«Lei non vo­le­va e gli da­va cal­ci lui l’ha pre­sa e l’ha but­ta­ta giù»

Il Messaggero (Abruzzo) - - PRIMO PIANO - LA TE­STI­MO­NIAN­ZA Ma. Li.

` Il rac­con­to choc dell’ami­chet­ta del cuo­re: ha vi­sto il pa­tri­gno se­gui­re la vit­ti­ma e ag­gre­dir­la ` «Per for­tu­na non so­no an­da­ta con Chic­ca al­tri­men­ti avreb­be am­maz­za­to an­che me»

NA­PO­LI Ha so­lo 11 an­ni, ma è la su­per­te­sti­mo­ne dell’omi­ci­dio di For­tu­na Lof­fre­do. La mam­ma e la non­na le di­co­no co­sa de­ve ri­fe­ri­re ai ca­ra­bi­nie­ri, ma quan­do ar­ri­va in ca­sa fa­mi­glia la bim­ba, a sua vol­ta abu­sa­ta per an­ni dal pa­tri­gno, co­me le due so­rel­li­ne, si li­be­ra dal­le ca­te­ne con le qua­li i suoi fa­mi­lia­ri l’han­no im­pri­gio­na­ta, e dà un no­me all’or­co, per il mo­men­to so­lo pre­sun­to. Era l’ami­ca del cuo­re di “Chic­ca” ed è la bim­ba che ha per­mes­so ai ca­ra­bi­nie­ri di da­re una svol­ta al­le in­da­gi­ni.

«FELICE, HO DET­TO LA VE­RI­TÀ»

Quan­do il fra­tel­lo del­le tre fi­glia­stre di Rai­mon­do Ca­pu­to pre­ci­pi­ta dal set­ti­mo pia­no di un pa­laz­zo dell’Ia­cp di Cai­va­no, la ma­dre vie­ne giu­di­ca­ta ini­do­nea a ba­da­re al­le bim­be e tut­te e tre ven­go­no tra­sfe­ri­te in una ca­sa fa­mi­glia. Qui, gli at­teg­gia­men­ti ano­ma­li del­le ra­gaz­zi­ne, una del­le qua­li ave­va so­lo due an­ni quan­do so­no ini­zia­ti gli abu­si, ven­go­no a gal­la. At­teg­gia­men­ti che l’equi­pe psi­chia­tri­ca del­la strut­tu­ra di ac­co­glien­za leg­ge nel­la chia­ve giu­sta. È un di­se­gno, in par­ti­co­la­re, a su­sci­ta­re l’attenzione di mae­stre e as­si­sten­ti so­cia­li. Un di­se­gno in cui una del­le tre bam­bi­ne il­lu­stra la non­na, con la qua­le viveva pri­ma dell’af­fi­da­men­to ai ser­vi­zi so­cia­li, con de­gli ar­ti­gli al po­sto del­le ma­ni. Il pa­tri­gno, Ca­pu­to, nel di­se­gno del­la bim­ba ha la for­ma di un fal­lo men­tre la ma­dre, Ma­rian­na Fa­boz­zi, ha il vol­to ton­do. «Per­ché l’hai di­se­gna­ta co­sì?», chie­de­rà la psi­co­lo­ga, al­ler­ta­ta dal­le mae­stre, al­la bim­ba, e lei ri­spon­de­rà che quel­lo che ha mes­so al po­sto del vi­so del­la mam­ma «è un se­de­re». Im­ma­gi­ni che so­no il pro­lo­go di quel­lo che la pic­co­la rac­con­te­rà di lì a po­co.

La ca­sa fa­mi­glia è il luo­go in cui le bim­be si li­be­ra­no del­le pres­sio­ni dei pa­ren­ti, le psi­co­lo­ghe e le in­se­gnan­ti di­ven­ta­no i lo­ro nuo­vi ri­fe­ri­men­ti e, man ma­no che acquistano fi­du­cia in lo­ro, ri­co­strui­sco­no an­ni di abu­si da par­te del pa­tri­gno. «Mam­ma sa­pe­va?», vie­ne chie­sto lo­ro, e le so­rel­li­ne ri­spon­do­no di sì, «ma di- ce­va di non dir­lo a nes­su­no, era un se­gre­to, poi il do­lo­re pas­sa».

