Il più ama­to dai gial­lo­ros­si

Il Messaggero (Ostia - Litorale) - - PRIMO PIANO - Ma­rio Ajel­lo

Fran­ce­sco Totti, sen­za nul­la to­glie­re ai com­pa­gni di squa­dra, non sol­tan­to è il gio­ca­to­re “sim­bo­lo” del­la Ro­ma, ma è an­che il più ama­to dai ti­fo­si. L’ul­ti­ma sta­gio­ne è sta­ta quanto mai tra­va­glia­ta per il ca­pi­ta­no che, non più gio­va­nis­si­mo (a set­tem­bre, lui che gio­ca nel ruo­lo di at­tac­can­te, spe­gne­rà sul­la qua­ran­te­si­ma can­de­li­na), si è spes­so scon­tra­to con l’al­le­na­to­re Lu­cia­no Spal­let­ti. Ma Totti ne è usci­to vit­to­rio­so, tan­to che ha ap­pe­na rin­no­va­to il con­trat­to per un al­tro an­no. cre­do». Pu­re Totti ci cre­de, an­che se in se­ra­ta pre­ci­se­rà: «Il mio è un di­scor­so spor­ti­vo. Non mi pia­ce es­se­re stru­men­ta­liz­za­to dal­la po­li­ti­ca e non ap­par­ten­go ad al­cun schie­ra­men­to».

EF­FET­TO FRAN­CE­SCO

La mos­sa di Totti non può che spiaz­za­re Vir­gi­nia Rag­gi. La qua­le fi­no­ra ha sem­pre stron­ca­to la can­di­da­tu­ra olim­pi­ca ad­di­rit­tu­ra di­cen­do che «è cri­mi­na­le parlarne». E ie­ri è tor­na­ta al­la ca­ri­ca: «Che Totti, un cam­pio­ne mon­dia­le, sia fa­vo­re­vo­le al­le Olim­pia­di non mi sor­pren­de. Noi non sia­mo pregiudizialmente contrari. Ma i ro­ma­ni chie­do­no al­tro e un sin­da­co de­ve ascol­ta­re i ro­ma­ni». Una sor­ta di au­to-di­fe­sa, in­som­ma, que­sta del­la can­di­da­ta gril­li­na. La qua­le evi­den­te­men­te non si aspet­ta­va l’af­fon­do del ca­pi­ta­no, che rien­tra in una po­si­zio­ne una­ni­me dell’in­te­ro mon­do del­lo sport, a tut­ti i li­vel­li, fa­vo­re­vo­le ai Gio­chi. Co­me si co­me lo è, per la pri­ma vol­ta sen­za al­cu­na di­stin­zio­ne, tut­to il con­si­glio na­zio­na­le del Co­ni, che con­ta 76 mem­bri d’ogni ten­den­za po­li­ti­ca e pro­ve­nien­za geografica. Il niet del­la Rag­gi co­mun­que re­sta. E a ri­pro­va che il fron­te an­ti-Gio­chi è il fron­te an­ti-Ro­ma, c’è il fat­to che Sal­vi­ni - ru­span­te ne­mi­co del­la Ca­pi­ta­le, a di­spet­to del­le ul­ti­me pi­roet­te det­ta­te da in­te­res­si elet­to­ra­li che i ro­ma­ni han­no scon­fit­to nel­le ur­ne non fa­cen­do toc­ca­re pal­la al­la Le­ga - per pri­mo ha det­to di vo­ler so­ste­ne­re la Rag­gi al bal­lot­tag­gio con­tro Gia­chet­ti. Dun­que le Olim­pia­di ve­ro spar­tiac­que po­li­ti­co. Co­me se non fos­se evi­den­te la lo­ro fun­zio­ne da vo­la­no di svi­lup­po per una cit­tà de­pres­sa a cui va tra l’al­tro re­sti­tui­to il suo ruo­lo e il suo ran­go sul pal­co­sce­ni­co mon­dia­le. Per­ciò Totti, che tut­ti con­si­de­ra­no un pa­trio­ta del­la ro­ma­ni­tà e del brand Ita­lia, ha con­fer­ma­to di es­se­re quel­lo che è.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.