La cro­ni­sta che sve­la­va i se­gre­ti di mu­si­ca e tea­tro

Il Messaggero (Abruzzo) - - COMMENTI, OPINIONI, E - LETTERE - Vir­man Cu­sen­za se­gue dal­la pri­ma pa­gi­na

Que­sto sa­per toc­ca­re tut­te le cor­de, dal­la più al­ta al­la po­po­la­re, l'ha fat­ta ama­re dai suoi in­ter­lo­cu­to­ri più di­ver­si. Lei ama­va so­prat­tut­to ar­ti­sti e in­tel­let­tua­li ca­ri­sma­ti­ci. A lo­ro si vo­ta­va, di­ve­nen­do­ne l'in­ter­pre­te più acu­ta e fe­de­le, co­me una ve­sta­le. E di una ma­sche­ra del tea­tro gre­co, con il suo sguar­do as­so­lu­to e il pia­ce­re per la bat­tu­ta sa­la­ce, Ri­ta sa­pe­va e vo­le­va es­se­re l'in­car­na­zio­ne. Lo san­no gran­di mat­ta­to­ri del­le sce­ne co­me Al­ber­taz­zi, Fo e Pro­iet­ti, che Ri­ta ha sa­pu­to rac­con­ta­re co­me me­ri­ta il lo­ro ta­len­to ma che al­la Sala so­no de­bi­to­ri di una pro­sa che lei ha pre­sta­to lo­ro tra­sfor­man­do­li spes­so in bril­lan­ti ar­ti­co­li per il Mes­sag­ge­ro. E che di­re di Ric­car­do Mu­ti, un di­ret­to­re ama­to da tut­ti ma che Ri­ta ve­ne­ra­va da ben pri­ma che il mae­stro na­po­le­ta­no di­ven­tas­se una star? Ec­co, Ri­ta sa­pe­va in­trec­cia­re con que­sti mat­ta­to­ri, at­to­ri, mu­si­ci­sti o scrit­to­ri che fos­se­ro, un rap­por­to spe­cia­le. Al­la pa­ri, an­zi un dia­lo­go in cui spes­so gli in­ter­vi­sta­ti o re­cen­si­ti fi­ni­va­no con l'es­se­re de­bi­to­ri di qual­che pre­sti­to cul­tu­ra­le. L'umil­tà e la ge­ne­ro­si­tà di Ri­ta era sen­za egua­li. Ha sa­pu­to pre­sta­re la sua pen­na an­che a cal­cia­to­ri fa­mo­si che so­lo gra­zie al­la sua pro­sa so­no di­ven­ta­ti fi­gu­re mi­ti­che, co­me gli atle­ti del suo ama­to Pin­da­ro. Ri­ta co­no­sce­va il gre­co an­ti­co e mo­der­no al­la per­fe­zio­ne, lo spa­gno­lo co­me l'ita­lia­no, al­la pa­ri del fran­ce­se e dell’in­gle­se. Per­ché la sua era la lin­gua di una gran­de ani­ma che ha sa­pu­to schiu­de­re i mi­ste­ri na­sco­sti nel­la ma­gia del tea­tro, co­me nel­le no­te del pen­ta­gram­ma o nel­le ri­ghe di un ver­so. Que­sto do­no pre­zio­so per­ciò me­ri­ta di es­se­re ri­cor­da­to con un'ini­zia­ti­va che leghi per sem­pre il suo no­me al me­stie­re più bel­lo del mon­do. Ciao Ri­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.