Re­fe­ren­dum, Ren­zi in­si­ste «Nel Pd nien­te espul­sio­ni» Ma è ten­sio­ne con i ri­bel­li

Il Messaggero (Viterbo) - - PRIMO PIANO - IL CA­SO Ni­no Ber­to­lo­ni Me­li

RO­MA Il Pd sa­rà pu­re un par­ti­to li­ti­gio­so, nel Pd ci sa­rà pu­re una mi­no­ran­za che non per­de oc­ca­sio­ne di cri­ti­ca­re e an­co­ra cri­ti­ca­re, «ma nel Pd non si but­ta fuo­ri nes­su­no», scan­di­sce Mat­teo Ren­zi, che ri­cor­da pu­re che «in que­sto par­ti­to si di­scu­te, ci si con­fron­ta, ma non si man­da­no mail ano­ni­me, né per­so­ne che ven­go­no a dir­ti quel che si può fa­re o non si de­ve fa­re». E ogni ri­fe­ri­men­to al M5S è vo­lu­to, in­si­sti­to, non ca­sua­le. Poi la bat­tu­ta: «Più che pen­ta­stel­la­ti, mi sem­bra­no pen­ta­par­ti­to», rin­ca­ra Ren­zi. Tut­to que­sto av­vie­ne a To­ri­no, do­ve il premier se­gre­ta­rio ha aper­to la set­ti­ma­na fi­na­le elet­to­ra­le che lo ve­drà poi a Mi­la­no, a Ro­ma e nel­le al­tre mag­gio­ri cit­tà im­pe­gna­te al vo­to. Nel ca­po­luo­go pie­mon­te­se a so­ste­gno di Pie­ro Fas­si­no, im­pe­gna­to nel ru­sh fi­na­le per ten­ta­re di spun­tar­la al pri­mo tur­no, «un po’ co­me Ni­ba­li che pro­prio a To­ri­no ha con­clu­so la sua trion­fa- le ri­mon­ta al Gi­ro pro­prio all’ul­ti­mo scat­to», ha ri­cor­da­to Ser­gio Chiam­pa­ri­no, al­tro grande spon­sor del sin­da­co uscen­te.

L’IN­TER­VEN­TO

Ren­zi ne ha ap­pro­fit­ta­to an­che per pun­tua­liz­za­re che per lui rot­ta­ma­zio­ne non ha mai si­gni­fi­ca­to lot­ta al vec­chio in no­me del nuo­vo, «di gen­te co­me Fas­si­no c’è grande bi­so­gno, so­no ono­ra­to di per­so­ne di espe­rien­za, che fan­no be­ne e che mi dan­no dei con­si­gli», ri­co­no­sce Ren­zi, la rot­ta­ma­zio­ne è ser­vi­ta «lad­do­ve si era crea­ta una pa­lu­de e non si riu­sci­va ad an­da­re avan­ti a fa­re le co­se che ser­vo­no al Pae­se». Sot­to la Mo­le, il premier ha par­la­to del­la Fiat ora Fca, non ri­spar­mian­do­si frec­cia­te al­la sua si­ni­stra, «se fos­si­mo sta­ti die­tro a Lan­di­ni e Ai­rau­do, a que­st’ora Fca non sa­reb­be più qui». Non ha par­la­to di ri­for­me né di re­fe­ren­dum, que­sta vol­ta, ma è chia­ro or­mai che i due te­mi - am­mi­ni­stra­ti­ve e re­fe­ren­dum - si ten­go­no in­sie­me, non in quan­to trai­no, ma in quan­to “pac­chet­to” uni­ta­rio: il vo­to per i sin­da­ci Pd e le ri­for­me co­sti­tui­sco­no un uni­cum che rap­pre­sen­ta «l’Ita­lia che vuo­le cam­bia­re e non ac­cet­ta più i ve­ti e le pa­sto­ie che l’han­no fi­no­ra fre­na­ta». Un al­lea­to im­por­tan­te e pre­zio­so per il sì al re­fe­ren­dum di ot­to­bre Ren­zi lo ha tro­va­to in Vin­cen­zo Boc­cia nuo­vo pre­si­den­te di Con­fin­du­stria. Re­pli­can­do a Ber­lu­sco­ni che ave­va par­la­to di «aspi­ran­ti sud­di­ti» a pro­po­si­to di in­du­stria­li fa­vo­re­vo­li al sì, Boc­cia scan­di­sce: «Noi sa­re­mo sud­di­ti del no­stro pen­sie­ro li­be­ro e in­di­pen­den­te», quin­di en­tra nel me­ri­to: «Le ri­for­me so­no dei cit­ta­di­ni non dei par­ti­ti». Sul ver­san­te ri­for­me, e non so­lo, la mi­no­ran­za in­ter­na al Pd con­ti­nua a te­ne­re il pun­to. In ne­ga­ti­vo. E le di­stan­ze au­men­ta­no fi­no a ri­schia­re «il pun­to di non ri­tor­no», co­me or­mai scri­vo­no di­ver­si si­ti e blog. Le rea­zio­ni ri­sen­ti­te a un’in­ter­vi­sta di Fran­ce­schi­ni, con Cu­per­lo che ar­ri­va a sco­mo­da­re «l’one­stà in­tel­let­tua­le», han­no ag­giun­to ben­zi­na al fuo­co, ma i be­ne in­for­ma­ti fan­no no­ta­re che è una rea­zio­ne stiz­zi­ta al fat­to che Fran­ce­schi­ni schie­ra­to an­co­ra con Ren­zi si­gni­fi­ca per la mi­no­ran­za ave­re già per­so il con­gres­so an­che tra gli iscrit­ti pri­ma an­co­ra che al­le pri­ma­rie.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.