Di Na­ta­le an­ti­ci­pa l’ad­dio «Via da Udi­ne a te­sta al­ta»

Il Messaggero (Viterbo) - - SPORT - L’AN­NUN­CIO Matteo So­rio

RO­MA Quel toc­co sot­to che zit­tì il Mas­si­mi­no di Ca­ta­nia. Quel­la se­mi­ro­ve­scia­ta che ghiac­ciò la Lazio. Quel si­ni­stro al vo­lo che il por­tie­re del Chievo qua­si gli chie­de­va l'au­to­gra­fo. Do­po aver ba­sto­na­to de­mo­cra­ti­ca­men­te un po' tut­ti, Totò Di Na­ta­le stro­fi­na per l'ultima vol­ta gli scar­pi­ni del­la sua vi­ta, co­lo­ra­ti di bian­co­ne­ro e spon­so­riz­za­ti dal­la fa­mi­glia Poz­zo. Co­me Tot­ti per la Ro­ma e Del Piero per la Juve, il 38en­ne ex scu­gniz­zo di Po­mi­glia­no d'Ar­co è sta­to il fran­co­bol­lo dell'Udi­ne­se. «Contro il Car­pi, a fi­ne sta­gio­ne, fe­steg­ge­rò la mia ultima al Friu­li: so­no sta­ti 12 an­ni bel­lis­si­mi». L'an­nun­cio di ieri è l'an­nun­cio di un bom­ber per vo­ca­zio­ne (brac­cia a mo' di ae­ro­pla­no e via) che stac­ca la ban­die­ri­na del pro­prio ge­nio e stu­dia il ven­to che ti­ra. «Smet­te­re? Chie­do a Tot­ti... So­no vec­chio ma sto be­ne. Ve­dre­mo».

RE DI PRO­VIN­CIA

Di Na­ta­le s'è in­col­la­to a Udi­ne co­me un ta­tuag­gio. Pre­sen­ze: 444. Gol: 226. Più che un at­tac­can­te, un'as­si­cu­ra­zio­ne sul­la vi­ta. Do­po la ram­pa di Em­po­li, gran par­te del­la tor­ta di que­sto 38en­ne ter­ri­bi­le (fa ef­fet­to l'uni­ca re­te di que­st'an­no) è sta­ta in­far­ci­ta lì, in Friu­li, dal 2004 a og­gi. Di Na­ta­le è l'Udi­ne­se che si con­so­li­da e sbir­cia l'Eu­ro­pa dal­la por­ta prin­ci­pa­le (la Cham­pions nel 2005, 2011 e 2012). Di Na­ta­le è an­che l'Udi­ne­se che s'il­lu­mi­na di lui (due vol­te ca­po­can­no­nie­re, 2010 e 2011) e l'ac­com­pa­gna ai 208 gol in A: da­van­ti Pio­la (274), Tot­ti (247), Nor­da­hl (225), Meaz­za e Al­ta­fi­ni (216), die­tro Bag­gio (205), Ham­rin (190), Si­gno­ri e Del Piero (188). Ma l'Udi­ne­se, per Di Na­ta­le, è sta­ta pu­re un mor­bi­do cu­sci­no. Quan­do gi­ra­va stor­ta in Na­zio­na­le (43 ga­re, 11 gol, quel ri­go­re fal­li­to all'Eu­ro­peo 2008 e al­tre ama­rez­ze va­rie) ec­co il na­vi­ga­to­re a ri­cor­dar­gli la via friu­la­na. Azzurro te­ne­bra? C'è sem­pre un' al­tra ma­glia con cui spar­pa­glia­re bel­lez­za nel wee­kend.

FRIU­LA­NO “DOC”

TOTÒ HA AN­TI­CI­PA­TO CHE A FI­NE STA­GIO­NE LA­SCE­RÀ IL FRIU­LI MA NON IL CAL­CIO «CHIE­DE­RÒ CON­SI­GLI A FRAN­CE­SCO...»

Con quel­la ma­glia lì, Di Na­ta­le ha ro­vi­na­to le do­me­ni­che di tan­ti. Vit­ti­me pre­fe­ri­te: Samp (18 pun­tu­re), Ro­ma (14) e Lazio (13). Trop­pa gra­zia, a es­ser pi­gno­li, con la Juve (4 sgar­bi). Quel­la Juve che bus­sò nell'esta­te 2010. «I friu­la­ni m'han­no in­se­gna­to cul­tu­ra del la­vo­ro e ri­spet­to. Gra­zie, ma sto be­ne qui». Mai una ten­ta­zio­ne. Giu­sto l'In­ghil­ter­ra. «Per stadio e at­mo­sfe­ra, avrei vo­lu­to il Li­ver­pool». A Udi­ne lo stadio è cam­bia­to, nuo­vo di zec­ca. Ma ades­so cam­bia che Di Na­ta­le fa bye bye. Sco­per­to da Lo­ren­zo D'Ama­to nel­la mi­ti­ca scuo­la-cal­cio na­po­le­ta­na del Ca­stel Ci­ster­na (ve­di Mon­tel­la), Di Na­ta­le è og­gi un cal­cia­to­re che met­te in va­li­gia (o in sof­fit­ta?) ol­tre 300 gol da pro­fes­sio­ni­sta. «Vi­vo in una cit­tà che la do­me­ni­ca se­ra, co­mun­que va­da, mi per­met­te di por­ta­re in piaz­za i bam­bi­ni». È una del­le ul­ti­me de­di­che di Totò al­la sua Udi­ne. Del­la serie: c'era­va­mo, e ci sia­mo, tan­to ama­ti.

(fo­to LAPRESSE)

BOM­BER An­to­nio Di Na­ta­le, clas­se 1977

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.