«Clien­te­li­smo il ve­ro ma­le e Ro­ma è ri­ma­sta al pa­lo»

Il Messaggero (Viterbo) - - PRIMO PIANO -

Ni­co­la Pio­va­ni, quan­do guar­da Ro­ma co­me la tro­va? «Quan­do la guar­da­vo da bam­bi­no, c’era­no gli im­mon­dez­zai che pas­sa­va­no per i pia­ne­rot­to­li dei con­do­mi­ni, ve­sti­ti di uno spol­ve­ri­no gri­gio un­to e puz­zo­len­te, rac­co­glie­va­no i sec­chi fo­de­ra­ti di gior­na­li e li svuo­ta­va­no in sac­chi di ju­ta spor­ca a vol­te bu­ca­ti, che la­scia­va­no de­tri­ti per le sca­le, per poi svuo­tar­li su un ca­mion tra­boc­can­te mon­nez­za a cie­lo aper­to. Il mer­ca­to del pe­sce di via La­go­let­ta, al po­me­rig­gio, la­scia­va sco­rie fe­ti­de: il ma­lo­do­re ve­ni­va co­per­to da un di­sin­fet­tan­te bian­co (aci­do fe­ni­co?) che ve­ni­va get­ta­to a chi­la­te sui mar­cia­pie­di e sull’asfal­to, che ave­va un odo­re più nau­sea­bon­do del­le ca­poc­ce di pe­sce mar­cio. Gli abi­tan­ti del­la via non met­te­va­no ma­sche­ri­ne sul na­so per­ché non esi­ste­va­no. Quin­di, l’im­mon­di­zia ro­ma­na di og­gi mi ad­do­lo­ra, ma non mi scioc­ca più di tan­to: la mon­nez­za a Ro­ma è an­ti­ca».

Esa­ge­ria­mo nel de­scri­ve­re Ro­ma a tin­te fo­sche?

«Sì, ma det­to que­sto, Ro­ma og­gi ha ve­ra­men­te bi­so­gno di vol­ta­re pa­gi­na. Non cre­do che ab­bia bi­so­gno di ri­for­me, ha bi­so­gno di una ri­vo­lu­zio­ne».

Qual è la ve­ra dif­fe­ren­za tra la no­stra Capitale e le al­tre?

«La dif­fe­ren­za che no­to viag­gian­do è que­sta: gran­di ca­pi­ta­li eu­ro­pee, co­me Ma­drid ad esem­pio, 25 an­ni fa era­no ar­re­tra­te ri­spet­to al­lo stan­dard ci­vi­le di Ro­ma, era­no in­die­tro. Ora so­no avan­ti di due de­cen­ni, ci han­no sor­pas­sa­to su mol­ti cam­pi ci­vi­li: tra­spor­ti pub­bli­ci, rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta, traf­fi­co, scuo­le, Wi-Fi… Per­ché? Se­con­do me - e sot­to­li­neo se­con­do me - per­ché un ven­ten­nio di ber­lu­sco­ni­smo e di an­ti­ber­lu­sco­ni­smo ha fat­to dan­ni ir­re­pa­ra­bi­li, ha bloc­ca­to ogni pro­gres­so ci­vi­le, pub­bli­co, ha si­gil­la­to un Pae­se tut­to ri­vol­to a oc­cu­par­si di suoi te­mi per­so­na­li. Sia­mo sta­ti am­pia­men­te sca­val­ca­ti dai fra­tel­li eu­ro­pei: noi di­scu­te­va­mo di Ru­by Ru­ba­cuo­ri, ban­da­ne, bun­ga bun­ga, Api­cel­la, gli al­tri fa­ce­va­no me­tro­po­li­ta­ne, ospe­da­li, tea­tri nuo­vi, in­for­ma­tiz­za­zio­ne. Que­sto na­tu­ral­men­te ri­guar­da tut­ta l’Ita­lia, ma Ro­ma, co­me lei sa, è l’avan­guar­dia del Pae­se, nel be­ne e nel ma­le. So­prat­tut­to nel ma­le. E quat­tro an­ni di am­mi­ni­stra­zio­ne Ale­man­no so­no sta­ti co­me la pe­ro­no­spo­ra sui vi­ti­gni del Fra­sca­ti».

