«Di­fen­de­re Simp­son che fa­ti­ca»

Il Messaggero (Civitavecchia) - - SPETTACOLI - L’IN­TER­VI­STA Fran­ce­sca Scor­cuc­chi

Per una di quel­le stra­ne com­bi­na­zio­ni del de­sti­no, il ca­so di OJ Simp­son, che nel 1995 ven­ne as­sol­to per l’omi­ci­dio del­la ex mo­glie Ni­co­le Bro­wn Simp­son e di Ron Gold­man, po­treb­be ria­prir­si pro­prio men­tre in te­le­vi­sio­ne va in on­da la sua sto­ria. Ame­ri­can Cri­me Sto­ry, il ca­so di OJ Simp­son, que­sto il ti­to­lo, sa­rà dal 6 apri­le an­che in Ita­lia su Fox Cri­me.

E’ no­ti­zia di po­chi gior­ni fa in­fat­ti del ri­tro­va­men­to di un col­tel­lo, la pro­ba­bi­le ar­ma del de­lit­to, in una del­le sue pro­prie­tà.

Sul­la col­pe­vo­lez­za di Simp­son, no­no­stan­te l’as­so­lu­zio­ne, ci so­no po­chi dub­bi, tan­to è ve­ro che nel 1997 ven­ne con­dan­na­to in se­de ci­vi­le, al pa­ga­men­to di 33 mi­lio­ni di dol­la­ri al­le fa­mi­glie del­le vit­ti­me. Per la leg­ge ame­ri­ca­na pe­rò OJ Simp­son non può es­se­re pro­ces- sa­to nuo­va­men­te. Simp­son è co­mun­que in prigione, con­dan­na­to a 33 an­ni di re­clu­sio­ne per ra­pi­na a ma­no ar­ma­ta e se­que­stro di per­so­na, per un al­tro fat­to, av­ve­nu­to nel 2008.

La sto­ria di OJ Simp­son, che nel 1994 in­col­lò da­van­ti al­la te­le­vi­sio­ne mi­lio­ni di te­le­spet­ta­to­ri è ora rac­con­ta­ta da Ryan Mur­phy (l’au­to­re di Ame­ri­can Hor­ror Sto­ry e Glee) in una se­rie tv, Ame­ri­can Cri­me Sto­ry, che, sta­gio­ne per sta­gio­ne, por­te­rà in te­le­vi­sio­ne i ca­si più ecla­tan­ti di cro­na­ca giu­di­zia­ria ne­gli Sta­ti Uni­ti.

S’ini­zia appunto dal ca­so di OJ Simp­son, con Cu­ba Goo­ding Ju­nior nei pan­ni dell’ex cam­pio­ne di foot­ball ame­ri­ca­no e un ca­st d’ec­ce­zio­ne a far­gli com­pa­gnia: John Tra­vol­ta in­ter­pre­ta il di­fen­so­re Ro­bert Sha­pi­ro, Da­vid Sch­wim­mer ( Friends) è Ro­bert Kar­da­shian - ami­co di OJ e pa­dre del­le fu­tu­re star­let­te del­la tv Kim, Kourt­ney e Khloè Kar­da­shian - e Sa­rah Paul­son in­ter­pre­ta il so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re Mar­cia Clark, cui ven­ne af­fi­da­to lo scot­tan­te ca­so.

