ITA­LIA, LA SFI­DA È MON­DIA­LE

Il Messaggero (Viterbo) - - SPORT - LA NA­ZIO­NA­LE Lu­cia­no Dan­za

` A Mo­na­co di Ba­vie­ra gli az­zur­ri cer­ca­no con­fer­me do­po la bril­lan­te pre­sta­zio­ne of­fer­ta con­tro la Spa­gna «CHI HA CAM­BIA­TO IDEA SU DI NOI DO­PO UDI­NE NON CA­PI­SCE NUL­LA». DEN­TRO ZA­ZA CON IN­SI­GNE E BER­NAR­DE­SCHI ` La Ger­ma­nia iri­da­ta è av­ver­sa­rio mol­to com­pli­ca­to ma il ct non tre­ma: «Vo­glio ve­ri­fi­ca­re i più gio­va­ni»

MO­NA­CO «Gio­che­re­mo con­tro i mi­glio­ri. Ab­bia­mo il mas­si­mo ri­spet­to, ma li af­fron­te­re­mo sen­za al­cu­na paura». Con­te, da ct, sco­pre la Ger­ma­nia. Sta­se­ra, all’Al­lianz Are­na di Mo­na­co, nuo­vo te­st di pri­mo pia­no per l’Ita­lia. An­co­ra con­tro una gran­de, do­po l’ami­che­vo­le di ve­ner­dì a Udi­ne con­tro la Spa­gna. Dai cam­pio­ni d’Eu­ro­pa a quel­li del mon­do che da 20 an­ni non rie­sco­no a bat­ter­ci. «La lo­ro scon­fit­ta con­tro l'In­ghil­ter­ra non ci fa­vo­ri­sce, sa­ran­no de­ter­mi­na­ti e ar­rab­bia­ti. È esat­ta­men­te quel­lo che vo­le­vo per que­ste due par­ti­te».

PO­LE­MI­CA IN­FI­NI­TA

Con­te vuo­le ca­pi­re a che pun­to è la cre­sci­ta del­la Na­zio­na­le che, per più di 4 me­si, non ha po­tu­to al­le­na­re. Nem­me­no ne­gli sta­ge che ha ri­chie­sto dal gior­no del suo in­se­dia­men­to, nell’ago­sto del 2014. E che ades­so, pron­to a sa­lu­ta­re do­po Eu­ro 2016, con­ti­nua a rim­pian­ge­re: «Le con­vo­ca­zio­ni di Thia­go Mot­ta e Jor­gi­n­ho non so­no det­ta­te dall’emer­gen­za: li vo­le­vo ve­de­re di per­so­na e ora che li co­no­sco il ram­ma­ri­co di non aver po­tu­to chia­mar­li per tre gior­ni è gran­de. Pec­ca­to, pec­ca­to dav­ve­ro». Al­la vi­gi­lia del mat­ch con­tro i te­de­schi in­di­ca i so­li­ti ne­mi­ci e di con­se­guen­za non ne ri­spar­mia nes­su­no. «Se ba­sta la pre­sta­zio­ne con­tro la Spa­gna a far cam­bia­re idea sull’Ita­lia, vuol di­re che chi pri­ma da­va cer­ti giu­di­zi non ca­pi­sce di cal­cio. Io fir­me­rei per ti­ra­re no­ve vol­te in por­ta co­me con­tro gli spa­gno­li, o an­che per ave­re tan­te oc­ca­sio­ni co­me con­tro il Bel­gio». Il ct, in­som­ma, si­ste­ma i club ita­lia­ni che si so­no mes­si di tra­ver­so fi­no all’ul­ti­mo e an­che chi non ha sa­pu­to ap­prez­za­re il suo la­vo­ro. Lui, pur aven­do già scel­to il Chel­sea, pen­sa so­lo a quel­lo. Lo ga­ran­ti­sce an­che a Tra­pat­to­ni che lo in­vi­ta a di­fen­de­re il me­stie­re di tec­ni­co. «Lei ha ra­gio­ne, noi al­le­na­to­ri sia­mo giu­di­ca­ti sul­la ba­se dei ri­sul­ta­ti e non è giu­sto: ma que­sto è il cal­cio. Guar­da­te Lip­pi: ha vin­to il Mon­dia­le, poi quat­tro an­ni do­po è usci­to al pri­mo tur­no e nes­su­no si è ri­cor­da­to del 2006... Pran­del­li ha por­ta­to l'Ita­lia a es­se­re vi­ce­cam­pio­ne d'Eu­ro­pa e poi c'è sta­to il Mon­dia­le, ma il fal­li­men­to non è sta­to so­lo col­pa sua. Si vin­ce e si per­de tut­ti in­sie­me, co­sì è sta­to nei quat­tro an­ni che mi han­no pre­ce­du­to e co­sì sa­rà in Fran­cia. Quan­to al­la mia na­zio­na­le, non so co­sa fa­re­mo, ma qua­lun­que ri­sul­ta­to ot­ter­rem­mo so che avre­mo da­to il mas­si­mo».

