Ora è vo­la­ta con l’In­ter per il se­con­do po­sto al­le spal­le del Mi­lan Ham­sik, un lam­po di clas­se il Na­po­li vo­la in Cham­pions

Gli az­zur­ri sof­fro­no ma bat­to­no il Ge­noa con un gol del­lo slo­vac­co all’83’

Il Mattino - - SPORT - Fran­ce­sco De Lu­ca

La not­te del ri­scat­to. Sof­fer­to, ma pun­tua­le e me­ri­ta­to. Il Na­po­li ha te­so il Ge­noa a 7’ dal­la fi­ne con Ham­sik (Maz­zar­ri gli ha poi co­nes­so la stan­ding ova­tion) e ha alun­ga­to il pas­so sul­le in­se­gui­tri­ci. l ter­zo po­sto e la qua­li­fi­ca­zio­ne di­ret­ta al­la Cham­pions ap­pa­io­no più si­cu­ri. La vit­to­ria ha un sa­poe par­ti­co­la­re, per­ché sto­ri­ca: è ta­to egua­glia­to il pri­ma­to del Na­po­li di Bi­gon, quel­lo del se­con­do cu­det­to, 21 suc­ces­si in cam­pio­na­to. Cer­to, que­sta sta­gio­ne non ini­rà con il tri­co­lo­re sul pet­to, ma è sta­ta ac­can­to­na­ta la pau­ra di ve­der pre­giu­di­ca­to lo splen­di­do la­vo­ro di un an­no. L'il­lu­sio­ne di po­ter ef­fet­tua­re il sor­pas­so ull'In­ter è du­ra­ta fi­no al­la dop­piet­ta di Paz­zi­ni al Ce­se­na, poi il Na­po­li ha cer­ca­to contro il Ge­noa i pun­ti per di­fen­de­re il ter­zo po­sto.

Ma nel pri­mo tem­po si so­no nuo­va­men­te ma­ni­fe­sta­ti i pro­ble­mi che ave­va­no de­ter­mi­na­to i riul­ta­ti con i friu­la­ni e il Paer­mo. Squa­dra po­co lu­ci­da, ner­vo­sa ol­tre il co­nen­ti­to, in dif­fi­col­tà an­he sot­to l'aspet­to fi­si­co, pe­cie sul cam­po al­la­ga­to del San Paolo. La­vez­zi, generoso co­me sem­pre, si è ala­to nel ruo­lo di tra­sci­na­to­re e ha co­min­cia­to a muo­ver­si fre­ne­tia­men­te nel­la tre­quar­ti del Ge­noa per cer­ca­re spa­zi buo­ni per Ca­va­ni e Ham­sik, ma il pri­mo em­po ha fat­to re­gi­stra­re so­lo il iro del Po­cho (12') e il col­po di esta di Pa­zien­za (21'), en­tram­bi d'un sof­fio fuo­ri. Il Ge­noa non ha eci­ta­to la par­te del­lo spet­ta­to­re, ome pe­ral­tro le pic­ca­te re­pli­che di Bal­lar­di­ni a Maz­zar­ri ave­va­no ascia­to in­tui­re, ma ha cer­ca­to di ol­pi­re sfrut­tan­do i mo­vi­men­ti di Flo­ro Flo­res e Pa­lo­schi, le con­cluio­ni di Kuc­ka e la spin­ta di Kon­ko a de­stra e di Cri­sci­to a si­ni­tra, in quel­la zo­na do­ve Maggio era eva­ne­scen­te a cau­sa delle sue pre­ca­rie con­di­zio­ni fi­si­che. Han­no pro­va­to ad avan­za­re i due cen­tra­li Cam­pa­gna­ro e Aro­ni­ca, pe­rò sen­za for­tu­na. E la so­li­ta gran­de spin­ta l'ha da­ta il pub­bli­co, ma non è sta­to suf­fi­cien­te il cuo­re per spin­ge­re il pallone al­le spal­le di Eduar­do. Pe­ral­tro, Ca­va­ni non riu­sci­va a pun­ge­re: nel pri­mo tem­po il Ma­ta­dor si è fat­to no­ta­re per quel­la cor­sa nell'area di De Sanc­tis (ha chie­sto al por­tie­re di ri­lan­cia­re il pallone con mag­gio­re ve­lo­ci­tà) e per quell'er­ro­re dall'al­tra op­po­sta, quan­do ha fat­to l'egoi­sta e non ha ser­vi­to La­vez­zi, li­be­ro a po­chi pas­si dal por­tie­re ros­so­blù.

Le con­di­zio­ni del cam­po non han­no con­sen­ti­to al Na­po­li di al­za­re il rit­mo nel­la ri­pre­sa men­tre La­vez­zi (al­tis­si­mo il ti­ro di si­ni­stro all'11' con Eduar­do fuo­ri cau­sa), l'uo­mo più bril­lan­te, ac­cu­sa­va un com­pren­si­bi­le ca­lo. Il Ge­noa si ren­de­va pe­ri­co­lo­so con Aro­ni­ca, sì pro­prio lui: il di­fen­so- re sfio­ra­va l'au­to­re­te di te­sta sul ti­ro di Kon­ko, il mi­glio­re dei li­gu­ri. Era un sus­sul­to per­ché poi i ros­so­blù con­ce­de­va­no me­tri agli av­ver­sa­ri, ar­ri­va­ti tre vol­te vi­ci­ni al gol in 5’ con Yeb­da (so­sti­tu­to del­lo spen­to Pa­zien­za), con un cross di Dos­se­na de­via­to pe­ri­co­lo­sa­men­te dal cor­po di Ka­la­d­ze e non dal­la te­sta di Ca­va­ni, e con La­vez­zi. Era un as­sal­to de­ci­so anche se non per­fet­ta­men­te coor­di­na­to, quel­lo del Na­po­li. Eduar­do era chia­ma­to a com­pie­re straor­di­na­ri men­tre Ka­la­d­ze, con il suo gran­de me­stie­re, al­za­va un mu­ro da­van­ti al por­tie­re. Tra i più vi­va­ci nel com­pli­ca­to fi­na­le c'era Yeb­da, il me­dia­no più in for­ma, ep­pu­re par­ti­to dal­la pan­chi­na co­me a Pa­ler­mo. Il po­po­lo di Fuo­ri­grot­ta ten­ta­va di ac­com­pa­gna­re l'azio­ne, pe­rò era dif­fi­ci­le per gli az­zur­ri tro­va­re var­chi, dal mo­men­to che Bal­lar­di­ni ave­va fat­to ab­bas­sa­re Ra­fi­n­ha e Kuc­ka. Vi riu­sci­va­no nel fi­na­le, riec­co la zo­na Maz­zar­ri: al 38'. Cross di Aro­ni­ca da cen­tro­cam­po, il col­po di te­sta di Ca­va­ni spiaz­za­va i di­fen­so­ri del Ge­noa e met­te­va Ham­sik in con­di­zio­ne di col­pi­re: il suo de­stro era per­fet­to, sul se­con­do pa­lo. Vit­to­ria scac­cia­pen­sie­ri, le par­ti­te dell'Udi­ne­se og­gi e del­la La­zio do­ma­ni met­to­no me­no pau­ra.

Av­ver­sa­ri Maz­zar­ri (in al­to) e Bal­lar­di­ni ave­va­no ani­ma­to la vi­gi­lia del­la par­ti­ta con le lo­ro di­chia­ra­zio­ni. A si­ni­stra, in azio­ne Ham­sik au­to­re del gol dell’1-0 del Na­po­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.