Mos­sa su fi­sco e im­pre­se M5S cer­ca i vo­ti mo­de­ra­ti

Il Messaggero (Frosinone) - - PRIMO PIANO - PAR­TI­TE IVA

che­le Dell’Or­co: «Que­ste elezioni in­sie­me a quel­le si­ci­lia­ne pro­ba­bil­men­te ren­de­ran­no uf­fi­cia­le il passaggio dal co­sid­det­to tri­po­la­ri­smo al bipolarismo in Ita­lia». Dun­que M5S con­tro Ber­lu­sco­ni. Ed è sui te­mi sto­ri­ci del Cav che Di Ma­io ha già lan­cia­to la sua Opa mo­de­ra­ta: l’abo­li­zio­ne dell’Irap al­le im­pre­se, gli in­ve­sti­men­ti piut­to­sto che il red­di­to di cit­ta­di­nan­za, la bu­ro­cra­zia da snel­li­re. «Og­gi il M5S è a po­chi pun­ti per­cen­tua­li da chi ha vin­to le re­gio­na­li con una li­sta uni­ca di 62 can­di­da­ti - ha det­to Di Ma­io - Non so­lo sia­mo mol­to sod­di­sfat­ti ma da qui par­te un’on­da che ci può por­ta­re al 40%». Per far­lo ha bi­so­gno dei quel nord ope­ro­so che non si fi­da del M5S. Oc­chio, dun­que a chi si can­di­de­rà og­gi per le pros­si­me re­gio­na­li in Lom­bar­dia, re­gio­ne chia­ve per im­pa­ra­re il les­si­co del­le pmi. Fon­da­men­ta­le sa­rà l’ap­por­to dei ve­ne­ti, co­me l’ex as­ses­so­re di Ro­ma Mas­si­mo Co­lom­ban che il gior­no do­po il re­fe­ren­dum au­to­no­mi­sta ha ri­lan­cia­to l’idea del­la flat tax. C’è il con­si­glie­re lom­bar­do Ste­fa­no Buf­fa­gni che sul pal­co di Rimini ha par­la­to in lun­go e in lar­go di sem­pli­fi­ca­re la vi­ta al­le im­pre­se e crea­re la co­mo­pa­ny box, un fa­sci­co­lo uni­co per la co­mu­ni­ca­zio­ne tra im­pre­sa e pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne. Qual­co­sa sta fa­cen­do l’eu­ro­de­pu­ta­to tre­vi­gia­no Da­vid Bor­rel­li, sì quel­lo che vo­le­va an­da­re tra gli eu­ro­pei­sti dell’Al­de. Lui ha la fis­sa del­lo svi­lup­po dell’im­pren­di­to­ria (non del red­di­to di cit­ta­di­nan­za) e a me­tà ot­to­bre ha pro­po­sto una nor­ma pro la­vo­ro pri­va­to che striz­za mol­to l’oc­chio al­le par­ti­te Iva, con­tro la tas­sa­zio­ne «più gua­da­gni, più pa­ghi». Nel­la sua idea bi­so­gne­reb­be «ap­pli­ca­re un’ali­quo­ta ba­sa­ta sul ri­schio di per­de­re il la­vo­ro»: do­ve è pa­ri a ze­ro ad esem­pio per le at­ti­vi­tà in am­bi­to sta­ta­le, ali­quo­ta al­ta. «Men­tre un im­pren­di­to­re o un ar­ti­sta che in­ve­ce ha una do­se di ri­schio mag­gio­re po­treb­be es­se­re tas­sa­to con una ali­quo­ta mi­no­re». La cap­ta­tio be­ne­vo­len­tiae nei con­fron­ti del Set­ten­trio­ne, è par­ti­ta gra­zie ai re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.