I suoi pun­ti de­bo­li

Il Messaggero (Rieti) - - MONDO - An­na Guai­ta

di Hil­la­ry. All’età di 69 an­ni dun­que Hil­la­ry ve­de il suo so­gno gio­va­ni­le di­ven­ta­re sem­pre più rea­li­sti­co. Tut­ti han­no di­men­ti­ca­to che sin dai pri­mi an­ni all’uni­ver­si­tà, pri­ma di in­con­ta­re Bill Clin­ton, Hil­la­ry Dia­ne Ro­d­ham, una gio­va­net­ta re­li­gio­sa e con­ser­va­tri­ce di Chi­ca­go, so­gna­va una car­rie­ra po­li­ti­ca. Quel­la gio­va­net­ta cam­biò pre­sto posizioni po­li­ti­che, pri­ma per­ché con­tra­ria al­la guerra in Viet­nam, poi per­ché im­pe­gna­ta nel­la lot­ta per i di­rit­ti ci­vi­li: fu lei a or­ga­niz­za­re le pro­te­ste a Wel­le­sley quan­do fu uc­ci­so Sarà Do­nald Trump a sfi­da­re la Clin­ton per la pre­si­den­za Il ty­coon l’ha già at­tac­ca­ta du­ra­men­te in più di una oc­ca­sio­ne Mar­tin Lu­ther King e a com­bat­te­re per i di­rit­ti dei com­pa­gni di co­lo­re. Il gior­no del­la lau­rea fu scel­ta per il di­scor­so di chiusura dell’an­no, e ot­ten­ne set­te mi­nu­ti di stan­ding ova­tion. Fi­nì a la­vo­ra­re nel­le cam­pa­gne elet­to­ra­li di due se­na­to­ri, uno dei qua­li, Wal­ter Mon­da­le, di­ven­tò La gran­de sod­di­sfa­zio­ne di Hil­la­ry Clin­ton per il rag­giun­gi­men­to del nu­me­ro di de­le­ga­ti suf­fi­cien­te a ga­ran­tir­si la no­mi­na­tion de­mo­cra­ti­ca per la cor­sa al­la Ca­sa Bian­ca

Le­ga­mi con Wall Street e la ca­sta del par­ti­to

Fa­mi­li­smo, le­ga­mi con Wall Street, lau­rea a Ya­le. E’ la scel­ta obbligata per la di­re­zio­ne del par­ti­to, e l’ine­lut­ta­bi­li­tà del­la sua can­di­da­tu­ra è una iat­tu­ra per chi vi si op­po­ne.

Sen­za pun­ti de­bo­li «Man­ca di sin­ce­ri­tà»

Pro­fes­sio­na­li­tà, con­fi­den­za estre­ma fi­no all’ar­ro­gan­za, e as­sen­za di un la­to de­bo­le con il qua­le re­cu­pe­ra­re un po’ di sim­pa­tia. Mol­ti ame­ri­ca­ni fa­ti­ca­no a giu­di­car­la sin­ce­ra.

I vo­ti fa­vo­re­vo­li su Iraq e Li­bia

Vo­to fa­vo­re­vo­le al­la guerra in Iraq, pres­sio­ni su Oba­ma per l’in­ter­ven­to in Li­bia, di­fe­sa dei trat­ta­ti di li­be­ro scam­bio. La sinistra de­mo­cra­ti­ca non si ri­co­no­sce in lei. poi vi­ce­pre­si­den­te con Jim­my Car­ter. A 22 an­ni cioé Hil­la­ry era già un’at­ti­vi­sta ascol­ta­ta e sti­ma­ta, tan­to che quan­do ar­ri­vò a Ya­le per il dot­to­ra­to in leg­ge, ci fu­ro­no con­su­len­ti po­li­ti­ci che avreb­be­ro vo­lu­to la­vo­ra­re per lan­cia­re la sua car­rie­ra nel Con­gres­so.

IL MA­RI­TO

Ma nel­la sua vi­ta com­par­ve Bill, quel ra­gaz­zo­ne del sud,e al­la fi­ne la gio­va­ne la­sciò Washington do­ve si era già fat­ta un no­me, e lo se­guì nell’Ar­kan­sas. Il re­sto è no­to: per 12 an­ni fu fir­st la­dy dell’Ar­kan­sas, quan­do Bill fu elet­to go­ver­na­to­re. Poi Bill di­ven­ne pre­si­den­te e Hil­la­ry per ot­to an­ni fu fir­st la­dy, dal 1992 al 2000. Poi è sta­ta se­na­tri­ce del­lo Sta­to di New York 9 an­ni, e se­gre­ta­rio di Sta­to 4 an­ni. Ha vis­su­to sem­pre nell’oc­chio del ci­clo­ne, sot­to l’oc­chio ci­ni­co dei me­dia, og­get­to di pet­te­go­lez­zi e teo­rie com­plot­ti­sti­che. Tut­to di lei è sta­to mes­so in di­scus­sio­ne: co­me si pet­ti­na e co­me si ve­ste, la sua vo­ce stri­du­la e la ge­stua­li­tà in­ges­sa­ta. Per non par­la­re dei tra­di­men­ti del ma­ri­to, di cui i suoi ne­mi­ci par­la­no co­me se fos­se­ro col­pa sua. O del rap­por­to con la fi­glia Chel­sea: i ma­li­gni so­no ar­ri­va­ti a so­ste­ne­re che la gio­va­ne sta aspet­tan­do un al­tro fi­glio que­st’esta­te per le pres­sio­ni di Hil­la­ry stes­sa, che ne ri­ca­ve­reb­be buo­na pub­bli­ci­tà.

GLI SCANDALI

Da quan­do è com­par­sa sul pal­co­sce­ni­co pub­bli­co, Hil­la­ry è sta­ta in­da­ga­ta va­rie vol­te, ma non è mai sta­to tro­va­to nul­la di il­le­ga­le in quel che ha fat­to e non è mai sta­ta in­cri­mi­na­ta per nul­la. Quan­do ha la­scia­to il Di­par­ti­men­to di Sta­to era estre­ma­men­te po­po­la­re, al 69 per cen­to. Og­gi in­ve­ce l’in­ces­san­te cam­pa­gna ne­ga­ti­va che il par­ti­to re­pub­bli­ca­no ha in­ten­ta­to con­tro di lei sui fat­ti di Ben­ga­si del 2012 e sul­la vi­cen­da del­la e-mail, ha avu­to l’ef­fet­to di ap­pan­nar­ne la fi­gu­ra pub­bli­ca. Ep­pu­re, an­che sul­la mor­te dell’am­ba­scia­to­re Ch­ri­sto­pher Ste­vens e al­tri tre fun­zio­na­ri ame­ri­ca­ni non è sta­ta tro­va­ta nes­su­na sua re­spon­sa­bi­li­tà. E quanto al fat­to che ab­bia usa­to una e-mail pri­va­ta quan­do era se­gre­ta­rio di Sta­to, nes­su­no può di­re se ci sia sta­ta ne­gli­gen­za se­ria, in quanto è an­co­ra sot­to in­chie­sta da par­te dell’Fbi.

NATA A CHI­CA­GO 69 AN­NI FA, NEL GIOR­NO DEL DI­SCOR­SO PER LA LAU­REA HA IN­CAS­SA­TO UNA STAN­DING OVA­TION DI SET­TE MI­NU­TI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.