È so­lo la po­li­ti­ca ad aver fun-

Il pre­mio Oscar: noi per un ven­ten­nio a li­ti­ga­re su Ber­lu­sco­ni, le al­tre ca­pi­ta­li ci han­no su­pe­ra­to NON BA­STA REN­DE­RE PIÙ EF­FI­CIEN­TI I MU­SEI E CU­RA­RE I MO­NU­MEN­TI, È TUT­TA LA CUL­TU­RA CIT­TA­DI­NA CHE DE­VE FUN­ZIO­NA­RE AN­CHE I CIT­TA­DI­NI SO­NO RE­SPON­SA­BI­LI MA È LA PO­LI­TI­CA CHE DE­VE SCE­GLIE­RE SE FAR LE­VA SUI PRE­GI O SUI DI­FET­TI DEL PO­PO­LO «La prio­ri­tà per il nuo­vo sin­da­co sa­rà quel­la di estir­pa­re cor­ru­zio­ne e il­le­ga­li­tà»

zio­na­to ma­le?

«Si­cu­ra­men­te la re­spon­sa­bi­li­tà è an­che dei cit­ta­di­ni. Ma la po­li­ti­ca può sce­glie­re, de­ve sce­glie­re se fa­re le­va sul­le qua­li­tà di un po­po­lo o sui suoi di­fet­ti. Il cit­ta­di­no ro­ma­no è pi­gro e ela­sti­co ver­so le leg­gi, ma in mol­te oc­ca­sio­ni ha pe­rò ri­ve­la­to uno spi­ri­to di so­li­da­rie­tà ci­vi­ca in­so­spet­ta­to. Cer­to, se si ve­de cir­con­da­to di mac­chi­ne in se­con­da fi­la, se si sen­te guar­da­to co­me un cre­ti­no se cer­ca in­va­no di obli­te­ra­re il bi­gliet­to del tram, se ve­de cor­sie pre­fe­ren­zia­li pre­fe­ri­te da chiun­que, iso­le pe­do­na­li che sem­bra­no cir­cui­ti au­to­mo­bi­li­sti­ci e via co­sì, il cit­ta­di­no ro­ma­no è mol­to in­cli­ne ad ade­guar­si al co­ro dei peg­gio­ri».

La pri­ma co­sa che de­ve fa­re il pros­si­mo sin­da­co?

«Estir­pa­re la cor­ru­zio­ne e l’il­le­ga­li­tà. Que­sta è sen­za dub­bio la pre­mes­sa di tut­to. La grande cor­ru­zio­ne che fa ca­po al­le cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­te, la me­dia cor­ru­zio­ne dei pub­bli­ci am­mi­ni­stra­to­ri che suc­chia­no van­tag­gi per­so­na­li da tut­te le ope­ra­zio­ni, il clien­te­li­smo del­le nomine in ospe­da­le co­me nel­le or­che­stre. E poi c’è la pic­co­la cor­ru­zio­ne fi­sio­lo­gi­ca quo­ti­dia­na, la più dif­fu­sa, quel­la che è di­ven­ta­ta an­tro­po­lo­gia ac­cet­ta­ta, l’eva­sio­ne fi­sca­le del­la bra­va gen­te. Se su tut­to que­sto non si fa in­ver­sio­ne a U, tut­te le bat­ta­glie sa­ran­no me­to­di­ca­men­te per­se. Una co­sa è cer­ta: il fu­tu­ro sin­da­co/a di

FUN­ZIO­NA­NO BE­NE L’AU­DI­TO­RIUM AL FLA­MI­NIO D’ESTA­TE, IL GLOBE THEA­TRE E L’OPE­RA DI RO­MA

Il com­po­si­to­re Ni­co­la Pio­va­ni

Il Cam­pi­do­glio

(fo­to TOIATI)

Fi­la al Co­los­seo

Il Tri­bu­na­le di Ro­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.