Dal­la lot­ta al­le Br al ca­so Con­cor­dia, l’asce­sa del­lo “sbir­ro”

Il Messaggero (Abruzzo) - - PRIMO PIANO - IL PER­SO­NAG­GIO

RO­MA So­no le 4 del mat­ti­no del 17 set­tem­bre del 2013, Fran­co Ga­briel­li, al­lo­ra ca­po del­la Pro­te­zio­ne ci­vi­le, non dor­me da 19 ore, ma l’an­nun­cio che sta per fa­re è for­se quel­lo che lo ha emo­zio­na­to di più in tut­ta la sua vi­ta: «L’ope­ra­zio­ne di ro­ta­zio­ne si è con­clu­sa - di­ce tra l’en­tu­sia­smo ge­ne­ra­le - È fat­ta, la Con­cor­dia è or­mai al­li­nea­ta». L’im­pre­sa che pa­re­va im­pos­si­bi­le, se­gui­ta in tut­to il mon­do con un’attenzione sen­za pre­ce­den­ti, è ar­ri­va­ta al tra­guar­do: la na­ve è sta­ta rad­driz­za­ta do­po una ro­ta­zio­ne di 65 gra­di. E tra i pian­ti del sin­da­co dell’Iso­la del Gi­glio e “la sfi­da” del ma­ri­na­io-con­fi­den­te, il pre­fet­to scam­bia ab­brac­ci e sor­ri­si con quel­la gen­te che or­mai lo con­si­de­ra un ami­co. Ora è fa­ci­le im­ma­gi- na­re che tra i pri­mi mes­sag­gi di con­gra­tu­la­zio­ni che gli ar­ri­ve­ran­no per la no­mi­na a ca­po del­la Po­li­zia, mol­ti sa­ran­no pro­prio di gi­glie­si. Gli stes­si che nei gior­ni del­la tragedia gli fe­ce­ro tro­va­re uno stri­scio­ne da­van­ti all’al­ber­go con su scrit­to: «Ga­briel­li, le­va quel­la na­ve da lì, c...», do­ve il ri­fe­ri­men­to è al­la fa­mo­sa fra­se che il ca­pi­ta­no De Fal­co ave­va ri­vol­to all’ex co­man­dan­te Fran­ce­sco Schet­ti­no.

LE IN­DA­GI­NI SUL­LE BR

Nell’il­lu­stra­re la sua no­mi­na ieri il pre­mier Matteo Ren­zi ha sot­to­li­nea­to l’espe­rien­za, la lun­ga car­rie­ra e le im­por­tan­ti ope­ra­zio­ni in­ve­sti­ga­ti­ve. Dall'an­ti­ter­ro­ri­smo a ca­po del­la pro­te­zio­ne ci­vi­le, ha se­gui­to al­cu­ni de­gli even­ti più de­li­ca­ti dell'ul­ti­mo tren­ten­nio: ol­tre al re­cu­pe­ro del­la Co­sta Con­cor­dia, le in­da­gi­ni sul­le Nuo­ve Br, la ge­stio- ne dell'emer­gen­za ter­re­mo­to all' Aqui­la. Un po­li­ziot­to au­ten­ti­co, “uno sbir­ro”, co­me ama de­fi­nir­si, che si è oc­cu­pa­to del­le in­da­gi­ni su­gli omi­ci­di di Mas­si­mo D’An­to­na e Marco Bia­gi fi­no al­la cat­tu­ra dei lo­ro as­sas­si­ni. Tan­to che a lui è ispi­ra­to il per­so­nag­gio in­ter­pre­ta­to da Raoul Bo­va, l’in­ve­sti­ga­to­re Die­go Mar­ra, pro­ta­go­ni­sta del film “At­tac­co allo Sta­to”. To­sca­no di Via­reg­gio, 56 an­ni, tre fi­gli, Ga­briel­li è en­tra­to in Po­li­zia nel mag­gio del 1985. Lau­rea­to in giu­ri­spru­den­za all'Uni­ver­si­tà di Pi­sa ha ini­zia­to la car­rie­ra al­la que­stu­ra di Im­pe­ria pri­ma co­me di­ri­gen­te Di­gos e poi co­me ca­po di Ga­bi­net­to par­te­ci­pan­do al­le in­da­gi­ni che han­no por­ta­to allo sman­tel­la­men­to del­le Br-Ucc. Nel giu­gno del 1999, in se­gui­to all'omi­ci­dio di Mas­si­mo D'An­to­na, è sta­to tra­sfe­ri­to al­la Di­re­zio­ne cen­tra­le del­la Po­li­zia di Pre­ven­zio­ne-ser­vi­zio an­ti­ter­ro­ri­smo, per par­te­ci­pa­re al­le in­da­gi­ni. Nell'ago­sto del 2000 vie­ne tra­sfe­ri­to al­la que­stu­ra di Ro­ma, do­ve dal gen­na­io 2001 di­ri­ge la Di­gos.

GA­BRIEL­LI LA­SCIA ADES­SO IL RUO­LO DI PRE­FET­TO DI RO­MA CHE VER­RÀ NO­MI­NA­TO NEL­LE PROS­SI­ME SET­TI­MA­NE

LA PRO­MO­ZIO­NE PER ME­RI­TI

Il ruo­lo svol­to nel­le in­da­gi­ni per la cat­tu­ra dei bri­ga­ti­sti re­spon­sa­bi­li de­gli omi­ci­di D'An­to­na, Bia­gi e Pe­tri gli va­le, nell'ot­to­bre 2003, la pro­mo­zio­ne a Di­ri­gen­te su­pe­rio­re

(fo­to ANSA)

Matteo Ren­zi e Joe Bi­den ieri a Ro­ma

(fo­to MISTRULLI)

Il nuo­vo ca­po del­la Po­li­zia Fran­co Ga­briel­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.