Il lea­der sce­glie un pro­fi­lo “re­spon­sa­bi­le”: nien­te gri­da, usci­ran­no al­tre por­che­rie

Il Messaggero - - Primo Piano - AT­TE­SE E SPE­RAN­ZE L'ESCA­LA­TION Al­ber­to Gen­ti­li

RO­MA Mat­teo Ren­zi su Con­sip sce­glie il pro­fi­lo bas­so. Ai suoi ha chie­sto di non al­za­re i to­ni e di smet­ter­la di par­la­re di com­plot­to. Per un fair play isti­tu­zio­na­le gra­di­to a Ser­gio Mat­ta­rel­la. E in os­se­quio a una pre­ci­sa strategia di co­mu­ni­ca­zio­ne: «E' inu­ti­le gri­da­re, le co­se ci stan­no dan­do ra­gio­ne e la ve­ri­tà sta ve­nen­do a gal­la. Tut­to ciò ha un ri­tor­no po­li­ti­co e d'im­ma­gi­ne che non va di­sper­so con iste­ri­smi». Tan­to più che il se­gre­ta­rio dem è con­vin­to che «al­tre por­che­rie» com­piu­te da chi ha ma­ni­po­la­to le pro­ve dell'in­chie­sta Con­sip, «sal­te­ran­no fuo­ri».

In par­ti­co­la­re l'at­ten­zio­ne di Ren­zi e dei fe­de­lis­si­mi è ap­pun­ta­ta sul fa­mo­so “piz­zi­no”: «Ma vi sem­bra cre­di­bi­le e pos­si­bi­le che sia sta­to tro­va­to un bi­gliet­to strac­cia­to nel­la spaz­za­tu­ra di Ro­meo, che sia sta­to ri­com­po­sto e che guar­da ca­so ci fos­se scrit­to “30 mi­la al me­se per T.” che avreb­be vo­lu­to di­re Ti­zia­no Ren­zi? E' una fol­lia», di­ce un de­pu­ta­to del Gi­glio Ma­gi­co, «in real­tà or­mai non c'è al­cu­na cer­tez­za in quel­la in­da­gi­ne...». La spe­ran­za tra i dem è che scat­ti l'ar­chi­via­zio­ne, pri­ma dell'ini­zio del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le, per bab­bo Ren­zi e per il mi­ni­stro del­lo Sport Lu­ca Lot­ti. «An­che per­ché Mat­teo vit­ti­ma di un in­tri­go giu­di­zia­rio», di­ce un al­tro ren­zia­no, «può con­qui­sta­re la sim­pa­tia del­la gen­te». E vo­ti.

Ma tra i ren­zia­ni doc c'è an­che chi è con­vin­to che con o sen­za ar­chi­via­zio­ne «non cam­bi nul­la»: «Or­mai que­sta in­da­gi­ne è di­ven­ta­ta una bu­fa­la. Si è sco­per­to che so­no sta­te con­traf­fat­te del­le in­ter­cet­ta­zio­ni, fa­cen­do pas­sa­re per det­te da Ro­meo pa­ro­le pro­nun­cia­te in­ve­ce da Ita­lo Boc­chi­no, co­me un i ncon­tro con Ren­zi. E c'è ad­di­rit­tu­ra un ca­pi­to­lo nell'in­chie­sta na­po­le­ta­na in cui si chia­ma­no in bal­lo i ser­vi­zi se­gre­ti. Co­sa del tut­to fal­sa, co­me ha ac­cer­ta­to la Pro­cu­ra di Ro­ma».

Inu­ti­le di­re che l'umore nel quar­tier ge­ne­ra­le del Na­za­re­no è mi­glio­ra­to net­ta­men­te do­po le ul­ti­me ri­ve­la­zio­ni sull'ope­ra­to di Scar­fa­to e De Ca­prio, co­me do­po l'im­pu­ta­zio­ne per fal­so del pm na­po­le­ta­no Woo­d­cock. Di col­po sem­bra sgre­to­lar­si l'in­chie­sta che per me­si ave­va te­nu­to sul­la gra­ti­co­la il lea­der dl Pd. La scel­ta di Ren­zi, si di­ce­va, non è pe­rò quel­la di an­da­re all'attacco, ma di mar­ca­re il pro­fi­lo isti­tu­zio­na­le. Non a ca­so in un'in­ter­vi­sta al Tg5 più vol­te ri­pe­te il ter­mi­ne “isti­tu­zio­ni”: «Chi c'è die­tro que­sto scan­da­lo co­strui­to ad ar­te per col­pi­re il Pd? Lo sco­pri­ran­no i giu­di­zi. Ho fi­du­cia nel­la ma­gi­stra­tu­ra e nel­le isti­tu­zio­ni di que­sto Pae­se». An­co­ra: «In­vi­to al­la cal­ma per­ché que­sto è il mo­men­to di ave­re gran­de ri­spet­to per le isti­tu­zio­ni». Una scel­ta che ri­guar­da an­che l'Ar­ma: «Per un ca­ra­bi­nie­re che fal­si­fi­ca le pro­ve ce ne so­no mi­glia­ia che fan­no be­nis­si­mo il lo­ro la­vo­ro». Pa­ro­le e at­teg­gia­men­to che avran­no si­cu­ra­men­te strap­pa­to il plau­so del Col­le.

L'esca­la­tion del “com­plot­to” con le ri­ve­la­zio­ni del­la pm mo­de­ne­se Lu­cia Mu­sti ha in più ri­com­pat­ta­to il par­ti­to. Una no­vi­tà as­so­lu­ta in ca­sa dem. Il fat­to che il pri­mo a scen­de­re in cam­po in di­fe­sa dell'ex pre­mier sia sta­to Da­rio Fran­ce­schi­ni, con cui i rap­por­ti era­no da tem­po ai mi­ni­mi ter­mi­ni, è un se­gna­le che non è sfug­gi­to nel quar­tier ge­ne­ra­le del Na­za­re­no. E nes­su­no ha da ri­di­re per il si­len­zio “isti­tu­zio­na­le” dell'al­tro ri­va­le, An­drea Or­lan­do che di la­vo­ro fa il mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia: «Non pos­so espri­me­re va­lu­ta­zio­ni su una vi­cen­da sul­la qua­le è aper­to sia un fa­sci­co­lo pe­na­le sia una va­lu­ta­zio­ne dal pun­to di vi­sta di­sci­pli­na­re», ha fat­to sa­pe­re ie­ri se­ra il Guar­da­si­gil­li.

(fo­to LAPRESSE)

Ser­gio Mat­ta­rel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.