Sil­vio e la «for­mu­la Nel­lo» nell’iso­la la­bo­ra­to­rio d’Ita­lia

Il vin­ci­to­re esul­ta: que­sta è una vit­to­ria na­zio­na­le

Il Mattino - - Primo Piano - Mario Ajel­lo

«Che co­sa rap­pre­sen­ta agli oc­chi dei cit­ta­di­ni Mu­su­me­ci? L’af­fi­da­bi­li­tà e la com­pe­ten­za». Pa­ro­la di Sil­vio Ber­lu­sco­ni. «Ma Nel­lo - ag­giun­ge il Ca­va­lie­re in pie­na eu­fo­ria men­tre il pros­si­mo go­ver­na­to­re pro­met­te che “len­ta­men­te la Si­ci­lia ri­sa­li­rà” e rin­gra­zia tut­ti - in­car­na un’al­tra co­sa an­co­ra. L’im­pos­si­bi­li­tà di es­se­re per­ce­pi­to co­me un po­li­ti­can­te». Ec­co co­me Ber­lu­sco­ni tra­du­ce la vit­to­ria si­ci­lia­na nel­la fi­sio­no­mia che il suo nuo­vo cen­tro­de­stra re­su­sci­ta­to in chia­ve uni­ta­ria, ma le cre­pe re­sta­no, do­vrà dar­si da su­bi­to per con­qui­sta­re l’Ita­lia.

«Noi non sia­mo più la coa­li­zio­ne ar­rem­ban­te, ma la for­za tran­quil­la del­la re­spon­sa­bi­li­tà e del­la com­pe­ten­za»: que­sta è la For­mu­la Nel­lo. E Ber­lu­sco­ni la ve­de ri­pro­du­ci­bi­le dap­per­tut­to. Se­con­do lui, quel­la del cen­tro­de­stra sul­la scia del­la For­mu­la Nel­lo do­vrà es­se­re una va­lan­ga che sa­le dal­la Tri­na­cria al­la Pe­ni­so­la, mo­stran­do­si per quel­la che è: l’uni­co ri­tro­va­to del­la scien­za po­li­ti­ca, ora che il Pd si è per­so al di là del­lo Stret­to ma for­se an­che al di qua, per fer­ma­re il po­pu­li­smo.

M5S da una par­te e cen­tro­de­stra dall’al­tra: il gio­co bi­po­la­re in­ne­sca­to dal­la vi­cen­da si­ci­lia­na que­sto dev’es­se­re, ovun­que, agli oc­chi del Ca­va­lie­re. «La no­stra coa­li­zio­ne può an­da­re ol­tre il 40% in Ita­lia, vi­sto che que­sta ci­fra l’ab­bia­mo rag­giun­ta in Si­ci­lia do­ve l’ap­por­to del­la Le­ga non è quel­lo che c’è al Nord». Ma so­prat­tut­to, la cen­tra­li­tà di Ber­lu­sco­ni, che ha di­mo­stra­to che For­za Ita­lia è un ma­sti­ce; il re­la­ti­vo sfon­da­men­to del­la Le­ga in Si­ci­lia (con vo­ti per lo più del­la Me­lo­ni) e si pre­su­me nel re­sto del Sud; il pro­fi­lo ras­si­cu­ran­te e tra­sver­sa­le di Mu­su­me­ci (am­mes­so che un Mu­su­me­ci sia clo­na­bi­le al­tro­ve e qui ha avu­to nel­la Co­min&Part­ners de­gli abi­li stra­te­ghi co­min­cia­ti­vi) diventano nel­la sala macchine di Ar­co­re tut­ti ele­men­ti cru­cia­li, per ten­ta­re il col­pac­cio di tornare a Pa­laz­zo Chi­gi.

