All'Imax lo spet­ta­co­lo è ri­vo­lu­zio­na­rio tut­ti in sa­la con i vi­so­ri “vir­tua­li” per muo­ver­si tra le Guer­re Stel­la­ri

Il Messaggero - - Marco - MO­VI­MEN­TO S.O.

Imax di Los Angeles sta di­ven­tan­do una tap­pa ob­bli­ga­to­ria per chi è di­ret­to agli Uni­ver­sal Stu­dios o per chi ha vo­glia di met­te­re pie­de in un av­ve­ni­re pro­prio die­tro l'angolo. Non fa par­te de­gli stu­di ci­ne­ma­to­gra­fi­ci, si tro­va fuo­ri, in un edi­fi­cio in zo­na Hol­ly­wood, ma il ti­po di espe­rien­za che of­fre è al­tret­tan­to im­per­di­bi­le e di si­cu­ro più ab­bor­da­bi­le: dai 7 ai 10 eu­ro a se­du­ta, che du­ra dai 5 ai 10 minuti. Si sce­glie il film, (i più get­to­na­ti so­no Guer­re stel­la­ri e Pa­ra­nor­mal Ac­ti­vi­ty), si in­dos­sa il vi­so­re e si en­tra in un fu­tu­ri­sti­co pod, una stan­za pri­va­ta do­ve po­ter­si muo­ve­re sen­za pe­ri­co­lo quan­do la per­ce­zio­ne del­la real­tà sa­rà to­tal­men­te cam­bia­ta e il fi­si­co ri­spon­de­rà agli im­pul­si vi- si­vi e so­no­ri pri­ma an­co­ra che ve ne ac­cor­gia­te. Pur sa­pen­do che si trat­ta di fin­zio­ne, è pra­ti­ca­men­te im­pos­si­bi­le non schi­va­re la Mil­len­nium Fal­con men­tre at­ter­ra, non ri­ma­ne­re a boc­ca aper­ta quan­do sor­ge il tri­plo so­le del pia­ne­ta Ta­tooi­ne, non ar­meg­gia­re con la spa­da la­ser quan­do sa­re­te at­tac­ca­ti da Storm­troo­per. Ogni mo­vi­men­to cor­ri­spon­de in tem­po rea­le ad un al­tro nel vi­deo. Pa­ra­nor­mal Ac­ti­vi­ty è uno dei gio­chi gui­da­ti più com­ples­si, c'è bi­so­gno di ascol­ta­re i co­man­di vo­ca­li di un ope­ra­to­re, e si in- te­ra­gi­sce con la sce­na, apren­do por­te e rac­co­glien­do og­get­ti. E' qui che si sbir­cia nel fu­tu­ro: la pau­ra è as­si­cu­ra­ta ma an­che il sen­so di iso­la­men­to. La real­tà vir­tua­le è an­co­ra un mer­ca­to di nic­chia, avanza ve­lo­ce­men­te nel cam­po dei vi­deo­gio- chi e in quel­lo me­di­co, do­ve co­min­cia ad es­se­re usa­ta sia dai chi­rur­ghi on­co­lo­gi­ci che os­ser­va­no la mas­sa tu­mo­ra­le men­tre ope­ra­no, sia dai pa­zien­ti co­me te­ra­pia per af­fron­ta­re an­sie e fo­bie. Va più len­ta­men­te al ci­ne­ma, ma un gior­no non lon­ta­no viag­ge­rà pa­ral­le­la­men­te al gran­de scher­mo, mol­to ten­ta­to dal­la vi­sio­ne a 360°. Lo di­mo­stra­no i tan­ti cor­to­me­trag­gi che stan­no uscen­do in que­sto for­ma­to, di ani­ma­zio­ne co­me “Pearl“ e “Spe­cial De­li­ve­ry” o co­me “My Bro­ther's Kee­per“, sul­la Guer­ra ci­vi­le americana. Ad Am­ster­dam è sta­to inau­gu­ra­to il pri­mo Vir­tual Rea­li­ty Ci­ne­ma e i fe­sti­val se­guo- no il trend, si è al­li­nea­ta an­che l'ul­ti­ma mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia, in­di­cen­do il pri­mo con­cor­so nel­la sto­ria de­di­ca­to ai film in real­tà vir­tua­le. Per fa­re l'espe­rien­za ci si de­ve ve­sti­re ade­gua­ta­men­te, con gran­di ma­sche­re, e se­der­si su pol­tro­ne gi­re­vo­li per spo­star­si co­mo­da­men­te. Il fa­sci­no è in­di­scu­ti­bi­le: lo spet­ta­to­re è an­che il re­gi­sta, de­ci­de co­sa in­qua­dra­re e per quan­to a lun­go. Per pro­va­re ogni an­go­la­zio­ne, l'espe­rien­za in ge­ne­re si ri­pe­te più vol­te. An­che il lun­go­me­trag­gio è già sta­to spe­ri­men­ta­to, e non po­te­va che es­se­re la Pas­sio­ne di Cri­sto, in “Je­sus VR – The Sto­ry of Ch­ri­st“. Ci vor­rà tem­po pri­ma che di­ven­ti nor­ma­li­tà, d'al­tron­de è sta­to co­sì an­che nel pas­sag­gio dal film mu­to a quel­lo so­no­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.