Il die­tro­front di Di Ma­io: no al duel­lo in tv

«Ren­zi non è lea­der, con lui non par­lo» La re­pli­ca: «Ha pau­ra e scap­pa, ci sa­rò»

Il Mattino - - Primo Piano - Stefania Pi­ras

Lo ha pri­ma cer­ca­to, poi ot­te­nu­to e in­fi­ne ri­fiu­ta­to. La bre­ve ma in­ten­sa sto­ria del con­fron­to tv tra Lui­gi Di Ma­io e Mat­teo Ren­zi è co­min­cia­ta e fi­ni­ta sui so­cial nel gi­ro di po­chi gior­ni. Ed è sta­to sem­pre il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra a da­re le car­te. Pri­ma, ha sfi­da­to Ren­zi e poi ie­ri, a ur­ne si­ci­lia­ne an­co­ra cal­de, ha de­ci­so che quel con­fron­to non lo vo­le­va più per­ché: «il Pd è po­li­ti­ca­men­te de­fun­to» e per­ché «Ren­zi qual­che gior­no fa era il can­di­da­to pre­mier di quel­la par­te po­li­ti­ca». E poi? «Il ter­re­mo­to del vo­to in Si­ci­lia ha com­ple­ta­men­te cam­bia­to que­sta pro­spet­ti­va - scri­ve Lui­gi Di Ma­io sul blog di Bep­pe Gril­lo - Mi con­fron­te­rò con la per­so­na che sa­rà in­di­ca­ta co­me can­di­da­to pre­mier da quel par­ti­to o quel­la coa­li­zio­ne».

Ep­pu­re que­sta sfi­du­cia for­ma­le a Ren­zi non c’è sta­ta. Di Ma­io la ve­de stan­do «a quel­lo che leg­go og­gi sui gior­na­li» o «se­con­do le ul­ti­me in­di­scre­zio­ni ri­por­ta­te dai me­dia - che di­co­no - a bre­ve ci sa­rà una di­re­zio­ne del Pd do­ve il suo ruo­lo sa­rà mes­so in di­scus­sio­ne». In­som­ma, pa­re che i vi­tu­pe­ra­ti gior­na­li ab­bia­no avu­to il po­te­re di cam­bia­re l’agen­da del can­di­da­to pre­mier del M5S.

Ester­re­fat­ta la rea­zio­ne del se­gre­ta­rio dem Ren­zi che ha par­la­to di una scu­sa «ri­di­co­la». Se­con­do l’ex pre­mier Di Ma­io «ha pau­ra e scap­pa, sem­pli­ce­men­te non è un lea­der. Io ci sa­rò. Se ha un sus­sul­to di di­gni­tà lo aspet­to in stu­dio». Quan­do Di Ma­io ave­va lan­cia­to la sfi­da era par­ti­ta una ga­ra tra Rai e La7 per ospitare il fac­cia a fac­cia. Al­la fi­ne Ren­zi ave­va ac­cet­ta­to la pro­po­sta di Di Ma­io che ave­va det­ta­to con­di­zio­ni ini­zia­li: lo stu­dio di Gio­van­ni Flo­ris, mar­te­dì se­ra su La7. I ri­spet­ti­vi por­ta­vo­ce, Marco Agno­let­ti e Roc­co Ca­sa­li­no, si sa­reb­be­ro do­vu­ti sen­ti­re in que­ste ore per definire le re­go­le di in­gag­gio. E in­ve­ce poi è ar­ri­va­to il die­tro­front del can­di­da­to M5s. «Da gior­ni - continua Ren­zi - sa­pe­va- mo che sta­va­no li­ti­gan­do al lo­ro in­ter­no do­po i pre­ci­pi­to­si tweet dell’ono­re­vo­le cam­pa­no ma non cre­de­va­mo che ar­ri­vas­se­ro al pun­to di fug­gi­re co­sì». Il de­pu­ta­to M5S Car­lo Si­bi­lia ha det­to fra i den­ti: «Io non avrei in­vi­ta­to pro­prio Ren­zi». Ma Di Ma­io si scrol­la di dos­so le cri­ti­che ac­cam­pan­do ra­gio­ni ba­sa­te sui re­tro­sce­na (que­gli ar­ti­co­li che di so­li­to il M5S ir­ri­de). «A bre­ve - spie­ga si­cu­ro Di Ma­io - ci sa­rà una di­re­zio­ne del Pd do­ve il suo ruo­lo (quel­lo di Ren­zi, ndr), sa­rà mes­so in di­scus­sio­ne. Il no­stro com­pe­ti­tor non è più Ren­zi o il Pd». Que­sto non spie­ga pe­rò l’abi­tu­di­ne con­so­li­da­ta del M5s di ri­fiu­ta­re t ut­ti i con­fron­ti all’ame­ri­ca­na con qual­sia­si av­ver­sa­rio. «Di Ma­io po­treb­be es­se­re il nuo­vo pre­si­den­te del con­si­glio - re­pli­ca Ren­zi - se vin­ce­ran­no lo­ro. Mi spia­ce per i miei fi­gli pen­sa­re che gli ita­lia­ni ri­schi­no di es­se­re gui­da­ti da un lea­der sen­za co­rag­gio».

