Die­ci sfi­de per Na­po­li dal la­vo­ro al traf­fi­co

Le do­man­de del Mat­ti­no, gli im­pe­gni per cam­bia­re la cit­tà

Il Mattino - - NAPOLI PRIMO PIANO - Fran­ce­sco Gril­lo

Quel­la che per se­co­li è sta­ta una delle ca­pi­ta­li più gran­di d’Eu­ro­pa è di­ven­ta­ta, dav­ve­ro, l’om­be­li­co del mon­do. Lo di­mo­stra­no, pro­prio, i nu­me­ri sull’an­da­men­to de­mo­gra­fi­co: Na­po­li è, del re­sto, una delle po­che cit­tà eu­ro­pee ad ave­re per­so un quar­to del­la pro­pria po­po­la­zio­ne ne­gli ul­ti­mi trent’an­ni, e ciò con­tri­bui­sce a da­re un sen­so di ab­ban­do­no a chi si tro­va a vi­si­ta­re la cit­tà. A ve­de­re i nu­me­ri, la Na­po­li che si tro­ve­rà a do­ver go­ver­na­re il pros­si­mo sin­da­co è un con­cen­tra­to di pro­ble­mi che fa­reb­be­ro tre­ma­re chiun­que pro­vas­se a far­vi fron­te. Ed è per que­sto mo­ti­vo che è pa­ra­dos­sa­le che a can­di­dar­si per go­ver­na­re l’«om­be­li­co» si af­fol­la­no al­me­no cin­que can­di­da­ti for­ti. Ma ciò, for­se, av­vie­ne per­ché Na­po­li è – pa­ra­dos­sal­men­te, pro­prio per que­sto con­cen­tra­to di pro­ble­mi – anche lo sno­do do­ve si de­ci­de buo­na par­te del fu­tu­ro di que­sto pae­se. E, del re­sto, se i nu­me­ri ma­cro di­se­gna­no uno sce­na­rio estre­ma­men­te ne­ga­ti­vo, al­cu­ne real­tà mi­cro (che, a vol­te, non so­no nep­pu­re tan­to pic­co­le) fan­no im­ma­gi­na­re che gli esi­ti del­la par­ti­ta che si gio­ca a Na­po­li non so­no co­sì scon­ta­ti. È par­ten­do dai nu­me­ri, co­mun­que, che ab­bia­mo de­ci­so di for­mu­la­re – re­pli­can­do un’espe­rien­za si­mi­le fat­ta l’an­no scor­so in oc­ca­sio­ne delle ele­zio­ni re­gio­na­li – die­ci do­man­de che chie­do­no ai can­di­da­ti scel­te e im­pe­gni pre­ci­si. I nu­me­ri che ab­bia­mo scel­to per de­fi­ni­re la que­stio­ne Na­po­li ri­guar­da­no la­vo­ro, di­sa­gio, traf­fi­co, si­cu­rez­za, tu­ri­smo, ri­cer­ca, ov­via­men­te ri­fiu­ti, ol­tre che ef­fi­cien­za dell’am­mi­ni­stra­zio­ne e uti­liz­za­zio­ne ef­fi­cien­te delle ri­sor­se che so­no di­spo­ni­bi­li per in­ve­sti­men­ti. Mol­to spes­so fac­cia­mo ri­fe­ri­men­to al con­fron­to con al­tre real­tà del Sud per ren­de­re la com­pa­ra­zio­ne più si­gni­fi­ca­ti­va In­tan­to il pri­ma­to ne­ga­ti­vo in ter­mi­ni di po­sti di la­vo­ro. La re­gio­ne Cam­pa­nia è la peg­gio­re d’Eu­ro­pa (lad­do­ve nel con­cet­to di Eu­ro­pa in- clu­des­si­mo anche Ro­ma­nia e Bul­ga­ria) se si cal­co­la la per­cen­tua­le del­la po­po­la­zio­ne che la­vo­ra (40 per cen­to contro il 64 per il Cen­tro Nord); tut­ta­via, la pro­vin­cia di Na­po­li è di gran lun­ga la peg­gio­re delle pro­vin­ce del­la Cam­pa­nia (so­lo 36 per­so­ne su 100 la­vo­ra­no, contro va­lo­ri che oscil­la­no tra 45 e 50 a Sa­ler­no, Avel­li­no e Be­ne­ven­to). All’as­sen­za di la­vo­ro cor­ri­spon­de del re­sto una pro­le­ta­riz­za­zio­ne