La mi­ni di­va è tor­na­ta

Il Messaggero (Roma - Metropoli) - - SPETTACOLI - IL FE­NO­ME­NO Glo­ria Sat­ta

ac­co 12, oc­chi da cer­biat­ta, bat­tu­ta pron­ta, si­cu­rez­za da star con­su­ma­ta: Mar­ti­na Stoessel in ar­te Vio­let­ta, ar­gen­ti­na di na­sci­ta ma di ca­sa in tut­to il mon­do, clas­se 1997, schioc­ca ba­ci al­le ra­gaz­zi­ne che scan­di­sco­no il suo no­me as­sie­pa­te a de­ci­ne da­van­ti all’ho­tel ro­ma­no che la ospi­ta. De­li­rio “edu­ca­to” per una ex bam­bi­na pro­di­gio dal­la vi­ta spec­chia­ta (è tut­ta sho­w­bu­si­ness e fa­mi­glia) che ha con­qui­sta­to il pianeta gra­zie a una serie tv tra­smes­sa in 130 Pae­si tra il 2012 e il 2015 e al­la sua vo­ce fuo­ri del co­mu­ne, ca­pa­ce di riem­pi­re ovun­que tea­tri e sta­di.

Per com­ple­ta­re il suc­ces­so glo­ba­le di que­sta teen-idol, i di­schi di pla­ti­no e le tour­née da tut­to esau­ri­to non po­te­va­no man­ca­re il pri­mo al­bum da so­li­sta ( Ti­ni) e il film in­ti­to­la­to Ti­ni - la nuo­va vi­ta di Vio­let­ta. Di­ret­to da Juan Pa­blo Bu­sca­ri­ni, in­ter­pre­ta­to dai gio­va­nis­si­mi at­to­ri Jor­ge Blan­co, Mer­ce­des Am­bre, Cla­ra Alon­so, Adrian Sal­ze­do, Leo­nar­do Cec­chi, Pa­squa­le Di Nuz­zo (al­cu­ni era­no già nel­la serie tv, al­tri so­no sta­ti re­clu­ta­ti per il ci­ne­ma), usci­rà il 12 mag­gio con Di­sney.

E so­no ve­nu­ti tut­ti in­sie­me a pre­sen­tar­lo a Ro­ma, l’aria eu­fo­ri­ca più da gi­ta di clas­se che da pre­miè­re ci­ne­ma­to­gra­fi­ca, tut­ti in­va­ria­bil­men­te en­tu­sia­sti dell’espe­rien­za vis­su­ta e del­le ami­ci­zie «per la vi­ta» che si so­no crea­te sul set. Ma la stel­la è lei, Mar­ti­na-Vio­let­ta, che nel film pie­no di

Tmu­si­ca (e gi­ra­to so­prat­tut­to in Si­ci­lia) in­ter­pre­ta se stes­sa al­le pre­se con il suc­ces­so, un fi­dan­za­to che for­se ama un’al­tra, il de­si­de­rio di ri­tro­va­re la pro­pria iden­ti­tà. Ci riuscirà do­po un ri­ge­ne­ran­te viag­gio dal­le par­ti di Taor­mi­na.

CE­LE­BRI­TÀ

«Nel­la mia vi­ta esi­sto­no mo­men­ti in cui vor­rei fer­mar­mi per do­man­dar­mi co­sa si­gni­fi­ca tut­to quel­lo che mi sta suc­ce­den­do», rac­con­ta Mar­ti­na-Vio­let­ta, «so­no sul­la brec­cia da quan­do ave­vo 10 an­ni e og­gi che ne ho 19 non ho L’ar­gen­ti­na Mar­ti­na Stoessel ha con­qui­sta­to il pianeta gra­zie a una serie tv tra­smes­sa in 130 Pae­si an­co­ra smes­so di cre­sce­re, im­pa­ra­re, ca­pi­re. La ce­le­bri­tà è una con­se­guen­za del mio la­vo­ro, non ci fac­cio nem­me­no più ca­so: per me è na­tu­ra­le es­se­re og­gi a Ro­ma e do­ma­ni in Giap­po­ne, ma il suc­ces­so più bel­lo è ave­re l’amo­re del pub­bli­co».

AN­TI­DO­TO

L’an­ti­do­to allo stress? «La mia fa­mi­glia che mi se­gue ovun­que e mi per­met­te di man­te­ne­re i pie­di per ter­ra. Con i miei mi apro, di­scu­to ogni scel­ta, mi sen­to li­be­ra di pian­ge­re, ri­de­re e di es­se­re me stes­sa». La gio­va­ne Stoessel spriz­za va­lo­ri po­si­ti­vi da tut­ti i po­ri: «Il mes­sag­gio che espri­me il film, at­tra­ver­so il mio per­so­nag­gio, è pie­no di spe­ran­za e ot­ti­mi­smo: quan­do ti as­sal­go­no la tri­stez­za e lo scon­for­to non de­vi met­ter­ti a pian­ge­re nel chiu­so di una stan­za ma de­vi rea­gi­re e con­ti­nua­re a lot­ta­re per an­da­re avan­ti».I ra­gaz­zi del ca­st an­nui­sco­no con con­vin­zio­ne. Il por­to si­cu­ro del­la gio­va­ne star è la sua ca­sa in Ar­gen­ti­na, do­ve a di­re la ve­ri­tà sta po­chis­si­mo: «Ma quan­do vo­glio dav­ve­ro stac­ca­re», ri­ve­la Mar­ti­na-Vio­let­ta, «me ne va­do con le ami­che a Ba­ri­lò, un pae­se di ma­re a quat­tro ore di Bue­nos Ai­res». E se le chie­di qual è il suo im­pe­gno prin­ci­pa­le, in que­sto mo­men­to, la gio­va­ne can­tan­te-fe­no­me­no ri­spon­de sen­za esi­ta­re: «Im­pa­ra­re a vi­ve­re felice. A 19 an­ni, ho an­co­ra mol­ta stra­da da fa­re ma ce la sto met­ten­do tut­ta».

«LA CE­LE­BRI­TÀ? NON CI FAC­CIO NEM­ME­NO PIÙ CA­SO MA IL SUC­CES­SO PIÙ GRANDE È AVE­RE L’AMO­RE DEL PUB­BLI­CO»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.