Co­sì la neo-sinistra si è ri­tro­va­ta svuo­ta­ta dai gril­li­ni

Il Messaggero (Ostia - Litorale) - - PRIMO PIANO - LA CRI­SI Sa­ra Me­na­fra

RO­MA Stret­ti nel­la mor­sa del dop­pio vo­to uti­le, da un la­to quel­lo del Pd, di Ren­zi e dei suoi can­di­da­ti (mol­ti dei qua­li pro­ve­nien­ti da Pci e Pds); dall’al­tro quel­lo dei cri­ti­ci col par­ti­to al go­ver­no che pen­sa­no che lo schiaf­fo si sen­te più for­te se a dar­lo è il Mo­vi­men­to cin­que stel­le. E’ co­sì che gli espo­nen­ti del­la co­sid­det­ta “sinistra sinistra” emer­go­no dal­le am­mi­ni­stra­ti­ve con un ri­sul­ta­to si­cu­ra­men­te de­lu­den­te, an­che se in mol­te real­tà pic­co­le e me­die i vo­ti so­no ar­ri­va­ti e per una vol­ta por­ta­no il se­gno più.

SCON­TRO A RO­MA

In real­tà, fat­ta ec­ce­zio­ne per Mi­la­no do­ve però è an­da­ta di­vi­sa e si è di­vi­sa i vo­ti, la sinistra va male so­prat­tut­to do­ve so­no i Cin­que stel­le a sfon­da­re: a Torino e a Ro­ma dun­que. Ma se il da­to peg­gio­re è quel­lo di Torino, quanto me­no per­ché i son­dag­gi vi­ra­va­no al ro­sa, è a Ro­ma che la de­lu­sio­ne fa ri­suo­na­re i tam­bu­ri dell’en­ne­si­ma guerra in­ter­na. Il can­di­da­to Ste­fa­no Fas­si­na pia­ce­va po­co pri­ma - tan­to che fi­no all’ul­ti­mo si è pen­sa­to ad un so­sti­tu­to - e pia­ce po­chis­si­mo ora, col suo 4,5% che, a di­re il ve­ro, non è mol­to sot­to le aspet­ta­ti­ve, con­si­de­ran­do che Ro­ma è l’uni­ca cit­tà con af­fluen­za in cre­sci­ta. Sel (che pu­re con i fuo­riu­sci­ti del Pd ha da­to vi­ta a Sinistra ita­lia­na) non ha gra­di­to l’an­nun­cio im­me­dia­ta­men­te con­tra­rio a Ro­ber­to Gia­chet­ti (ha pro­po­sto la sche­da bian­ca) e di qui a gio­ve­dì po­treb­be con­su­mar­si lo strap­po:«Dob­bia­mo co­strui­re una pro­po­sta non iden­ti­ta­ria an­che se au­to­no­ma dal Pd», di­ce il coor­di­na­to­re ro­ma­no Pao­lo Cen­to che dà ap­pun­ta­men­to pro­prio a gio­ve­dì per la di­chia­ra­zio­ne di vo­to del par­ti­to fi­no a po­chi me­si fa gui­da­to da Ni­chi Vendola. Tutt’al­tra aria si re­spi­ra a Torino seb­be­ne i risultati sia­no dav­ve­ro ne­ga­ti­vi. L’ex lea­der lo­ca­le del­la Fiom Gior­gio Ai­rau­do si è fer­ma­to al 3,7% con 14mi­la vo­ti. Cin­que an­ni fa, la som­ma di Ri­fon­da­zio­ne co­mu­ni­sta e Sel ne ave­va pre­si qua­si tren­ta­mi­la: «A Torino ci so­no 100mi­la vo­ti in usci­ta dal­la sinistra, Pd com­pre­so, nes­su­no dei qua­li è an­da­to a noi, è chia­ro che dob­bia­mo ri­met­ter­ci a la­vo­ro». Per l’ex sin­da­ca­li­sta la stra­da da pren­de­re è de­ci­sa­men­te di­ver­sa da quel­la di cui si di­scu­te a Ro­ma: «Una li­sta uni­ca na­zio­na­le - di­ce - che sia ri­co­no­sci­bi­le e al­ter­na­ti­va al Pd». Già per­ché tra i tan­ti pro­ble­mi che ha avu­to que­sta pic­co­la coalizione c’è an­che il co­stan­te cam­bia­men­to di no­mi e iden­ti­tà. Con coa­li­zio­ni non sem­pre iden­ti­che, il no­me è an­da­to da Sinistra ar­co­ba­le­no a Sel a L’Al­tra Eu­ro­pa con Tsi­pras a Sinistra Ita­lia­na. Più i no­mi del­la ci­vi­che, an­che que­sti sem­pre mo­di­fi­ca­ti. «Tra le co­se che do­vrem­mo im­pa­ra­re dai Cin­que stel­le c’è an­che la ca­pa­ci­tà di ra­di­car­si sul ter­ri­to­rio, fa­cen­do­si ri­co­no­sce­re. Se ora le lo­ro li­ste van­no be­ne ovun­que e be­nis­si­mo a Torino e Ro­ma, per an­ni si so­no ac­con­ten­ta­ti di per­cen­tua­li mo­de­ste», di­ce il re­spon­sa­bi­le or­ga­niz­za­zio­ne di Sel, Pep­pe De Cri­sto­fa­ro. In pro­vin­cia, c’è da di­re, le co­se van­no me­glio: an­che a pre­scin­de­re dal sin­da­co uscen­te di Ca­glia­ri, Mi­che­le Zed­da, con­fer­ma­to ma con l’ap­pog­gio del Pd, la sinistra sinistra va be­ne a Bo­lo­gna, do­ve pren­de il 7%, a Na­po­li do­ve con De Ma­gi­stris ar­ri­va al 5,3% a Ca­ser­ta (17%), Brin­di­si (14%) e nel­la pic­co­la roc­ca­for­te pd di Se­sto Fio­ren­ti­no, do­ve il pre­mier Ren­zi si è pre­mu­ra­to di chiu­de­re la cam­pa­gna elet­to­ra­le ve­ner­dì scor­so e la li­sta che con­tie­ne par­te dei tran­sfu­ghi de­mo­cra­ts ar­ri­va al 27%.