del­la cit­tà che non co­no­sce pa­ral­le­li nell’in­te­ro mon­do oc­ci­den­ta­le: la per­cen­tua­le del­la po­po­la­zio­ne che vi­ve sot­to la so­glia del­la po­ver­tà fa di Na­po­li il pri­mo ca­so di una cit­tà eu­ro­pea che ri­schia di spro­fon­da­re ver­so una con­di­zio­ne di sot­to­svi­lup­po. E a que­sto di­sa­gio cor­ri­spon­de il ri­scon­tro sul­la si­cu­rez­za: Na­po­li è, di gran lun­ga, il luo­go con il tas­so di cri­mi­na­li­tà più al­to in Ita­lia. Nel 2009 un se­sto dei cir­ca sei­cen­to omi­ci­di vo­lon­ta­ri con­su­ma­ti in Ita­lia so­no av­ve­nu­ti in pro­vin­cia di Na­po­li. Anche sul­la que­stio­ne mo­bi­li­tà Na­po­li ap­pa­re es­se­re stret­ta tra due re­cord. Il pri­mo po­te­va, in un al­tro tem­po, es­se­re in­ter­pre­ta­to co­me un fat­to po­si­ti­vo: Na­po­li è il co­mu- ne ita­lia­no con il più al­to nu­me­ro di au­to­mo­bi­li in cir­co­la­zio­ne ri­spet­to all’esten­sio­ne del Co­mu­ne. A que­sto pri­ma­to tut­ta­via si ac­com­pa­gna anche quel­lo di es­se­re la cit­tà in Ita­lia do­ve ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni è mag­gior­men­te ca­la­ta l’of­fer­ta di servizio pub­bli­co su au­to­bus e tram, anche se que­sto da­to è mi­ti­ga­to dal da­to de­gli in­ve­sti­men­ti sul­la me­tro­po­li­ta­na. Na­po­li ha, anche, gran­di pos­si­bi­li­tà. Ri­sul­ta, an­co­ra, es­se­re uno dei quat­tro più im­por­tan­ti mar­chi tu­ri­sti­ci del pae­se più bel­lo del mon­do ed è se­de del­la se­con­da più an­ti­ca uni­ver­si­tà del mon­do, non­ché la se­con­da più gran­de d’Ita­lia. Tut­ta­via, anche su que­sti due fron­ti, so­no nu­me­ro­se le oc­ca­sio­ni man­ca­te: il nu­me­ro di tu­ri­sti stra­nie­ri a Na­po­li è di­mi­nui­to del 22% ne­gli ul­ti­mi cin­que an­ni. La Federico II che per di­men­sio­ne e pre­sti­gio do­vreb­be ave­re una vo­ca­zio­ne na­tu­ral­men­te in­ter­na­zio­na­le sem­bra – se si con­si­de­ra la pro­ve­nien­za dei pro­pri stu­den­ti – un’uni­ver­si­tà ora­mai ri­dot­ta ad una di­men­sio­ne lo­ca­le: se­con­do le re­cen­ti clas­si­fi­che di Vi­sion sul­le uni­ver­si­tà ita­lia­ne, gli stu­den­ti in­ter­na­zio­na­li so­no lo 0,5% e quel­li che ven­go­no da al­tre re­gio­ni so­no me­no del 4%. Na­po­li, del re­sto, ri­sul­ta anche es­se­re – ed è que­sto un da­to che mol­ti igno­ra­no – al cen­tro di una delle aree me­glio do­ta­te di in­fra­strut­tu­re – in ter­mi­ni di col­le­ga­men­ti fer­ro­via­ri, au­to­stra­da­li, in­ter­por­ti, por­ti e ae­reo por­ti – d’Ita­lia, e tut­ta­via ap­pa­re che le stra­de a Na­po­li ser­vo­no più per in­co­rag­gia­re l’emi­gra­zio­ne dei gio­va­ni più qua­li­fi­ca­ti che per ac­co­glie­re tu­ri­sti, ri­cer­ca­to­ri, in­ve­sti­to­ri. In­fi­ne, due que­stio­ni che ap­pa­io­no pe­sa­re su tut­te le al­tre. Quel­la dei ri­fiu­ti che, ov­via­men­te,as­sor­bi­rà mol­to del di­bat­ti­to elet­to­ra­le