Pren­de le di­fe­se di Ren­zi, il mi­ni­stro An­drea Or­lan­do, lea­der del­la mi­no­ran­za che osteg­gia Ren­zi: «A Di Ma­io sfug­ge che noi sce­glia­mo il lea­der con me­to­do de­mo­cra­ti­co». E men­tre i ren­zia­ni as­so­cia­no al no­me del can­di­da­to M5s l’ha­sh­tag #co­ni­glio, an­che Ma­ria Ele­na Bo­schi, che ave­va sfi­da­to Di Ma­io a duel­lo sul te­ma ban­che, at­tac­ca: «Il co­rag­gio non è il suo for­te». Da La7 il di­ret­to­re del tg En­ri­co Men­ta­na de­fi­ni­sce la scel­ta di Di Ma­io «non par­ti­co­lar­men­te fe­li­ce». E a quel pun­to ar­ri­va la con­tro­pro­po­sta del M5s che of­fre a La7 Ales­san­dro Di Bat­ti­sta, ma co­mun­que in dif­fe­ri­ta, non in stu­dio as­sie­me Ren­zi. In tut­to que­sto Di Ma­io non ri­mar­rà a di­giu­no di te­le­ca­me­re e si tra­sfe­ri­rà al­la con­cor­ren­za, al­la Rai, do­ve ha già pre­so ac­cor­di con Fa­bio Fa­zio su Rai1. «Da par­te del­la Rai - at­tac­ca il ren­zia­no Mi­che­le An­zal­di - sarebbe un epi­so­dio di ser­vi­li­smo sen­za pre­ce­den­ti». Ma an­che la ba­se pen­ta­stel­la­ta si è di­vi­sa e sui so­cial ha pro­te­sta­to poi­ché ave­va già pre­pa­ra­to i pop corn per la se­ra­ta.

«Sor­ri­di!» di­ce Lui­gi Di Ma­io a Gian­car­lo Can­cel­le­ri quan­do a Cal­ta­nis­set­ta i fo­to­gra­fi si schie­ra­no da­van­ti a lo­ro per la fo­to del po­st elezioni che de­cre­ta la lo­ro scon­fit­ta e la vit­to­ria del cen­tro­de­stra. Ie­ri il dog­ma che gi­ra­va nel­le chat del­lo staff co­mu­ni­ca­zio­ne del M5S e inol­tra­to a tut­ti quel­li che han­no par­la­to ai mi­cro­fo­ni era que­sto: «Ab­bia­mo cor­so da so­li con­tro tut­ti. Lo­ro ave­va­no so­lo li­ste ac­coz­za­glie pie­ne di im­pre­sen­ta­bi­li. Il Pd ha per­so. Ren­zi ha fal­li­to. Gran­de ri­sul­ta­to co­mun­que va­da». La cam­pa­gna elet­to­ra­le co­min­cia sta­mat­ti­na, dichiara Di Ma­io che ar­chi­via il con­fron­to tv con­tro Ren­zi e con-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.