Nuo­vo ci­ne­ma

Gli Uni­ver­sal Stu­dios di Hol­ly­wood cam­bia­no vol­to e mo­stra­no già co­sa sa­rà la set­ti­ma ar­te del fu­tu­ro: espe­rien­ze di nuo­va ge­ne­ra­zio­ne per at­ti­ra­re mi­glia­ia di ap­pas­sio­na­ti. L'in­stal­la­zio­ne più get­to­na­ta è quel­la di “Shi­ning” se­gui­ta dal­la ri­co­stru­zio­ne d

Il Messaggero - - Marco -

LOS ANGELES on la tec­no­lo­gia im­mer­si­va la fan­ta­sia non si stuz­zi­ca, si vi­ve. Lo san­no be­ne gli stu­di ci­ne­ma­to­gra­fi­ci e i par­chi te­ma­ti­ci che ar­ruo­la­no in­ge­gne­ri, esper­ti di com­pu­ter e ani­ma­tro­ni­ca per far vi­ve­re al pub­bli­co un'espe­rien­za più rea­li­sti­ca pos­si­bi­le e che al ca­lar dell'esta­te stan­no già lan­cian­do le at­tra­zio­ni au­tun­no-in­ver­no, quan­do l'hor­ror è si­no­ni­mo di pau­ra e buo­ni in­cas­si. Le vec­chie ca­se dell'or­ro­re non ba­sta­no più, co­sì da ie­ri gli Uni­ver­sal Stu­dios di Hol­ly­wood han­no aper­to per il tur­no se­ra­le ben ot­to ter­ri­fi­can­ti espe­rien­ze di nuo­va ge­ne­ra­zio­ne, ispi­ra­te a film e se­rie tv di suc­ces­so e i bi­gliet­ti si so­no pol­ve­riz­za­ti: per i cor­ri­doi di “Ame­ri­can Hor­ror Sto­ry” si fug­ge dall'uo­mo di gom­ma, l'uo­mo ma­ia­le, il clo­wn per­ver­so Twi­sty e dai freak del cir­co El­sa; nel­la ca­sa di “Ash vs Evil Dead” si tor­na a com­bat­te­re l'ar­ma­ta del­le te­ne­bre li­be­ra­ta da un li­bro ma­le­det­to ne­gli an­ni '80, evi­tan­do per­so­ne e og­get­ti pos­se­du­ti dai de­mo­ni; nei cu­ni­co­li di “Saw” ci si bar­ca­me­na fra trap­po­le, in­do­vi­nel­li e sa­di­ci espe­ri­men­ti dell'Enig­mi­sta. Ogni at­tra­zio­ne è stu­dia­tis­si­ma, ar­ri­va un col­po ogni 10 se­con­di, con ef­fet­ti spe­cia­li tri­di­men­sio­na­li e ve­lo­ci vi­deo­pro­ie­zio­ni che si al­ter­na­no a sce­ne dal vi­vo re­pli­ca­te mi­glia­ia di vol­te al gior­no, un ta­glio per me­tà tea­tra­le per l'al­tra qua­si da vi­deo­gio­co. Il pro­ta­go­ni­sta as­so­lu­to di que­st'an­no è “Shi­ning”, in­stal­la­zio­ne at­te­sa da 12 an­ni, tut­ta vol­ta a re­sti­tui­re la len­ta di­sce­sa nel­la fol­lia del Jack Tor­ren­ce nel film di Ku­brick, esem­pio di co­me il ci­ne­ma pos­sa di­ven­ta­re real­tà gra­zie al­la tec­no­lo­gia, ma non sen­za il la­vo­ro cer­to­si­no di ar­ti­gia­ni che ri­crea­no il set nei mi­ni­mi det­ta­gli. L'in­gres­so è dal la­bi­rin­to, il pri­mo in­con­tro è con la ico­ni­ca por­ta “Re­drum” e il man­tra im­paz­zi­to dei ta­sti di Jack che pren­de l'ascia e

C

L'in­gres­so de­gli Uni­ver­sal Stu­dios in Ca­li­for­nia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.