IL REFERENDUM

In­som­ma, per quanto ac­ciac­ca­ta la sinistra - sinistra in­ten­de ri­lan­cia­re. Tan­to più che tra ora e il con­gres­so fon­da­ti­vo di Sinistra ita­lia­na pre­vi­sto a di­cem­bre c’è un ap­pun­ta­men­to che può aiu­ta­re: il referendum co­sti­tu­zio­na­le di ot­to­bre con la cam­pa­gna per il No. «Sarà un ap­pun­ta­men­to im­por­tan­te - con­fer­ma il coor­di­na­to­re di Sel Ni­co­la Fra­to­ian­ni - che si ac­com­pa­gna all’obiet­ti­vo di ra­di­car­ci con pro­po­ste per il pae­se so­prat­tut­to sul te­ma del­la di­su­gua­glian­za».

A RO­MA È ROT­TU­RA UNA PAR­TE DEI FASSINIANI PO­TREB­BE SO­STE­NE­RE IL DEM GIA­CHET­TI AL BAL­LOT­TAG­GIO SINISTRA ITA­LIA­NA TEN­TA IL RI­LAN­CIO: L’OBIET­TI­VO SO­NO I CO­MI­TA­TI DEL NO AL REFERENDUM DEL PROS­SI­MO OT­TO­BRE

(fo­to LAPRESSE)

Mat­teo Sal­vi­ni, lea­der del­la Le­ga

Per il Mo­vi­men­to 5 Stel­le ar­ri­va­no le con­gra­tu­la­zio­ni del lea­der Ukip, Ni­gel Fa­ra­ge, al­lea­to di Gril­lo a Stra­sbur­go: «È una gran­de vit­to­ria, non po­trei es­se­re più fe­li­ce per Bep­pe».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.