UL­TI­MA OC­CA­SIO­NE

Il ct non ha an­co­ra chiu­so la li­sta dei 23 da por­ta­re all'Eu­ro­peo (e da con­se­gna­re il 31 mag­gio): «È ine­vi­ta­bi­le che una buo­na ba­se ci sia, ma un cer­to nu­me­ro di po­sti de­ve an­co­ra es­se­re as­se­gna­to. Do­vrò fa­re al­tre va­lu­ta­zio­ni in que­sta ami­che­vo­le e da qui al­la fi­ne del cam­pio­na­to. Un'idea pre­ci­sa, pe­rò, ce l'ho già». L’ami­che­vo­le ser­vi­rà per pro­va­re Acer­bi in difesa e Mon­to­li­vo a cen­tro­cam­po e per ri­pro­por­re dall’ini­zio, nel 3-4-3 uti­liz­za­to per la pri­ma vol­ta con­tro la Spa­gna, il tri­den­te con Ber­nar­de­schi, Za­za e In­si­gne. «È l'ul­ti­ma oc­ca­sio­ne per ve­de­re i gio­va­ni poi tra un me­se e mez­zo fa­rò le con­vo­ca­zio­ni. È a lo­ro che mi ri­fe­ri­sco quan­do di­co che da chi ha po­ca espe­rien­za in­ter­na­zio­na­le cer­co con­fer­me». Bo­nuc­ci già lo rin­gra­zia: «Da Con­te ho ri­ce­vu­to in­fi­ni­te co­no­scen­ze tat­ti­che: se so­no uno dei mi­glio­ri di­fen­so­ri al mon­do e in Eu­ro­pa, è gra­zie a lui. Ma non pos­so se­guir­lo so­no le­ga­to al­la Ju­ve fi­no al 2020». Khe­di­ra, in­ve­ce, esal­ta il no­stro cal­cio: «Con l’Ita­lia so­no sem­pre gran­di par­ti­te, spe­ria­mo di po­ter in­ter­rom­pe­re la lun­ga se­rie ne­ga­ti­va. Gli az­zur­ri so­no mol­to pre­pa­ra­ti a li­vel­lo tat­ti­co e la se­rie A è sot­to­va­lu­ta­ta». Sa­ba­to lo ju­ven­ti­no, nell’ami­che­vo­le con­tro l’In­ghil­ter­ra, è en­tra­to in cam­po da ca­pi­ta­no. «Un gran­dis­si­mo ono­re ma è so­lo prov­vi­so­ria: la fa­scia è di Sch­wein­stei­ger. La Ger­ma­nia, in van­tag­gio di 2 re­ti, ha per­so 3 a 2 con­tro la na­zio­na­le di Hodg­son: «Ab­bia­mo smes­so di gio­ca­re e sia­mo sta­ti pu­ni­ti. La le­zio­ne di Ber­li­no ci ser­vi­rà. Con­tro l'Ita­lia ab­bia­mo bi­so­gno di una pre­sta­zio­ne su­pe­rio­re. Que­ste par­ti­te ci ser­vo­no per mi­glio­ra­re e dob­bia­mo es­se­re sem­pre vi­gi­li: tut­ti vo­glio­no bat­te­re i cam­pio­ni del mon­do in ca­ri­ca. Noi pun­tia­mo a vin­ce­re l'Eu­ro­peo». Loew ha man­da­to a ca­sa Neuer (in­fluen­za in­te­sti­na­le), Con­te ha in­ve­ce evi­ta­to il viag­gio a Bo­na­ven­tu­ra (feb­bre).

AL­LIANZ ARE­NA Il grup­po az­zur­ro ie­ri se­ra nel­lo sta­dio di Mo­na­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.