Ai gril­li­ni i vo­ti pd e di ex asten­sio­ni­sti ex­ploit for­zi­sta tra ca­sa­lin­ghe e pen­sio­na­ti

Il Messaggero (Frosinone) - - PRIMO PIANO - I SEGMENTI SO­CIA­LI

Ri­spet­to al­le re­gio­na­li del 2012 il can­di­da­to del M5S Gian­car­lo Can­cel­le­ri ha rad­dop­pia­to i suoi vo­ti. Da do­ve ven­go­no i suoi cir­ca 300.000 vo­ti in più in con­fron­to a 5 an­ni fa? Stan­do ai flus­si elet­to­ra­li cal­co­la­ti dal­la SWG di Trie­ste Can­cel­le­ri ha fat­to il pie­no pe­scan­do un po’ ovun­que ma so­prat­tut­to dal ba­ci­no, i mmen­so i n Si­ci­lia, del non vo­to. Il 48% de­gli in­d­ci­si che nel 2012 de­ci­se­ro di non vo­ta­re do­me­ni­ca ha scel­to il can­di­da­to pen­ta­stel­la­to. Che ha ca­la­mi­ta­to l’87% di co­lo­ro che lo scel­se­ro 5 an­ni fa ma an­che il 25% di chi vo­tò l’al­lo­ra can­di­da­to pre­si­den­te del Pd Cro­cet­ta. Ri­vo­li di vo­ti (4 e 9%) so­no ar­ri­va­ti an­che dai due can­di­da­ti 2012 del cen­tro­de­stra, Mu­su­me­ci e Mic­ci­ché.

La ta­bel­la dei flus­si spie­ga an­che il suc­ces­so di Nel­lo Mu­su­me­ci an­che se il cen­tro­de­stra 5 an­ni fa, pre­sen­tan­do­si sdop­pia­to, per­se cla­mo­ro­sa­men­te pur pren­den­do nel com­ples­so il 44% dei con­sen­si e quin­di qual­co­si­na in più ri­spet­to a quan­to ha rag­gra­nel­la­to que­st’an­no. Mu­su­me­ci si è so­stan­zial­men­te ri­pre­so qua­si tut­ti i vo­ti che rac­col­se nel 2012 unen­do­li al 56% di quel­li che an­da­ro­no al­le se­con­da li­sta di cen­tro­de­stra ca­pi­ta­na­ta da Gian­fran­co Mic­chi- ché e al 19% di chi pre­fe­rì Cro­cet­ta.

Mi­ca­ri ha per­so per­ché si è ri­pre­so me­no del­la me­tà (il 45%) dell’elet­to­ra­to che si coa­gu­lò in­tor­no a Cro­cet­ta e ha at­trat­to so­lo il 9% de­gli ap­par­te­nen­ti all’area del non vo­to. Una quan­ti­tà pra­ti­ca­men­te ana­lo­ga a quel­la che ha at­ti­ra­to il can­di­da­to di si­ni­stra Clau­dio Fa­va che si è pre­so pu­re il 10% di quan­ti vo­ta­ro­no nel 2012 per Cro­cet­ta e il 10% di chi pre­fe­rì le li­ste di cen­tro­de­stra gui­da­te da Mic­ci­ché.

Det­to dei can­di­da­ti pre­si­den­ti, è mol­to interessante ca­pi­re co­me si è spac­chet­ta­ta la so­cie­tà si­ci­lia­na ri­spet­to all’of­fer­ta po­li­ti­ca del 2017.

Eb­be­ne fra i ri­sul­ta­ti che più sal­ta­no agli oc­chi c’è il gran­de suc­ces­so che il cen­tro­de­stra ha rac­col­to pres­so due ca­te­go­rie clas­si­che del­la con­sti­tuen­cy ber­lu­sco­nia­na: pen­sio­na­ti e ca­sa­lin­ghe. Se­con­do il ca­ro­tag­gio SWG Mu­su­me­ci è sta­to pre­fe­ri­to dal 42% del­le ca­sa­lin­ghe e ad­di­rit­tu­ra dal 57% dei pen­sio­na­ti. Le per­cen­tua­li ov­via­men­te si ri­fe­ri­sco­no agli ap­par­te­nen­ti del­le due ca­te­go­rie che han­no scel­to di re­car­si al­le ur­ne per­ché in entrambi que­sti segmenti so­cia­li l’asten­sio­ni­smo l’ha fat­ta da pa­dro­ne aven­do rag­giun­to il 69% fra le ca­sa­li­gn­he e il 57% fra i pen­sio­na­ti.

La com­po­si­zio­ne del blocco so­cia­le del cen­tro­de­stra si­ci­lia­no non è co­sa da po­co con­to. Che fi­ne han­no fat­to le mi­ti­che par­ti­te Iva? Fa im­pres­sio­ne che i ce­ti più di­na­mi­ci - im­pren­di­to­ri, com­mer­cian­ti, ar­ti­gia­ni - sia­no di­vi­si con per­cen­tua­li ana­lo­ghe (35%) fra cen­tro­de­stra e M5S con una quo­ta non se­con­da­ria (il 20%) col­lo­ca­ta nel cen­tro­si­ni­stra. «L’im­pres­sio­ne - chio­sa il di­ret­to­re di SWG, Enzo Ris­so - è che la vit­to­ria del cen­tro­de­stra in Si­ci­lia sia in qual­che mo­do “re­si­sten­zia­le”. E’ co­me se quel­la par­te po­li­ti­ca sia riu­sci­ta a ri­chia­ma­re par­te del pro­prio elet­to­ra­to ma con po­chi ele­men­ti di di­na­mi­smo».

E’ interessante os­ser­va­re la com­po­si­zio­ne ca­lei­do­sco­pi­ca dell’elet­to­ra­to pen­ta­stel­la­to. Per Can­cel­le­ri ha vo­ta­to il 40% de­gli elet­to­ri a più al­ta sco­la­riz­za­zio­ne ma an­che il 61% dei di­soc­cu­pa­ti (con­tro il 9% an­da­to a Fa­va, il 12% a Mi­ca­ri e il 17% a Mu­su­me­ci) e il 65% di chi si dichiara po­ve­ro. E pro­prio il com­por­ta­men­to dei me­no ab­bien­ti è mol­to si­gni­fi­ca­ti­vo. Ben l’83% di que­sta “ca­te­go­ria”, pur es­sen­do se­du­to sul­la mol­la più po­ten­te del­la pro­te­sta, ha scel­to di non vo­ta­re. «I po­ve­ri non han­no vo­ta­to o han­no scel­to i pen­ta­stel­la­ti - com­men­ta Ris­so - Que­sto vuol di­re che la rab­bia re­sta una del­le spin­te del Mo­vi­men­to ma que­sta for­za ne se­gna an­che una de­bo­lez­za poi­ché an­che in Si­ci­lia, nel­la Re­gio­ne più dif­fi­ciòe del Pae­se, i 5Stel­le non so­no riu­sci­ti a pe­ne­stra­re nell’enor­me area del­la ras­se­gna­zio­ne. Per ora M5S non ha tro­va­to la chia­ve per al­lar­ga­re il suo ba­ci­no na­tu­ra­le di con­sen­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.