La di­soc­cu­pa­zio­ne ai mi­ni­mi dal 2012

Il Messaggero (Roma - Metropoli) - - COMMENTI, OPINIONI, E - LETTERE - Marco For­tis se­gue dal­la pri­ma pa­gi­na

So­no di­mi­nui­ti i di­soc­cu­pa­ti (-63 mi­la) e an­che gli inat­ti­vi (-36 mi­la). Il tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne è sce­so di tre de­ci­ma­li in un me­se, dall’11,7% all’11,4%, va­lo­re che non si ve­de­va dal­la fi­ne del 2012. Inol­tre, an­che il tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le tra feb­bra­io e mar­zo è di­mi­nui­to sen­si­bil­men­te, ad­di­rit­tu­ra di un pun­to e mez­zo, pas­san­do dal 38,2% al 36,7%. Nu­me­ri ras­si­cu­ran­ti per l’eco­no­mia ita­lia­na, che smen­ti­sco­no le pre­vi­sio­ni fu­ne­ste di un pos­si­bi­le “sgon­fia­men­to” de­gli ef­fet­ti del­le de­con­tri­bu­zio­ni e del Jobs Act avan­za­te da al­cu­ni ana­li­sti. L’oc­cu­pa­zio­ne, in­fat­ti, si è ir­ro­bu­sti­ta, sia quan­ti­ta­ti­va­men­te sia qua­li­ta­ti­va­men­te. In­dub­bia­men­te so­no an­co­ra tan­ti i po­sti di la­vo­ro che man­ca­no all’ap­pel­lo ri­spet­to a quel­li per­si du­ran­te la cri­si, ma, do­po aver toc­ca­to il fon­do tra il 2013 e l’ini­zio del 2014, i mi­glio­ra­men­ti sin qui con­se­gui­ti si di­mo­stra­no so­li­di e di ri­le­van­te en­ti­tà. Per da­re una idea di ciò che è av­ve­nu­to sul mer­ca­to del la­vo­ro ita­lia­no ne­gli ul­ti­mi due an­ni ba­ste­rà ri­cor­da­re che il tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne to­ta­le ave­va toc­ca­to un mas­si­mo del 13,1% nel no­vem­bre 2014 ed ora è più bas­so di 1,7 pun­ti. Men­tre il tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le, che era sa­li­to in mi­su­ra as­sai pre­oc­cu­pan­te fi­no al 43,5% nel mar­zo del 2014, og­gi è in­fe­rio­re ri­spet­to a quel pic­co di ben 6,8 pun­ti. Ab­bia­mo scrit­to più vol­te su que­ste co­lon­ne che i da­ti men­si­li sull’oc­cu­pa­zio­ne e sul­la di­soc­cu­pa­zio­ne, che ori­gi­na­no da sti­me e da ma­ni­po­la­zio­ni sta­ti­sti­che espo­ste a con­ti- nue ret­ti­fi­che, van­no sem­pre va­lu­ta­ti con grande cau­te­la. Per orien­tar­si è dun­que me­glio guar­da­re al­le me­die tri­me­stra­li e al­le ten­den­ze di me­dio-lun­go pe­rio­do piut­to­sto che as­si­ste­re tut­te le vol­te all’im­man­ca­bi­le scon­tro tra “gu­fi” e ot­ti­mi­sti nell’in­ter­pre­ta­zio­ne del­le ul­ti­me sta­ti­sti­che sfor­na­te dall’Istat. Le qua­li, qua­si sem­pre, un me­se sal­go­no e quel­lo do­po ca­do­no; sen­za di­men­ti­ca­re che le ret­ti­fi­che dei da­ti, non di ra­do, pos­so­no es­se­re per­si­no di se­gno op­po­sto ri­spet­to al­le sti­me pre­li­mi­na­ri for­mu­la­te il me­se pre­ce­den­te.