Uno sce­na­rio di vio­len­za cro­ni­ca, fi­si­co e psi­co­lo­gi­co, den­tro il qua­le si in­ca­stra an­che la fi­ne di For­tu­na. An­che l’omi­ci­dio del­la bam­bi­na do­ve­va es­se­re un «se­gre­to» tra ma­dre e fi­glia. Quel 24 giu­gno del 2014 Chic­ca era an­da­ta a ca­sa del­la sua ami­ca del cuo­re per chie­der­le di usci­re in cor­ti­le a gio­ca­re. Ma l’in­fan­zia, al Par­co Ver­de di Cai­va­no, fi­ni­sce quan­do i bam­bi­ni ini­zia­no a cam­mi­na­re. La pic­co­la sta la­van­do il pa­vi­men­to e ri­spon­de a For­tu­na che in quel mo­men­to in cor­ti­le non ci può an­da­re. Al­lo­ra «Chic­ca è usci­ta e Ti­tò l’ha se­gui­ta», si leg­ge nei ver­ba­li che com­pon­go­no il rac­con­to del­la figliastra dell’uo­mo ar­re­sta­to ieri. «Lui ha cer­ca­to di vio­len­tar­la, sul ter­raz­zo, ma lei gli da­va cal­ci, al­lo­ra lui l’ha pre­sa in brac­cio e l’ha but­ta­ta giù». L’os­sa­tu­ra in­tor­no al­la qua­le ruo­ta­no le ac­cu­se gra­vis­si­me cri­stal­liz­za­te in or­di­nan­za è, dun­que, il col­la­ge di sto­rie ri­co­strui­te da una bam­bi­na di un­di­ci an­ni. Per il gip è ab­ba­stan­za, per­ché ciò che la pic­co­la ri­fe­ri­sce è «coe­ren­te e cre­di­bi­le». E poi ci so­no pro­ve a suf­fra­gio di quel­le ac­cu­se, se­con­do quan­to scri­ve il gip. In pri­mis, la pa­gi­na del dia­rio se­gre­to in cui la bim­ba, su­bi­to do­po aver rac­con­ta­to tut­to, scri­ve di es­se­re «felice, ora ho det­to la ve­ri­tà». E poi ci so­no una mo­le di in­ter­cet­ta­zio­ni dal­le qua­li emer­ge il ten­ta­ti­vo de­gli in­da­ga­ti di co­pri­re il pre­sun­to col­pe­vo­le di tan­te mo­struo­si­tà.

«GLI UO­MI­NI SO­NO SERPENTI»

Ma la pic­co­la, per quan­to sia in­fluen­za­ta dal­la mam­ma e dal pa­tri­gno, a spraz­zi re­cu­pe­ra la sua in­ge­nui­tà pri­ma an­co­ra di an­da­re in ca­sa fa­mi­glia. In uno dei dia­lo­ghi re­gi­stra­ti la si sen­te di­re «per for­tu­na quan­do Chic­ca è usci­ta non so­no an­da­ta con lei, al­tri­men­ti uc­ci­de­va an­che me». E, an­co­ra, ci so­no le fra­si del­la non­na che di­ce a sua fi­glia, la Fa­boz­zi, «tro­via­mo­ci con le stes­se pa­ro­le», pro­va, se­con­do il gip dei ten­ta­ti­vi del­le due donne di in­sab­bia­re la fac­cen­da Tra i disegni agli at­ti ce n’è uno in cui la mi­no­re del­le fi­glie del­la Fa­boz­zi il­lu­stra il pa­tri­gno con la fac­cia a stri­sce. «Co­sa so­no?», le chie­do­no le edu­ca­tri­ci. Lei ri­spon­de «So­no serpenti, gli uo­mi­ni so­no tut­ti serpenti». Og­gi ha a ma­la­pe­na quat­tro an­ni. Gli abu­si su di lei, sul­le so­rel­le, so­no an­da­ti avan­ti per an­ni, fi­no a quan­do non so­no sta­te af­fi­da­te ai ser­vi­zi, e si so­no con­su­ma­ti in pre­sen­za del­la ma­dre.

NEI DISEGNI GLI ABU­SI SU­BI­TI IL FRA­TEL­LI­NO ERA MOR­TO DO­PO ES­SE­RE PRE­CI­PI­TA­TO DAL SET­TI­MO PIA­NO

La ca­sa do­po la mo­lo­tov

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.