e sul­la qua­le sem­bra es­se­re sta­to det­to tut­to. Ag­giun­gia­mo, pe­rò, un da­to che do­vreb­be es­se­re più di­ret­ta­men­te sot­to il con­trol­lo dell’am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le: sul­la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta la pro­vin­cia di Na­po­li non è so­lo quel­la che og­get­ti­va­men­te si tro­va a do­ver far fron­te al­la mag­gio­re quan­ti­tà di ri­fiu­ti da smal­ti­re (aven­do a di­spo­si­zio­ne il ter­ri­to­rio più den­sa­men­te po­po­la­to), ma è anche quel­la che pro­du­ce ri­fiu­ti di peg­gio­re qua­li­tà vi­sto che ha la per­cen­tua­le di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta (18%) è la più bas­sa tra le pro­vin­ce del­la Cam­pa­nia (Ca­ser­ta, Avel­li­no e Sa­ler­no han­no tut­te su­pe­ra­to il 50% par­ten­do da ze­ro cin­que an­ni fa). Al­tra que­stio­ne fon­da­men­ta­le è l’ef­fi­cien­za dell’am­mi­ni­stra­zio­ne pub­bli­ca e la ca­pa­ci­tà di uti­liz­za­re le ri­sor­se co­mu­ni­ta­rie che ap­pa­io­no pre­con­di­zio­ne di una qual­sia­si stra­te­gia di ri­lan­cio. Per ciò che con­cer­ne la mac­chi­na che il sin­da­co avrà a di­spo­si­zio­ne, es­sa ri­sul­ta es­se­re di di­men­sio­ni mag­gio­ri a quel­la di am­mi­ni­stra­zio­ni di cit­tà si­mi­li (do­di­ci­mi­la di­pen­den­ti a fi­ne 2008) e, tut­ta­via, ap­pe­san­ti­ta da una età me­dia mol­to ele­va­ta (me­no di set­te­cen­to era­no gli im­pie­ga­ti con me­no di qua­ran­ta an­ni, se­con­do il pia­no in­du­stria­le pre­sen­ta­to al mi­ni­stro Bru­net­ta). I tre pro­gram­mi fi­nan­zia­ti da fon­di strut­tu­ra­li del­la com­mis­sio­ne eu­ro­pea e ge­sti­ti dal­la Re­gio­ne Cam­pa­nia, poi, co­sti­tui­sco­no un pa­ra­dos­so ma anche un’op­por­tu­ni­tà: rie­sco­no ad es­se­re i tre me­no uti­liz­zai tra i ven­ti che so­no ge­sti­ti da re­gio­ni del mez­zo­gior­no e il co­mu­ne ca­po­luo­go di Re­gio­ne non può non con­si­de­ra­re ur­gen­te la ne­ces­si­tà di tro­va­re una so­lu­zio­ne per spen­de­re in ma­nie­ra ef­fic ce e ve­lo­ce gli ot­to mi­liar­di di eu­ro che so­no an­co­ra da im­pie­ga­re in Cam­pa­nia nei pros­si­mi due an­ni e mez­zo. Le no­ti­zie buo­ne ven­go­no da sin­go­le azien­de – quel­le che, ad esem­pio, pro­du­co­no in­ter­ni di au­to­mo­bi­li di lus­so o vin­co­no la sfi­da glo­ba­le nell’ab­bi­glia­men­to gra­zie ad una ele­va­ta qua­li­tà. Ta­li “cam­pio­ni” del­la Na­po­li che fun­zio­na, tro­va­no pro­prio nel Na­po­li – in­te­so co­me so­cie­tà cal­ci­sti­ca – il pro­prio pun­to di ri­fe­ri­men­to sim­bo­li­co. La di­mo­stra­zio­ne che si può ri­na­sce­re dai più ro­vi­no­si fal­li­men­ti a con­di­zio­ne, tut­ta­via, di ri­co­no­sce­re gli er­ro­ri e di non im­ma­gi­na­re che esi­sta­no scor­cia­to­ie ri­ser­va­te a chi può, co­mun­que, con­ta­re su un gran­de pas­sa­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.