Me­la­nia, il Dna non è del ma­ri­to

Fil­tra­no le in­di­scre­zio­ni sui pri­mi ri­sul­ta­ti de­gli ac­cer­ta­men­ti ef­fet­tua­ti dai ca­ra­bi­nie­ri I ri­lie­vi dei Ris sul­la si­rin­ga «Qua­dro qua­si com­ple­to» Ma c’è chi ac­cu­sa: fat­ti er­ro­ri

Il Mattino - - ATTUALITÀ - Da­nie­le Re­gno

ASCO­LI PI­CE­NO. Non ci so­no il Dna di Me­la­nia né quel­lo del ma­ri­to Salvatore sull'in­vo­lu­cro ester­no del­la si­rin­ga tro­va­ta in­fil­za­ta nel ca­da­ve­re del­la don­na. E nep­pu­re sul lac­cio emo­sta­ti­co che era lì ac­can­to. Bi­so­gne­rà at­ten­de­re an­co­ra in­ve­ce per i ri­sul­ta­ti delle ana­li­si sul­le trac­ce di li­qui­do mi­sto a san­gue den­tro la si­rin­ga.

So­no le pri­me in­di­scre­zio­ni su­gli ac­cer­ta­men­ti af­fi­da­ti ai ca­ra­bi­nie­ri del Ris nell'am­bi­to dell'in­chie­sta sul de­lit­to di Car­me­la Me­la­nia Rea, la gio­va­ne mam­ma scom­par­sa da Col­le San Mar­co ad Asco­li Pi­ce­no il 18 aprile e ri­tro­va­ta ca­da­ve­re il 20, nel bo­schet­to di Ri­pe di Ci­vi­tel­la (Te­ra­mo), con la si­rin­ga pian­ta­ta nel se­no: pro­ba­bil­men­te una mes­sin­sce­na dell'as­sas­si­no o de­gli as­sas­si­ni.

Ie­ri è sta­ta una gior­na­ta di ri­fles­sio­ne per il pool di ma­gi­stra­ti asco­la­ni che con la col­le­ga te­ra­ma­na coor­di­na­no le in­da­gi­ni. Pro­cu­ra blin­da­ta per i gior­na­li­sti e, quan­to al­le ipo­te­si fat­te in que­sti gior­ni dai me­dia, i ma­gi­stra­ti non si dan­no nep­pu­re la pe­na di ri­spon­de­re al­le do­man­de.

E stan­co de­gli as­sal­ti me­dia­ti­ci è anche il ve­do­vo, Salvatore Pa­ro­li­si, che di­ce ai cro­ni­sti: «La­scia­te­mi in pa­ce! Non vi fer­ma­te da­van­ti a nien­te. Vo­glio so­lo sta­re con la mia bam­bi­na, per­ché so­lo co­sì non sto ma­le». È stu­fo, il ca­po­ral­mag­gio­re dell'eser­ci­to, dei so­spet­ti che lo se­guo­no co­me un'om­bra e che la stam­pa ha pro­ba­bil­men­te ali­men­ta­to, ti­ran­do fuo­ri una sua re­la­zio­ne ex­tra­co­niu­ga­le e pre­sun­ti li­ti­gi fra lui e Me­la­nia. In real­tà, il fron­te di pa­ren­ti e ami­ci è com­pat­to: «Mas­si­ma fi­du­cia» di lui, ri­ba­di­sce il fra­tel­lo del­la vit­ti­ma, Mi­che­le, men­tre le ami­che di lei so­no qua­si tut­te con­cor­di nel di­re che la lo­ro era una cop­pia in­vi­dia­bi­le.

Sem­bra ot­ti­mi­sta il co­man­dan­te pro­vin­cia­le dei ca­ra­bi­nie­ri di Asco­li, il col. Alessandro Pa­tri­zio. Anche og­gi so­no sta­te ascol­ta­te delle per­so­ne su aspet­ti spe­ci­fi­ci del­la vi­cen­da. Via via, di­ce l'uf­fi­cia­le, «ab­bia­mo un qua­dro sem­pre più com­ple­to», quan­to me­no dell'am­bien­te in cui è ma­tu­ra­to il de­lit­to. Ma sul pos­si­bi­le con­te­sto, boc­ca cu­ci­ta.

Cer­to che, quan­do la scre­ma­tu­ra delle va­rie ipo­te­si su que­sto de­lit­to sa­rà al­la fi­ne, e se uno al­la vol­ta ver­ran­no esclu­si i so­spet­ti nel­la cer­chia delle re­la­zio­ni più vi­ci­ne a Me­la­nia, si do­vrà for­se ri­co­min­cia­re da ca­po. Ri­pren­den­do in ma­no l'ipo­te­si, per ora ac­can­to­na­ta, di un kil­ler oc­ca­sio­na­le, una ve­ra be­stia ne­ra per chi in­da­ga, per­ché sa­reb­be co­me cer­ca­re un ago

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.