Quei no­stri dia­lo­ghi do­mi­na­ti dal­la me­ra­vi­glia

Il Messaggero (Civitavecchia) - - CULTURA & SPETTACOLI - Ric­car­do Mu­ti

La no­ti­zia del­la mor­te di Ri­ta mi è giun­ta all’im­prov­vi­so e as­so­lu­ta­men­te ina­spet­ta­ta. Non ci sen­ti­va­mo da più di un me­se, an­che se non ave­va­mo mai per­so la con­sue­tu­di­ne di par­lar­ci. La no­stra ami­ci­zia ri­sa­le a tan­ti an­ni fa, non ri­cor­do nean­che quan­ti. Da quan­do ero di­ret­to­re mu­si­ca­le al­la Sca­la e Ri­ta mi fe­ce una pri­ma in­ter­vi­sta. Lì è na­ta la no­stra ami­ci­zia, ri­ma­sta inin­ter­rot­ta per tre de­cen­ni, e raf­for­za­ta sem­pre più da una sti­ma pro­fon­da.

In­fat­ti, ho sem­pre ri­te­nu­to che Ri­ta fos­se una bra­vis­si­ma gior­na­li­sta, ma non so­lo. Gior­na­li­sta è una pa­ro­la re­strit­ti­va nel suo ca­so. Era una scrit­tri­ce e so­prat­tut­to una don­na di pro­fon­da cul­tu­ra, con cui ho avu­to in­nu­me­re­vo­li con­ver­sa­zio­ni su ar­go­men­ti che le sta­va­no mol­to a cuo­re. Par­la­va­mo spes­so di quell’uni­ver­so me­ra­vi­glio­so che è la cul­tu­ra clas­si­ca gre­ca, che Ri­ta co­no­sce­va, am­mi­ra­va ed evo­ca­va con ci­ta­zio­ni in pu­ris­si­mo gre­co, lin­gua che par­la­va per­fet­ta­men­te.

Cre­do di po­ter di­re inol­tre che il suo sia sta­to un gior­na­li­smo “per­be­ne”, per dir­la in mo­do sem­pli­ce. Ov­via­men­te ognu­no di noi ha le sue opi­nio­ni ri­guar­do agli spet­ta­co­li che ve­de e a ciò che espri­mo­no, ma è im­por­tan­te es­se­re one­sti nel­le pro­prie opi­nio­ni. E lei lo era. I suoi scrit­ti era­no det­ta­ti an­che dal­la sua pas­sio­na­li­tà, dall’ir­ruen­za che ave­va den­tro, a vol­te da una de­ci­sa in­tran­si­gen­za su cer­ti te­mi. Po­co im­por­ta­va, po­te­vi es­se­re d’ac­cor­do o me­no, ma c’era sem­pre una pro­fon­da ve­ri­tà in ciò che scri­ve­va Ri­ta.

Ri­cor­do an­che il suo gran­de amo­re per la Spa­gna. Lo sco­prii quan­do ci se­guì nel tour con l’Or­che­stra Gio­va­ni­le Cherubini. Ave­va nell’ani­ma e ne­gli oc­chi que­sto vi­sce­ra­le amo­re per una ter­ra che le ap­par­te­ne­va - la mam­ma cre­do fos­se spa­gno­la - e que­sta pas­sio­ne si esten­de­va an­che al­le ma­ni­fe­sta­zio­ni più spet­ta­co­la­ri dell’ani­ma ibe­ri­ca, la Se­ma­na San­ta, il fla­men­co, la cor­ri­da.

Ades­so vo­glio sot­to­li­nea­re quel che mi ha col­pi­to di più: era co­sì estro­ver­sa nel suo mo­do di co­mu­ni­ca­re, ep­pu­re del­la ter­ri­bi­le ma­lat­tia che l’ave­va col­pi­ta non ha mai fat­to tra­pe­la­re nul­la. Par­lan­do­le ca­pi­vo che an­da­va e ve­ni­va dall’ospe­da­le, ma non mi ha mai ri­ve­la­to la ve­ra ra­gio­ne, né po­te­vo chie­der­le il mo­ti­vo, so­prat­tut­to a una si­gno­ra, ma an­che per ri­spet­to a quel suo si­len­zio. Quin­di Ri­ta se n’è an­da­ta con pu­do­re. Lei, che nel­la vi­ta è sta­ta sem­pre co­sì tra­sci­nan­te, nel­la mor­te è sta­ta so­la e non ha co­mu­ni­ca­to, se non con po­chis­si­me per­so­ne mol­to vi­ci­ne, il suo dram­ma e la sua fi­ne di cui si­cu­ra­men­te era con­sa­pe­vo­le.

Una gran­de per­di­ta per il gior­na­li­smo e per gli ami­ci, a cui man­che­rà co­me man­che­rà a tut­ti i let­to­ri.

RI­COR­DO IL SUO GRAN­DE AMO­RE PER LA SPA­GNA E LA CO­MU­NE PAS­SIO­NE PER IL MON­DO AN­TI­CO ESTRO­VER­SA E TRA­SCI­NAN­TE È AN­DA­TA VIA IN SI­LEN­ZIO

IN RE­DA­ZIO­NE Ri­ta Sala fo­to­gra­fa­ta al Mes­sag­ge­ro da Glo­ria Sat­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.