I ji­ha­di­sti che vo­le­va­no col­pi­re Ro­ma: cac­cia al­la re­te dei com­pli­ci

Il Messaggero (Roma - Metropoli) - - CRONACHE - L’IN­CHIE­STA Va­len­ti­na Er­ran­te

` Il kic­k­bo­xer Mou­ta­har­rik: «Io non par­lo con i mu­sul­ma­ni fan­no la spia al­la po­li­zia». Il re­clu­ta­men­to di gio­va­ni a Lec­co

RO­MA Ades­so si pun­ta al­la re­te. Per­ché l’or­ga­niz­za­zio­ne ter­ro­ri­sti­ca che avreb­be vo­lu­to col­pi­re il Va­ti­ca­no e l’am­ba­scia­ta israe­lia­na con­ta­va an­che su al­cu­ni ”fra­tel­li”. L’in­chie­sta che ha por­ta­to all’ar­re­sto dell’in­so­spet­ta­bi­le Ab­der­ra­him Mou­ta­har­rik, ope­ra­io promessa del kic­k­bo­xer, di sua mo­glie, di un’al­tra cop­pia e che ve­de la­ti­tan­ti Mo­ha­med Ko­rai­chi e l'ita­lia­na Ali­ce Bri­gno­li (pro­ba­bil­men­te in Si­ria per com­bat­te­re) non è con­clu­sa. Di­gos e Ros, coor­di­na­ti dal­la pro­cu­ra di Mi­la­no, pun­ta­no al­la ga­las­sia dell’estre­mi­smo, i pc, gli smart­pho­ne e il ma­te­ria­le in­for­ma­ti­co se­que­stra­ti po­treb­be­ro for­ni­re ele­men­ti uti­li.

LA SO­REL­LA

Tra gli in­da­ga­ti an­che un’al­tra so­rel­la di Ko­rai­chi, Me­ryem, (Sal­ma è in car­ce­re), men­tre re­sta igno­ta l’iden­ti­tà del co­sid­det­to «Imam di Va­re­se» che avreb­be po­tu­to rac­co­man­da­re i com­po­nen­ti dell’or­ga­niz­za­zio­ne che vo­le­va­no com­bat­te­re.

A mar­zo Ko­rai­chi rac­co­man­da al com­pli­ce: «Non ti met­te­re a par­la­re con... non di­re che que­sto qua è mu­sul­ma­no e gli par­li .. i lo­ro cuo­ri so­no ma­la­ti». Mou­ta­har­rik ri­spon­de: «No fra­tel­lo, io non par­lo con nes­su­no, par­lo so­la­men­te con quel ra­gaz­zo, quel fra­tel­lo è l’uni­co che gli par­lo di que­ste co­se, ci so­no al­tri fra­tel­li di cui ho fi­du­cia, ho fi­du­cia al cen­to per cen­to, non ho so­spet­ti su di lo­ro, men­tre ce ne so­no tan­ti che ti fan­no di­scor­si mol­to de­bo­li e di­co­no che nel no­stro islam non bi­so­gna uc­ci­de­re gli in­no­cen­ti e al­tro, pe­rò fra­tel­lo io non par­lo con il pri­mo che ca­pi­ta per­ché so che ci so­no tan­ti mu­sul­ma­ni tra­di­to­ri, so­no di­ven­ta­ti... ven­go­no da te ti par­la­no e di­scu­to­no con te per­ché vo­glio­no sa­pe­re co­sa hai in te­sta, e que­sto e al­tro so­lo per ven­der­ti o ti de­nun­cia­no al­la po­li­zia».

«GIU­RO CHE VIN­CE­RE­MO»

È Ko­rai­chi a con­clu­de­re: «Li vin­ce­re­mo, giu­ro che non ci scon­fig­ge­ran­no mai». E an­co­ra Ko­rai­chi: «Ti fac­cio co­no­sce­re un po’ di ra­gaz­zi, at­ti­ria­mo que­sti gio­va­ni di Lec­co an­che lo­ro e gli met­te­re­mo a po­sto la te­sta». «So­no due le co­se o la vit­to­ria o mo­ri­re jah­di­sta e poi noi ab­bia­mo la pa­zien­za - di­ce Ko­rai­chi - c’è una fe­li­ci­tà quan­do sei lì nei po­sti di com­bat­ti­men­ti, ti sen­ti felice, ti sen­ti tran­quil­lo e di più quan­do uc­ci­di quei ne­mi­ci per vo­lon­tà di Dio, quan­do uno uc­ci­de un ne­mi­co sen­te, sen­te la fe­li­ci­tà... giu­ro che que­ste ope­ra­zio­ni che fan­no que­sti lu­pi so­li­ta­ri, è me­glio fra­tel­lo mio di 20 mi­la at­tac­chi, giu­ro, per­ché gli fa pau­ra, spa­ven­to, li bloc­ca al lo­ro li­mi­te e non ce la fan­no per­chè gli in­fe­de­li quan­do li at­tac­chi so­pra le lo­ro ca­se, lo­ro non vi­vran­no mai in pace, hai ca­pi­to? vi­sto che lo­ro ven­go­no da te e ti at­tac­ca­no e tu li at­tac­chi, il lo­ro pae­se è tran­quil­lo che vuo­le di­re vi­ve in pace, in si­cu­rez­za, in fe­li­ci­tà, pe­rò quan­do li at­tac­chi, un so­lo at­tac­co co­sì, giu­ro che li fai tre­ma­re, li fai tre­ma­re dal pro­fon­do, fra­tel­lo mio Ab­der­ra­him co­me tu sai, que­ste ope­ra­zio­ni so­no fan­ta­sti­che, so­no il mas­si­mo».

LE IN­TER­CET­TA­ZIO­NI TRA GLI ASPI­RAN­TI TER­RO­RI­STI: «GLI IN­FE­DE­LI NON HAN­NO PACE SE LI AT­TAC­CHI A CA­SA»

Ab­der­ra­him Mou­ta­har­rik, promessa del kic­k­bo­xing, so­gna­va un at­tac­co ka­mi­ka­ze a Ro­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.