La fi­gu­ra di Ro­bert Sha­pi­ro è im­por­tan­te qua­si quan­to quel­la di OJ Sim­spon. Per­so­na­li­tà for­tis­si­ma con una ve­ra e pro­pria pas­sio­ne per le ap­pa­ri­zio­ni in tv, Sha­pi­ro è ma­gi­stral­men­te in­ter­pre­ta­to da John Tra­vol­ta che, con so­prac­ci­glia a ce­spu­glio e ca­pel­li ne­ris­si­mi, gli as­so­mi­glia an­che fi­si­ca­men­te. Mr. Tra­vol­ta, ri­cor­da i gior­ni in cui l’Ame­ri­ca si fer­mò per il ca­so Simp­son? «Cer­to, li ri­cor­do. Io non se­guii la fac­cen­da co­me fe­ce­ro tan­ti al­tri. In al­to, Tra­vol­ta con Cu­ba Goo­ding Ju­nior e Da­vid Sch­wim­mer. So­pra, O.J. Simp­son e sot­to John Tra­vol­ta Pro­prio in quei gior­ni ero in gi­ro per gli Sta­ti Uni­ti per la pro­mo­zio­ne di Pulp Fic­tion, quin­di non po­te­vo sta­re ore da­van­ti al­la te­le­vi­sio­ne. Mio pa­dre pe­rò lo fe­ce, se­guì quell’enor­me tra­ge­dia ame­ri­ca­na in tut­to il suo svol­gi­men­to. Ogni gior­no mi rac­con­ta­va il più pic­co­lo av­ve­ni­men­to, nel det­ta­glio. Mio pa­dre era un ex gio­ca­to­re di foot­ball ame­ri­ca­no e poi fu al­le­na­to­re. Per lui, co­me per mol­ti, fu scioc­can­te pen­sa­re che Simp­son aves­se po­tu­to fa­re una co­sa del ge­ne­re. Non era pe­rò in­no­cen­ti­sta, aspet­ta­va che la ve­ri­tà emer­ges­se». L’av­vo­ca­to Sha­pi­ro gio­cò un ruo­lo im­por­tan­te. «Ci so­no al­me­no 27 pa­ro­le nel vo­ca­bo­la­rio che pos­so­no de­scri­ve­re la per­so­na­li­tà di Sha­pi­ro, al­cu­ne so­no a suo fa­vo­re, al­tre no, ma era un av­vo­ca­to che sa­pe­va il fat­to suo e sa­pe­va co­me muo­ve­re le pe­di­ne. Sa­pe­va mol­to be­ne, ad esem­pio. ri­chie­de­re con­su­len­ze di esper­ti e met­te­re in­sie­me una squa­dra vin­cen­te». Ha fat­to ri­cer­che per en­tra­re nel­la par­te? «Ci so­no mol­tis­si­mi fil­ma­ti dell’av­vo­ca­to Sha­pi­ro. Poi mi so­no aiu­ta­to con le let­tu­re, il li­bro del­lo stes­so av­vo­ca­to, sul ca­so e The Run of His Li­fe: The Peo­ple Ver­sus OJ Simp­son, scrit­to Jef­frey Too­bin, e an­che il li­bro di me­mo­rie del­lo stes­so OJ Simp­son. Que­sti tre li­bri mi han­no rac­con­ta­to il mio per­so­nag­gio da tre pun­ti di vi­sta di­ver­si, è sta­to mol­to uti­le». Ama­va le luci del­la ri­bal­ta? «Ama­va la po­po­la­ri­tà ed es­se­re in te­le­vi­sio­ne, non cre­do fos­se nem­me­no trop­po co­scien­te di quan­to gli pia­ces­se. Per un artista in­ter­pre­ta­re un per­so­nag­gio co­sì è mol­to in­te­res­san­te». Que­sta è l’età dell’oro per la te­le­vi­sio­ne «Ve­ro, an­che se ci ho pen­sa­to un po’ quan­do mi han­no pro­po­sto di fa­re par­te di que­sto ca­st. Mi so­no pre­so quat­tro me­si per de­ci­de­re. Poi ho chie­sto a quat­tro per­so­ne, non fa­rò i no­mi pe­rò. Quel­le quat­tro per­so­ne mi han­no tut­te con­si­glia­to di far­lo. Ma io so­no co­sì, ho sem­pre bi­so­gno di in­co­rag­gia­men­to, mi è suc­ces­so an­che per fa­re Pulp Fic­tion ». Dav­ve­ro? Di co­sa ave­va paura? «Se pen­sa al co­pio­ne, a tut­to quel san­gue e quei mor­ti, se ci pen­sa e non co­no­sce il li­vel­lo del re­gi­sta, può ave­re paura, no? Ma poi ho co­no­sciu­to Ta­ran­ti­no e di­re di sì è di­ven­ta­to più fa­ci­le».

“AME­RI­CAN CRI­ME STO­RY” VA IN ON­DA IL 6 APRI­LE PRO­PRIO MEN­TRE SI RIA­PRE IL “CA­SO” PER IL RI­TRO­VA­MEN­TO DELL’AR­MA DEL DE­LIT­TO «ALL’EPO­CA SE­GUII L’OMI­CI­DIO DI NI­CO­LE BRO­WN E RON GOLD­MAN AT­TRA­VER­SO I RAC­CON­TI DI MIO PA­DRE. LA­VO­RA­VO A PULP FIC­TION»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.