Pro­via­mo per­tan­to a trac­cia­re un bi­lan­cio del­la si­tua­zio­ne del mer­ca­to del la­vo­ro in Ita­lia sul­la ba­se di ten­den­ze con­so­li­da­te e non de­gli oscil­lan­ti da­ti men­si­li. Del tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne to­ta­le e gio­va­ni­le in ca­lo strut­tu­ra­le ab­bia­mo già det­to più so­pra. Ri­guar­do al­la oc­cu­pa­zio­ne, in­ve­ce, il pri­mo ele­men­to da con­si­de­ra­re è che in ba­se ai da­ti de­sta­gio­na­liz­za­ti il nu­me­ro to­ta­le de­gli oc­cu­pa­ti, ri­spet­to a feb­bra­io 2014, è cre­sciu­to si­no a mar­zo 2016 di 398mi­la uni­tà. Il se­con­do ele­men­to da te­ner pre­sen­te, an­cor più si­gni­fi­ca­ti­vo, è che le me­die mo­bi­li de­gli ul­ti­mi 3 me­si, sull’ar­co del­lo stes­so pe­rio­do, ci di­co­no che la cre­sci­ta dell’oc­cu­pa­zio­ne con­so­li­da­ta (non sog­get­ta all’er­ra­ti­ci­tà dei va­lo­ri men­si­li) è sta­ta di cir­ca 340mi­la po­sti di la­vo­ro. Le sta­ti­sti­che men­si­li, in al­tre pa­ro­le, pos­so­no an­che pro­ce­de­re a den­te di se­ga, un me­se su e l’al­tro giù. Ma­ga­ri il prossimo me­se l’Istat ci di­rà che gli oc­cu­pa­ti sa­ran­no nuo­va­men­te di­mi­nui­ti, co­me ave­va già ri­le­va­to nel me­se di feb­bra­io. Ma le me­die mo­bi­li de­gli ul­ti­mi tre me­si, le qua­li “pial­la­no” que­sti ap­pa­ren­ti al­ti e bas­si ed in­di­ca­no il trend di fon­do, par­la­no chia­ro. Il pro­gres­so con­so­li­da­to del mer­ca­to del la­vo­ro ita­lia­no ne­gli ul­ti­mi due an­ni è sta­to mol­to forte: si­gni­fi­ca ave­re pres­so­ché re­cu­pe­ra­to com­ple­ta­men­te i li­vel­li oc­cu­pa­zio­na­li pre­ce­den­ti l’au­ste­ri­tà del 2012-ini­zio 2014. Il ter­zo ele­men­to che si può ri­le­va­re è che, al di là dell’an­da- men­to ano­ma­lo dei da­ti men­si­li nel 2015, do­vu­to al­le mi­su­re straor­di­na­rie per le de­con­tri­bu­zio­ni e al Jobs Act, tut­ta la nuo­va oc­cu­pa­zio­ne crea­ta si­no all’esta­te del­lo scor­so an­no è fon­da­men­tal­men­te sta­bi­le, cioè non si sta af­fat­to “sgon­fian­do”. Ne­gli ul­ti­mi me­si, è ve­ro, l’oc­cu­pa­zio­ne pre­ce­den­te­men­te au­men­ta­ta co­sì ve­lo­ce­men­te per ef­fet­to de­gli sti­mo­li di po­li­ti­ca eco­no­mi­ca non è più cre­sciu­ta, an­che per il tem­po­ra­neo ral­len­ta­men­to del­la cre­sci­ta del Pil nel ter­zo e quar­to tri­me­stre del 2015. Ma il mer­ca­to del la­vo­ro non si è per nul­la con­trat­to. In­fi­ne, il quar­to ele­men­to da con­si­de­ra­re è l’im­pat­to del­le de­con­tri­bu­zio­ni e del Jobs Act sul­la com­po­si­zio­ne dell’oc­cu­pa­zio­ne. Il da­to che bal­za all’evi­den­za è che ri­spet­to a feb­bra­io 2014 gli oc­cu­pa­ti di­pen­den­ti a tem­po in­de­ter­mi­na­to so­no au­men­ta­ti si­no a tut­to mar­zo 2016 di 353mi­la uni­tà. Va­le a di­re che su una cre­sci­ta com­ples­si­va di 398mi­la po­sti di la­vo­ro nel pe­rio­do con­si­de­ra­to, l’89% di ta­le au­men­to è de­ri­va­to da oc­cu­pa­zio­ni sta­bi­li. Vi è dun­que sta­to an­che un mi­glio­ra­men­to qua­li­ta­ti­vo con­si­sten­te del mer­ca­to del la­vo­ro, con me­no po­sti “pre­ca­ri” ri­spet­to al pas­sa­to. I cri­ti­ci so­sten­go­no che ciò ha avu­to un co­sto fi­nan­zia­rio. Ma bi­so­gne­reb­be al­lo­ra va­lu­ta­re an­che il co­sto di una ipo­te­ti­ca man­ca­ta azio­ne sul mer­ca­to del la­vo­ro in ter­mi­ni di ri­pre­sa eco­no­mi­ca ine­vi­ta­bil­men­te più fra­gi­le e di mag­gio­re di­sa­gio so­cia­le. E’ la­pa­lis­sia­no che il Go­ver­no con il Jobs Act e le de­con­tri­bu­zio­ni ha fat­to una chia­ra scel­ta po­li­ti­ca. Ma a fa­re scel­te chia­re e a met­ter­ci so­pra la fac­cia ser­ve, per l’ap­pun­to, la po­li­ti­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.