve evo­ca­re la ma- dre: La­dy Dia­na.

Pez­zet­ti di fra­si in­ti­me, co­me que­sta, scher­zi e bat­tu­te, sfug­gi­te ai due mi­liar­di di te­le­spet­ta­to­ri in­col­la­ti al­le tv, so­no sta­te col­te da esper­ti nel­la let­tu­ra delle lab­bra, ar­ruo­la­ti da Ti­mes e Mir­ror.

Po­co pri­ma che la spo­sa rag­giun­ga l'al­ta­re il principe Har­ry spif­fe­ra al fra­tel­lo: «Ec­co­la, sta ar­ri­van­do. Aspet­ta, non gi­rar­ti fin­ché non ve­di l'abi­to». E do­po il ri­cor­do di Dia­na il principe si ab­ban­do­na al­la fra­se più dol­ce: «Sei bel­lis­si­ma, ti amo». Ha per­si­no lo spi­ri­to di scher­za­re con il suo­ce­ro, Mi­chael Midd­le­ton, in pie­di ac­can­to a Ka­te e gli di­ce con iro­nia: «Do­ve­va es­se­re una pic­co­la fe­sta in fa­mi­glia».

In­tan­to i 1.900 ospi­ti chiac­chie­ra­no tra lo­ro. Da­vid Ca­me­ron e il suo vi­ce Nick Clegg, di­scu­to­no dei tight che in­dos­sa­no: «Ho do­vu­to fare al­lar­ga­re i pan­ta­lo­ni», ha con­fes­sa­to il pre­mier a Clegg. Al­la fi­ne del­la ce­ri­mo­nia per­si­no la regina è en­tu­sia­sta e os­ser­va: «È sta­to ec­cel­len­te». E poi ri­vol­gen­do­si a Ca­mil­la ha un ri­pen­sa­men­to: «Vo­le­vo che pren­des­se­ro la car­roz­za più pic­co­la...», mor­mo­ra, ac­cen­nan­do al­la cop­pia sul­la Sta­te Lan­dau 1902, la stes­sa che usa­ro­no Dia­na e Car­lo.

Du­ran­te la pro­ces­sio­ne da We- st­min­ster a Buc­kin­gham Pa­la­ce Wil­liam dà con­si­gli al­la spo­sa: «Non fare l'in­chi­no an­co­ra. Piut­to­sto pie­ga so­lo la te­sta», le sug­ge­ri­sce pas­san­do di fron­te al­le guar­die rea­li. E lei un po' an­sio­sa ri­spon­de: «Va be­ne, Gra­zie. Ma sei fe­li­ce?». Lui: «Sì, sì. È sta­ta una bel­la ce­ri­mo­nia. È sta­to dav­ve­ro me­ra­vi­glio­so. So­no co­sì fie­ro che tu sia mia mo­glie».

Ma gli scam­bi più dol­ci av­ven­go­no sul ter­raz­zo di Buc­kin­gham Pa­la­ce, quan­do gli spo­si esco­no e Ka­te per un at­ti­mo è in­ti­mo­ri­ta dal­la mol­ti­tu­di­ne che si esten­de sot­to di lo­ro. Si la­scia an­da­re a un «wow!». Poi Wil­liam pre­mu­ro­so: «Stai be­ne? Sei si­cu­ra che sa­rà ok? Già, c'è un sac­co di gen­te lì sot­to».

Quan­do la fol­la ini­zia a ur­la­re «kiss, kiss», lui si vol­ta ver­so di lei: «Ok, guar­da­mi. Dai, dia­mo­ci un bacio». Ma uno so­lo non ba­sta, l'are­na di spet­ta­to­ri ne pre­ten­de un al­tro. Ka­te: «E ora che fac­cia­mo?». Wil­liam: «Fai sem­pli­ce­men­te un po' di tut­to», le sug­ge­ri­sce (e lei si met­te a sa­lu­ta­re con la ma­no e a par­la­re con le da­mi­gel­le). Al­la fi­ne la ri­chie­sta del po­po­lo non si può più igno­ra­re. Il principe ac­con­sen­te: «Dai, an­co­ra uno. Dia­mo­glie­ne an­co­ra uno. Ti amo. An­co­ra un bacio, va be­ne?».

E do­po aver sfio­ra­to le lab­bra del­la mo­glie, sghi­gnaz­zan­do scher­za con il fra­tel­lo, che è ac­can­to a Pip­pa Midd­le­ton: «Har­ry, ades­so toc­ca a te!».

Will e Ka­te Ma­no nel­la ma­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.