Le cri­ti­che a Israe­le

Il Messaggero (Abruzzo) - - DA PRIMA PAGINA -

Con Bru­xel­les, in tut­ti que­sti an­ni, non han­no in­ter­lo­qui­to so­lo i go­ver­ni na­zio­na­li, ma an­che quel­li lo­ca­li, i ter­ri­to­ri, le re­gio­ni, le au­to­no­mie, mol­te del­le qua­li do­ta­te di lo­ro bu­ro­cra­zie, di uf­fi­ci in­di­pen­den­ti, di lob­bi­sti as­sol­da­ti in pro­prio, di una pro­pria agen­da per ogni dos­sier o ma­te­ria di quel­li che si trat­ta­no a li­vel­lo eu­ro­peo. La Ca­ta­lo­gna, pro­prio in vir­tù del suo am­pio sta­tu­to di au­to­no­mia e del­la sua par­ti­co­la­re con­di­zio­ne eco­no­mi­ca, in Eu­ro­pa si muo­ve­va già co­me un sog­get­to po­li­ti­co in­di­pen­den­te. E co­me ta­le era trat­ta­ta dal­la stes­sa Eu­ro­pa. Dal pun­to di vi­sta di mol­ti ca­ta­la­ni la se­ces­sio­ne del­la Spa­gna in fon­do è so­lo la lo­gi­ca con­clu­sio­ne di un per­cor­so. Dav­ve­ro non si ca­pi­sce per­ché ora non si do­vreb­be ra­ti­fi­ca­re sul pia­no co­sti­tu­zio­na­le quel che già era con­si­de­ra­to nor­ma­le e scon­ta­to nel­la pras­si. Nul­la cam­bie­rà, se­con­do Tu­sk. In real­tà per l’Eu­ro­pa è for­se il mo­men­to di pren­de­re una de­ci­sio­ne. Non si trat­ta tan­to di con­ce­de­re la pro­pria so­li­da­rie­tà al go­ver­no spa­gno­lo in quan­to con­si­de­ra­to l’uni­co le­git­ti­mo. E spe­ran­do che sia que­st’ul­ti­mo da so­lo a ri­sol­ve­re la cri­si (mi rac­co­man­do, sen­za ri­cor­re­re al­la for­za).

Si trat­ta di una que­stio­ne più gran­de e ge­ne­ra­le, che a que­sto pun­to va ben ol­tre il ca­so spa­gno­lo: co­sa vuo­le di­ven­ta­re l’Eu­ro­pa nel pros­si­mo fu­tu­ro? Quel­lo che la vi­cen­da ca­ta­la­na sem­bra an­nun­cia­re è un coa­cer­vo di mi­cro-na­zio­na­li­tà e di mi­cro-so­vra­ni­tà, de­sti­na­te pe­ri­co­lo­sa­men­te a mol­ti­pli­car­si nell’im­me­dia­to fu­tu­ro, che Bru­xel­les po­trà spe­ra­re di go­ver­na­re so­lo col pu­gno di fer­ro del ri­go­re fi­nan­zia­rio e in una chia­ve di me­ro di­ri­gi­smo bu­ro­cra­ti­co. Fran­ca­men­te non è una bel­la pro­spet­ti­va. Ave­re gio­ca­to le au­to­no­mie ter­ri­to­ria­li e i par­ti­co­la­ri­smi ter­ri­to­ria­li con­tro gli Sta­ti, in­ve­ce di fa­vo­ri­re un as­set­to di que­sti ul­ti­mi au­ten­ti­ca­men­te fe­de­ra­le e plu­ra­li­sti­co, co­me ta­le pro­pe­deu­ti­co ad un’Eu­ro­pa an­ch’es­sa fe­de­ra­le e plu­ra­le, non è sta­ta fran­ca­men­te una gran­de idea dal pun­to di vi­sta po­li­ti­co. C’è so­lo da spe­ra­re che la cri­si dei rap­por­ti tra Ca­ta­lo­gna e Spa­gna, giun­ta ad un pun­to real­men­te dram­ma­ti­co e sen­za che nes­su­na sap­pia al mo­men­to co­me po­trà ri­sol­ver­si, ser­va all’Eu­ro­pa per av­via­re un dra­sti­co esa­me di co­scien­za e un re­pen­ti­no cam­bio di rot­ta. Pri­ma che sia trop­po tar­di. No­no­stan­te l’Ita­lia sia una na­zio­ne di an­zia­ni c’è da scom­met­te­re che la mag­gio­ran­za del­la po­po­la­zio­ne, e non so­lo quei de­lin­quen­tel­li la­zia­li (ma an­che di mol­te al­tre squa­dre), non sap­pia chi sia ve­ra­men­te e co­sa rap­pre­sen­ti An­na Frank, men­tre, con­tem­po­ra­nea­men­te, la stes­sa mag­gio­ran­za as­sor­be di si­cu­ro i sen­ti­men­ti del cli­ma di an­ti­e­brai­smo che si pro­pa­ga con­ti­nua­men­te da tut­ti i me­dia (e, pur­trop­po, an­che da al­cu­ne cat­te­dre) che ora si strac­cia­no le ve­sti per il com­por­ta­men­to di qual­che po­ve­rac­cio. Gli israe­lia­ni spes­so ven­go­no fat­ti pas­sa­re co­me i na­zi­sti del XX (o XXI) se­co­lo, so­no gli op­pres­so­ri dei pa­le­sti­ne­si. E an­co­ra: di­co­no che pra­ti­ca­no il ter­ro­ri­smo di sta­to, di­co­no che sia giu­sto che sia­no di­scri­mi­na­ti e in­sul­ta­ti dall’Onu e dai suoi va­ri or­ga­ni­smi. nes­sun sen­so di col­pa e pen­ti­men­to in buo­na par­te dei gio­va­ni. Pun­tia­mo quin­di sul­la co­no­scen­za sem­pre più ap­pro­fon­di­ta per com­bat­te­re que­sto at­teg­gia­men­to men­ta­le in­sen­sa­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.