«Sil­vio non ha an­co­ra fi­ni­to una bat­ta­glia», spie­ga Mu­su­me­ci in fe­sta, «e già pia­ni­fi­ca quel­la an­co­ra più im­por­tan­te». Se­con­do que­sta con­vin­zio­ne: «La vit­to­ria si­ci­lia­na è fa­cil­men­te ir­ra­dia­bi­le nel re­sto d’Ita­lia». E «gra­zie Nel­lo - co­sì Ber­lu­sco­ni gli ha det­to nel­la te­le­fo­na­ta di ie­ri - per que­sto re­ga­lo che ab­bia­mo im­pac­chet­ta­to tut­ti in­sie­me». Mu­su­me­ci sa­rà, nel­la stra­te­gia di Ber­lu­sco­ni, una sor­ta di «no­stro mi­ni­stro del Mez­zo­gior­no». Un cen­tro­de­stra ma­tu­ro, prag­ma­ti­sta, ade­ren­te ai pro­ble­mi ter­ri­to­ria­li è quel­lo che ser­ve. An­che, an­zi so­prat­tut­to, per rap­por­tar­si al­la Le­ga in­ten­zio­na­ta a pren­der­si tut­ti i col­le­gi del Nord - in quel Set­ten­trio­ne in cui For­za Ita­lia si è sen­ti­ta sca­val­ca­ta nel­la cam­pa­gna re­fe­ren­da­ria sul­le au­to­no­mie - fi­nen­do per spa­dro­neg­gia­re nel Par­la­men­to na­zio­na­le. Ri­par­ti­re dal­la Si­ci­lia e dal Sud è ciò che Ber­lu­sco­ni si è da­to co­me mis­sion.

La ri­sco­per­ta del Mez­zo­gior­no pre­ve­de una sor­ta di Opa su par­te di Ap, il par­ti- to al­fa­neo usci­to mal­con­cio dalle ur­ne, o al­me­no il cor­teg­gia­men­to ri­vol­to ad al­cu­ni pezzi pe­san­ti di quel fir­ma­men­to. Fi­gu­re ca­ri­che di vo­ti co­me To­ni­no Gen­ti­le, at­tua­le sot­to­se­gre­ta­rio, in Ca­la­bria. E gli oc­chi so­no pun­ta­ti pu­re sul­la Lu­ca­nia, do­ve Guido Vi­ce­con­te, me­di­co, se­na­to­re, ti­to­la­re di un ba­ci­no di con­sen­si inat­tac­ca­bi­le, è uno di quel­li che ha con­ser­va­to rap­por­ti di gran­de af­fet­to con il Pre­si­den­te.

Ma il la­vo­rio per la ri­co­stru­zio­ne del fron­te del Sud, quel­lo ca­pa­ce di ri­va­leg­gia­re con il Car­roc­cio che vuo­le spa­dro­neg­gia­re su al­tre la­ti­tu­di­ni, non è sem­pli­ce. Ri­chie­de - ol­tre a cam­pio­ni di con­sen­si co­me Mas­si­mo Cas­sa­no in Puglia, un cavallo di ri­tor­no - il ri­cor­so a for­ze fre­sche da coin­vol­ge­re nel­le li­ste elet­to­ra­li. Ai cen­to ra­gaz­zi che Sil­vio ha in­con­tra­to l’al­tra se­ra a Ca­ta­nia, ha chie­sto qua­si pas­san­do­li in ras­se­gna uno a uno: «Tu sa­re­sti pron­to a di­ven­ta­re uno dei no­stri mis­sio­na­ri del­la li­ber­tà?». Am­mes­so che quel­li aves­se­ro ca­pi­to l’espres­sio­ne, di so­li­to ri­spon­de­va­no di sì. E al­cu­ni di lo­ro, ma­ga­ri so­lo per cu­rio­si­tà, par­te­ci­pe­ran­no al­la con­fe­ren­za pro­gram­ma­ti­ca che an­drà in sce­na in Lom­bar­dia dal 24 al 26 no­vem­bre.

Il «nuo­vo» e il «vec­chio» (gran­de at­ten­zio­ne per l’Udc re­su­sci­ta­ta da Ce­sa) è il mix che Ber­lu­sco­ni pro­po­ne dal Sud, con in più la con­vin­zio­ne che gli as­ses­so­ri (a li­vel­lo ita­lia­no, mi­ni­stri) più im­por­tan­ti deb­ba­no es­se­re tec­ni­ci e pre­si dal­la so­cie­tà ci­vi­le. Co­me Ar­mao per l’eco­no­mia e le fi­nan­ze con Mu­su­me­ci e l’ex ret­to­re La­gal­la che sa­rà un al­tro pez­zo for­te del­la giun­ta. Di fat­to, «rin­gra­zio Ber­lu­sco­ni» ha det­to ie­ri brin­dan­do Mu­su­me­ci. E Ber­lu­sco­ni gli ha con­fi­da­to: «Non avrei mai pen­sa­to di tro­va­re in Si­ci­lia una scin­til­la, e mi co­min­cia per­fi­no a pia­ce­re il tuo piz­zet­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.