Il 7% del­la si­ni­stra può fa­re la dif­fe­ren­za

Il Messaggero (Frosinone) - - PRIMO PIANO -

La sfi­da di Bo­lo­gna ap­pa­re co­me la più fred­da di tut­te. Ma an­che con sue pe­cu­lia­ri­tà che la di­stin­guo­no dal­le altre. Qui, ad esem­pio, la li­sta a si­ni­stra del Pd ha gua­da­gna­to un ono­re­vo­le 7% - ca­so uni­co nel­le gran­di cit­tà - an­che se il sin­da­co Me­ro­la del Pd ha fir­ma­to il re­fe­ren­dum del­la Cgil con­tro il Jobs Act. «Ma il pro­ble­ma dei due can­di­da­ti a gui­da­re la cit­tà, non è quel­lo di fa­re ap­pa­ren­ta­men­ti - spie­ga Ales­san­dro Ama­do­ri dell’Isti­tu­to Pie­po­li - quan­to quel­lo di ri­da­re iden­ti­tà ad una cit­tà ric­ca ma un po’ in de­cli­no, be­ne­stan­te ma un po’ in cri­si di iden­ti­tà». Sia per Me­ro­la (Pd) che per Ber­gon­zo­ni (Cen­tro­de­stra) il bal­lot­tag­gio do­vreb­be ser­vi­re a rial­lac­cia­re i con­tat­ti con la par­te più di­na­mi­ca del­la cit­tà sen­za di­men­ti­ca­re i te­mi dei ser­vi­zi e dell’equi­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.